Nicolás Rofrano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nicolás Rofrano
Nazionalità Argentina Argentina
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1923
Carriera
Squadre di club1
1915-1922River Plate? (?)
1922Alvear? (?)
1923River Plate? (?)
Nazionale
1917-1922 Argentina Argentina 6 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Nicolás Rofrano (... – ...) è stato un calciatore argentino, di ruolo attaccante.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocava come mezzala sinistra.[1] Fisicamente era basso e sovrappeso; le sue doti migliori erano la visione di gioco, l'abilità nella gestione dello stesso[1] e la creatività.[2] Un suo punto debole era la scarsa mobilità.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1915 entrò a far parte della rosa del River Plate: vi rimase per sette stagioni consecutive, partecipando a varie edizioni della Copa Campeonato. Divenne uno dei giocatori migliori in rosa, giocando come mezzala sinistra titolare.[1] Nel 1922 passò all'Alvear, per tornare poi l'anno seguente al River.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Giocò sei partite con la Nazionale argentina tra il 1917 e il 1922. Debuttò il 15 agosto 1917,[3] nell'incontro di Avellaneda contro l'Uruguay, in occasione della Copa Lipton.[4] Nello stesso anno partecipò alla Copa Nicanor R. Newton.[3] Nel 1918 scese in campo nelle due partite valide per la Copa Gran Premio de Honor Uruguayo, mentre nel 1919 fu impiegato per la Copa Roberto Cherry.[3] Fu convocato per il Sudamericano de Selecciones 1919, ma non fu mai utilizzato.[5] Nel 1922 fu nuovamente chiamato a rappresentare il proprio Paese nel torneo continentale: stavolta giocò, disputando per intero la gara con l'Uruguay dell'8 ottobre.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (ES) Waldemar Iglesias, Ronaldo: el mejor "gordo" de todos los tiempos, se retiró, pero ya es leyenda, radiodelmar.cl, 4 marzo 2011. URL consultato il 2 agosto 2011.
  2. ^ (ES) Pedro Uzquiz, La Academia, Clarín, 23 dicembre 2000. URL consultato il 2 agosto 2011.
  3. ^ a b c (EN) Nicolás Rofrano, playerhistory.com. URL consultato il 2 agosto 2011.
  4. ^ (EN) Héctor Pelayes, Argentina national team archive, RSSSF. URL consultato il 2 agosto 2011.
  5. ^ (EN) Southamerican Championship 1919, RSSSF. URL consultato il 2 agosto 2011.
  6. ^ (EN) Southamerican Championship 1922, RSSSF. URL consultato il 2 agosto 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (ES) Diego Estévez; Sergio Lodise, 105. Historia de un siglo rojo y blanco, Ediciones Continente, pp. 268, ISBN 978-950-754-198-8.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]