Niccolò d'Aiello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Niccolò d'Aiello
arcivescovo della Chiesa cattolica
Konspirace Sibylla of Acerra.jpg
Template-Metropolitan Archbishop.svg
 
Incarichi ricopertiArcivescovo di Salerno
 
Deceduto10 febbraio 1221
 
Il vescovo di Salerno, Niccolò, con Sibilla e i presunti cospiratori contro Enrico VI

Niccolò d'Aiello[1] (Salerno, ... – Salerno, 10 febbraio 1221) è stato un arcivescovo cattolico e politico italiano, arcivescovo di Salerno dal 1181 alla morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era il secondogenito del cancelliere del Regno di Sicilia Matteo da Salerno. Fu un consigliere fidato alla corte di Tancredi di Sicilia ed uno degli attori della guerra di successione che contrappose quest'ultimo all'imperatore Enrico VI.

Ai tempi in cui Enrico marciava per assediare Napoli nel 1191, le frange dei salernitani fedeli all'imperatore inviarono una lettera al sovrano promettendogli ricovero. L'arcivescovo Niccolò, la cui famiglia era ostile agli Hohenstaufen, dovette allora abbandonare Salerno per Napoli; qui prese il comando per la difesa della città allorché Riccardo di Acerra fu ferito. Insieme all'ammiratus ammiratorum Margarito da Brindisi protessero con successo la città e costrinsero l'imperatore ad abbandonare l'assedio. Tuttavia ciò ebbe poco effetto sugli esiti della guerra. Infatti Enrico fu incoronato il 25 dicembre del 1194 a Palermo ed alla cerimonia furono presenti non solo Niccolò ma anche Riccardo di Acerra, Margarito e la regina Sibilla. Quattro giorni dopo furono tutti arrestati con l'accusa di cospirazione (probabilmente inventata) e trasferiti nelle prigioni tedesche. Qui Niccolò rimase per diversi anni, malgrado le intercessioni di papa Innocenzo III.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Di Aiello non perché provenisse da Aiello, Niccolò era infatti di Salerno. Suo fratello maggiore Riccardo, ricevé la contea di Aiello dal re Tancredi di Sicilia e il nome fu attribuito a tutta la famiglia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Norbert Kamp, Kirche und Monarchie im staufischen Königreich Sizilien. I: Prosopographische Grundlegung: Bistümer und Bischöfe des Königreichs 1194- 1266, Teil I: Abruzzen und Kampanien [ Münstersche Mittelalter-Schriften, 10.I,1], München 1973, pp. 425 - 432
  • John Julius Norwich, Il Regno del Sole 1130-1194. Mursia: Milano 1971 (ed. orig. The Kingdom in the Sun 1130-1194. Longman: Londra, 1970).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Arcivescovo di Salerno Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Romualdo II Guarna 1182-1222 Cesario de Alagno