Niccolò dell'Isola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Niccolò dell'Isola (12301284) è stato un militare italiano, personaggio della storia medievale della città dell'Aquila.

Nell'ultimo trentennio del XIII secolo, stando al racconto del cronista Buccio di Ranallo, Niccolò di Isola del Gran Sasso viene chiamato dai cittadini aquilani, dei cui diritti si fa difensore, sia contro l'eccessivo fiscalismo angioino, sia contro i soprusi dei baroni feudali. Questi, infatti, volevano impedire, a pochi anni dalla fondazione dell'Aquila, ulteriori trasferimenti degli abitanti dei castelli in città. Niccolò, allora, incita i cittadini alla distruzione delle rocche dei baroni. La distruzione avverrà sotto la sua guida e Niccolò, al ritorno in città, viene acclamato Cavaliere del popolo.

Ma il re Carlo II d'Angiò, preoccupato del consenso di cui gode Niccolò e della crescita di autonomia della città, manda prima suo figlio e poi il capitano regio Gentile di Sangro con l'incarico di eliminarlo. Cosa che avverrà con l'aiuto del veleno, lasciando gli aquilani costernati per la sua morte.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]