Nick Zinner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nick Zinner
Nick Zinner.jpg
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereRock alternativo
Indie rock
Indietronica
Garage punk
Periodo di attività musicale2000 – in attività
Album pubblicati2 (con i Yeah Yeah Yeahs)
Studio2 (con i Yeah Yeah Yeahs)

Nick Zinner, vero nome Nicholas Joseph Zinner (8 dicembre 1974), è un chitarrista statunitense appartenente al gruppo rock di New York Yeah Yeah Yeahs.

Zinner ha fatto parte anche degli Head Wound City, assieme a membri di altri gruppi rock come The Locust e The Blood Brothers[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2001 ad oggi, Zinner ha collaborato, oltre che con i Yeah Yeah Yeahs, con parecchi gruppi di genere Indie rock, tra cui TV on the Radio, Har Mar Superstar, Ronnie Spector[2] e (recentemente) The Horrors. Inoltre, ha dato un contributo su chitarra e tastiera per diversi brani dell'album Digital Ash in a Digital Urn degli Bright Eyes (prodotto nel 2005), andando in tournée con la band come membro a tutti gli effetti.

Zinner ha prodotto remix di diversi brani rock: tra questi, spiccano quelli di Compliments dei Bloc Party, INRI dei The Plot to Blow Up the Eiffel Tower e People are Germs dei Single Frame (apparendo anche nel videoclip di questo brano).

Oltre al mestiere di chitarrista, Zinner è un apprezzato fotografo: ha studiato fotografia al Bard College ed ha pubblicato tre album contenenti le sue opere: No Seats On the Party Car (2001), Slept in Beds (2003) ed I Hope You Are All Happy Now (2004), con prefazione del regista Jim Jarmusch.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Attualmente Zinner suona una chitarra First Act.
  • Zinner è vegetariano e sostenitore della PETA, associazione per i diritti degli animali.
  • Da adolescente era solito ascoltare musica metal, ed ha attribuito a Mötley Crüe e Glenn Danzig gran parte delle sue influenze musicali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Intervista a Nick Zinner Archiviato il 27 settembre 2007 in Internet Archive. del 7 settembre 2005 su auralminority.com
  2. ^ (EN) Spector: The Last of the Rock Stars[collegamento interrotto], 6 giugno 2006

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN6806300 · ISNI (EN0000 0000 5045 9080 · GND (DE1073976645 · BNF (FRcb15607992j (data)