Nicola Barker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Nicola Barker (Ely, 30 marzo 1966) è una scrittrice britannica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Ely, nella contea del Cambridgeshire, nel 1966, vive e lavora a Londra[1].

Ha vissuto parte della giovinezza in Sudafrica prima di tornare in Inghilterra all'età di 14 anni[2].

Completati gli studi al King's College di Cambridge, ha esordito nella narrativa nel 1993 con la raccolta di racconti Love Your Enemies[3].

Successivamente ha dato alle stampe altre due raccolte e 12 romanzi tradotti in numerosi paesi[4].

Nella sua carriera ha ricevuto svariati riconoscimenti tra i quali l'Hawthornden Prize nel 2008 per Darkmans, l'IMPAC nel 2000 per Disarmati e il Goldsmiths Prize nel 2017 per H(a)ppy[5].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • Reversed Forecast (1994)
  • Small Holdings (1995)
  • Disarmati (Wide Open) (1998), Roma, Fazi, 2001 Traduzione di Martina Rinaldi ISBN 88-8112-306-1
  • Five Miles from Outer Hope (2000)
  • Behindlings (2002)
  • L'evidenza dei fatti (Clear: A Transparent Novel) (2004), Pavia, Sartorio, 2008 Traduzione di Simona Vinci ISBN 978-88-6009-023-2
  • Darkmans (2007)
  • Burley Cross Postbox Theft (2010)
  • The Yips (2012)
  • In the Approaches (2014)
  • The Cauliflower (2016)
  • H(a)ppy (2017)

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • Love Your Enemies (1993)
  • Heading Inland (1996)
  • The Three Button Trick: Selected Stories (2001)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Nicola Barker Books & Biography, su harpercollins.co.uk. URL consultato il 29 novembre 2017.
  2. ^ (EN) Biography, Critical perspective, Bibliography and Awards, su literature.britishcouncil.org. URL consultato il 29 novembre 2017.
  3. ^ Biografia e tematiche, su treccani.it. URL consultato il 29 novembre 2017.
  4. ^ (EN) Nicola Barker: From cult novelist to Man Booker favourite, su telegraph.co.uk. URL consultato il 29 novembre 2017.
  5. ^ (EN) Nicola Barker wins Goldsmiths Prize with H(a)ppy, su irishtimes.com. URL consultato il 27 novembre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN66627085 · ISNI (EN0000 0001 0860 2354 · LCCN (ENn94013680 · GND (DE12142927X · BNF (FRcb13532745f (data) · NLA (EN35094921 · WorldCat Identities (ENn94-013680