Nicolò Melodia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nicolò Melodia

Senatore del Regno d'Italia
Durata mandato12 dicembre 1892 –
24 dicembre 1929
Legislaturadalla XVIII (nomina 10 ottobre 1892)
Tipo nominaCategoria: 3
Incarichi parlamentari
Cariche
  • Segretario (11 dicembre 1906 - 29 settembre 1919)
  • Vicepresidente (4 dicembre 1919 - 21 gennaio 1929)

Commissioni

  • Membro della Commissione per la verifica dei titoli dei nuovi senatori (2 maggio 1906 - 7 aprile 1921)
  • Membro della Commissione per l'esame dei disegni di legge "Riscatto delle strade ferrate Meridionali e liquidazione della gestione della rete Adriatica" e "Accordi per la liquidazione della gestione della rete Mediterranea" (9 luglio 1906)
  • Membro della Commissione per l'esame del disegno di legge "Modificazioni ed aggiunte al testo unico delle leggi riguardanti la Cassa di previsione per le pensioni a favore dei segretari e impiegati dei comuni, provincie, ecc." (16 dicembre 1914)
  • Membro della Commissione per l'esame dei disegni di legge "Proroga della XXIV legislatura" e "Concessione del diritto elettorale ai cittadini che hanno prestato servizio nell'esercito" (27 aprile 1918)
  • Membro della Commissione parlamentare per l'esame della tariffa dei dazi doganali (13 dicembre 1918)
  • Presidente della Commissione d'istruzione dell'Alta Corte di giustizia (6 dicembre 1919 - 24 gennaio 1925)
  • Membro della Commissione parlamentare d'inchiesta sulle spese di guerra (19 luglio 1920 - 6 febbraio 1923)
  • Membro della Commissione per l'esame del disegno di legge "Disposizioni per la sistemazione e la gestione statale dei cereali" (24 febbraio 1921)
  • Membro della Commissione per il regolamento interno (15 giugno 1921-10 dicembre 1923; 2 giugno 1924 - 24 dicembre 1929)
  • Membro della Commissione per l'esame dei disegni di legge "provenienti dalla Camera dei Deputati durante l'intervallo dei lavori del Senato" (20 novembre 1928)
  • Membro della Commissione per l'esame del disegno di legge "Norme per l'esercizio delle funzioni giudiziarie del Senato nei casi indicati dall'art. 37 dello Statuto del Regno" (31 maggio 1928)
  • Membro della Commissione per l'esame del disegno di legge "Provvedimenti per la bonifica integrale" (14 dicembre 1928)
  • Membro della Commissione di finanze (2 maggio - 24 dicembre 1929)
  • Vicepresidente della Commissione per la verifica dei titoli dei nuovi senatori (3 maggio - 24 dicembre 1929)
Sito istituzionale

Deputato del Regno d'Italia
Durata mandato20 novembre 1876 –
27 aprile 1886
LegislaturaXIII, XIV, XV
Gruppo
parlamentare
Sinistra
CollegioAltamura (XIII, XIV)
Acquaviva delle Fonti (XV)
Incarichi parlamentari
XIII
  • Segretario (29 aprile 1879 - 2 maggio 1880)

XIV

  • Segretario della Commissione permanente per la biblioteca della Camera (31 maggio 1880 - 25 settembre 1882)

XV

  • Segretario (22 novembre 1882 - 27 aprile 1886)

Durata mandato16 dicembre 1888 –
22 ottobre 1890
LegislaturaXVI
Gruppo
parlamentare
Sinistra
CollegioAcquaviva delle Fonti
Sito istituzionale

Dati generali
Titolo di studioLaurea in lettere e filosofia
ProfessioneImprenditore

Nicolò Melodia (Altamura, 2 settembre 1840Roma, 24 dicembre 1929) è stato un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio di Tommaso Melodia, già senatore del regno e anche lui sindaco di Altamura.

"Si arruolò, non ancora ventenne, volontario garibaldino, facendo tutta la campagna del 1860, conseguendo il grado di maggiore e partecipando valorosamente alla battaglia del Volturno. Deposte le armi, entrò nella diplomazia e fu per breve tempo al Ministero degli affari esteri"[1].

Fu senatore del Regno d'Italia nella XVIII legislatura, deputato per quattro legislature e sindaco di Altamura.

Fu presidente della Commissione d'istruzione dell'Alta corte di giustizia in tre diversi momenti: il primo tra il 6 dicembre 1919 ed il 7 aprile 1921; il secondo tra il 28 giugno 1921 ed il 10 dicembre 1923; il terzo (3 giugno 1924-24 gennaio 1925) fu interrotto dalle dimissioni nel mezzo dell'istruttoria del processo Matteotti, dove fu sostituito dal senatore Vittorio Zupelli.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 31 dicembre 1885
Grand'Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 13 gennaio 1911
Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 7 marzo 1930, Commemorazione resa da Luigi Federzoni.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]