New Shepard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
New Shepard
New Shepard booster at Oshkosh Airventure 2017 02 (36143645465).jpg
Informazioni
ProduttoreBlue Origin
Nazione di origineStati Uniti Stati Uniti
Dimensioni
Altezza18 m[1]
Cronologia dei lanci
Basi di lancioCorn Ranch
Lanci totali11
Successi11
Volo inaugurale29 aprile 2015
Razzi ausiliari (stadio 0)
Spinta490 kN

New Shepard è un lanciatore suborbitale con decollo e atterraggio verticali (in inglese vertical-takeoff, vertical-landing, da cui VTVL);[2] è in fase di sviluppo della Blue Origin come sistema commerciale per il turismo spaziale suborbitale.[3] Blue Origin è di proprietà dell'imprenditore e fondatore di Amazon.com Jeff Bezos e dell'ingegnere aerospaziale Rob Meyerson. L'amministratore è Robert Smith, vincitore del Silver Snoopy Award.

Il nome New Shepard fa riferimento al primo astronauta statunitense nello spazio, Alan Shepard, uno degli astronauti del gruppo Mercury Seven, che salì nello spazio con una traiettoria suborbitale simile a quella programmata per New Shepard.[4]

I prototipi del motore e i primi voli di test cominciarono nel 2006, mentre lo sviluppo del motore in scala 1:1 cominciò all'inizio degli anni 2010 e fu completato nel 2015.[5] Nel 2015 cominciarono le prove di volo senza equipaggio del veicolo completo (modulo di propulsione e capsula).

Il 23 novembre 2015, dopo aver raggiunto l'altitudine di 100,5 km (62,4 mi), il booster del New Shepard effettuò con successo un atterraggio morbido verticale; fu la prima volta che un booster suborbitale ritornò dallo spazio e fece un atterraggio verticale.[6][7] Il programma di test continuò nel 2016 e nel 2017 con altri quattro voli di prova con lo stesso veicolo (NS2) nel 2016[8] il primo volo di prova del veicolo NS3 nel 2017.[9]

Blue Origin ha effettuato il primo volo di prova con equipaggio 20 luglio 2021, al quale ha partecipato lo stesso Jeff Bezos.[10].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo del primo motore e del primo veicolo di Blue Origin[modifica | modifica wikitesto]

Il primo veicolo del programma di sviluppo New Shepard era un veicolo dimostrativo in scala di nome Goddard, costruito nel 2006 in seguito ai precedenti lavori per lo sviluppo del motore di Blue Origin. Goddard fece il suo primo volo il 13 novembre 2006.[11]

Il veicolo di lancio Goddard fu assemblato nell'impianto di Blue Origin vicino a Seattle, Washington. Sempre nel 2006, Blue Origin ha avviato il processo di costruzione di un centro di collaudo e operazioni aerospaziali su una porzione del Corn Ranch, un appezzamento di 165 000 acri (668 km²) acquistato da Bezos distante 40 chilometri (25 mi) a nord di Van Horn, in Texas.[12] Il responsabile del progetto Blue Origin, Rob Meyerson, ha dichiarato di aver scelto il Texas come sito di lancio soprattutto a causa delle connessioni storiche dello stato con l'industria aerospaziale, sebbene tale industria non si trovi vicino al sito di lancio pianificato e il veicolo non sarà fabbricato in Texas.[13]

Sulla via dello sviluppo di New Shepard, era necessaria anche una capsula per l'equipaggio, e il progetto fu iniziato su una capsula spaziale nei primi anni 2000. Una pietra miliare dello sviluppo lungo la strada divenne pubblica. Il 19 ottobre 2012, Blue Origin ha condotto con successo una pad escape (fuga dalla piattaforma di decollo) di una capsula di equipaggio suborbitale presso il proprio sito di lancio West Texas. Per il test, la capsula ha accesso il suo motore di spinta ed è stata lanciata da un simulatore di lanciatore. La capsula dell'equipaggio è arrivata a un'altitudine di 2 307 ft (703 m) sotto l'attivo controllo del vettore di spinta prima di scendere in sicurezza con il paracadute su un atterraggio morbido a 1 630 ft (500 m) dalla piattaforma.[14][15]

Nell'aprile 2015, Blue Origin ha annunciato di aver completato i test di collaudo del motore BE-3 che avrebbe alimentato il più grande veicolo New Shepard. L'azienda ha anche annunciato che intendevano iniziare le prove di volo del New Shepard più tardi nel 2015, con voli iniziali programmati con frequenza mensile, con "una serie di dozzine di voli nel corso del programma di test suborbitali [che dureranno] un paio di anni per essere completati."[5] Lo stesso mese, la Federal Aviation Administration ha annunciato che i documenti normativi per il programma di test erano già stati archiviati e approvati, e che i voli di prova dovevano iniziare prima di metà maggio 2015.[16]

Al febbraio 2016, erano stati costruiti tre veicoli New Shepard . Il primo è stato perso in un test ad aprile 2015, il secondo era volato due volte, e il terzo stava completando la produzione presso la fabbrica Blue nel Kent, a Washington.

Programma di test di volo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2015 è stato avviato un programma pluriennale di test di volo,[17] ancora in corso nel 2021.[18][19] A metà 2016, il programma di test era sufficientemente avanzato che Blue Origin ha iniziato a volare carichi utili di ricerca suborbitali per le università e la NASA.[20]

New Shepard 1[modifica | modifica wikitesto]

Il primo volo del veicolo New Shepard (NS1)[21] è stato condotto il 29 aprile 2015 in cui il veicolo raggiunse l'altitudine di 93,5 km (307 000 ft). Mentre il volo di prova nel suo insieme è stato considerato un successo, e la capsula è stata recuperata tramite atterraggio con paracadute, il booster si è schiantato all'atterraggio e non è stato recuperato a causa di un guasto della pressione idraulica nel sistema di controllo del veicolo durante la discesa.[22][23]

New Shepard 2[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la perdita di NS1, è stato costruito un secondo veicolo New Shepard, NS2. Il modulo di propulsione del New Shepard 2 ha realizzato cinque voli di successo nel 2015 e nel 2016, ritirandosi dopo il suo quinto volo nell'ottobre 2016.

NS2 al 2017 EAA Airventure
Primo atterraggio morbido verticale[modifica | modifica wikitesto]

Il suo primo volo,[21] e il secondo volo di prova di New Shepard in generale, è stato effettuato il 23 novembre 2015, durante il quale si raggiunsero 100,5 km (330 000 ft) di altitudine e si riuscì a recuperare sia la capsula, sia il booster.[6][7] Il razzo di lancio ha eseguito con successo un atterraggio verticale motorizzato.[7] Questo è stato il primo atterraggio verticale di questo genere sulla Terra dopo aver viaggiato a più di 3 140 m (10 300 ft), altitudine che la McDonnell Douglas DC-X raggiunse negli anni '90, e il primo dopo aver spedito qualcosa nello spazio. Jeff Bezos ha detto che Blue Origin ha pianificato di utilizzare la stessa architettura di New Shepard per il booster del loro veicolo orbitale.[24]

Secondo atterraggio morbido verticale[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 gennaio 2016, Blue Origin ha ripetuto con successo il profilo di volo del 23 novembre 2015 con lo stesso veicolo New Shepard. Il New Shepard ha raggiunto un'altitudine massima di 101,7 km (63,2 mi), e, dopo la separazione, sia la capsula che il veicolo di lancio sono tornati a terra intatti. Questo risultato ha dimostrato la riutilizzabilità di New Shepard e in 61 giorni.[25][26]

Terzo atterraggio verticale morbido[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 aprile 2016, lo stesso booster New Shepard ha volato per la terza volta, raggiungendo i 103,8 km, prima di tornare con successo.[27]

Quarto atterraggio morbido verticale[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 giugno 2016, lo stesso booster New Shepard è volato, ora per la quarta volta, raggiungendo di nuovo oltre 100,6 km, prima di tornare con successo con un atterraggio a razzo VTVL.[28]

La capsula è tornata di nuovo sotto paracadute ma, questa volta, ha fatto una discesa di prova con solo due paracadute prima di terminare con un breve impulso di propulsione a retrorazzi per rallentare la velocità d'impatto a terra a 3 mph (4,8 km/h). I due paracadute "hanno rallentato la discesa a 23 miglia all'ora, a differenza dei soliti 16 con tre paracadute". Gli attenuatori ammortizzabili sono utilizzati per ridurre ulteriormente lo shock di atterraggio attraverso la deformazione che assorbe l'energia.[29]

Quinto e ultimo test di volo di NS2: ottobre 2016[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 ottobre 2016 è stato condotto il quinto e ultimo test di volo del modulo di propulsione NS2[30] L'obiettivo principale era quello di portare il modulo passeggeri fino al punto di massima pressione dinamica a velocità transonica e condurre una prova del launch escape system. I colpi e le forze esercitate sul modulo di propulsione dopo la separazione ad alta velocità della capsula passeggeri non erano previste nell'originale design del modulo, pertanto ci si aspettava NS2 non sarebbe stato in grado di sopravvivere e atterrare e, se lo avesse fatto, Blue aveva dichiarato che NS2 sarebbe stato ritirato per diventare un oggetto da museo.[8] In questo caso, il test di volo ha avuto successo. L'abort si è verificato e NS2 è rimasto stabile dopo la separazione della capsula, ha completato la sua ascesa nello spazio ed è atterrato con successo per la quinta e ultima volta.[30]

New Shepard 3[modifica | modifica wikitesto]

New Shepard 3 (NS3), anche detto RSS H. G. Wells in onore dell'omonimo autore, è stato modificato per aumentare la riutilizzabilità e migliorare la protezione termica; comprendeva un modulo di propulsione riprogettato e nuovi pannelli di accesso per una manutenzione più rapida e una migliore protezione termica. NS3 è il terzo modulo di propulsione costruito. È stato completato e spedito al sito di lancio a settembre 2017[31] sebbene parti di esso siano state costruite già a marzo 2016.[21] Le prove di volo sono iniziate nel 2017 e sono proseguite nel 2019.[19] La nuova Crew Capsule 2.0, dotata di finestre, è integrata nell'NS3.[31] NS3 è stato usato esclusivamente per il trasporto di merci, non per il trasporto di passeggeri.[32]

Il primo test di volo è avvenuto il 12 dicembre 2017.[9] Questo è stato il primo volo eseguito sotto il regime normativo di una licenza di lancio concessa dalla Federal Aviation Administration degli Stati Uniti. Precedenti voli di prova erano stati fatti con un permesso sperimentale, che non permetteva a Blue di guadagnare dalle merci trasportate. Ciò ha reso il volo di NS3 il primo volo redditizio per carichi utili, e ha effettuato 12 esperimenti sul volo, oltre a un manichino di prova soprannominato "Mannequin Skywalker".[33]

Dal volo inaugurale, "Blue Origin ha apportato aggiornamenti al veicolo [...] destinati principalmente a migliorare l'operabilità piuttosto che le prestazioni o l'affidabilità. Questi aggiornamenti hanno richiesto più tempo del previsto" portando a una intervallo di diversi mesi tra i voli.[19] Il secondo volo di prova ha avuto luogo il 29 aprile 2018.[34] Il quarto volo dell'NS3, e il decimo volo del programma, erano stati originariamente programmati per dicembre 2018, ma sono stati rinviati a causa di "problemi relativi all'infrastruttura di terra". A seguito di una diagnostica del problema iniziale, Blue ha riprogrammato il lancio per l'inizio del 2019, dopo aver scoperto che anche "sistemi aggiuntivi" necessitavano di riparazioni.[35] Il volo è stato eseguito il 23 gennaio 2019 e il veicolo ha volato con successo raggiungendo un'altitudine massima di 106,9 km.[36] È stato usato per collaudare SPLICE ("Safe and Precise Landing – Integrated Capabilities Evolution"), un progetto dimostrativo della NASA per una tecnologia di allunaggio, in due voli distinti nell'ottobre 2020 (NS-13) e nell'agosto 2021 (NS-17).[37]

New Shepard 4[modifica | modifica wikitesto]

New Shepard 4 (NS4), conosciuto come RSS First Step, è stato il quarto modulo propulsivo ad essere stato costruito e il primo a portare passeggeri umani. Bezos stesso è stato un passeggero.[38] Il veicolo è stato costruito nel 2018 ed è stato spostato alla struttura di lancio Blue Origin nel West Texas nel dicembre 2019.[39] Il lancio inaugurale senza equipaggio dell'NS4 avvenne il 14 gennaio 2021.[40] Il New Shepard 4, con quattro passeggeri, è stato lanciato il 20 luglio 2021. Al 5 ottobre 2021, New Shepard 4 ha volato solo tre volte, con un quarto volo programmato per il 13 ottobre 2021, portando 4 passeggeri. Questo volo sarebbe il diciottesimo volo in generale nel programma New Shepard.

Altri veicoli sono in costruzione. È stato pianificato un ordine di costruzione iniziale di sei veicoli, ognuno dei quali richiede da 9 a 12 mesi per la costruzione. Dopo la costruzione iniziale e dopo aver completato un vasto programma di volo di prova, Blue Origin intende "lasciare che la domanda di turismo spaziale e di ricerca determini quanti veicoli aggiuntivi potrebbero essere necessari".[41]

Voli commerciali[modifica | modifica wikitesto]

Per molti anni, Blue non ha rilasciato dichiarazioni pubbliche sulla data di inizio dei voli commerciali di New Shepard . Ciò cambiò nel giugno 2018 quando la compagnia annunciò che mentre continuava a pianificare il volo di passeggeri interni iniziali più tardi nel 2018, non avrebbe venduto biglietti commerciali per New Shepard fino al 2019.[42]

Il primo volo di Blue Origin con passeggeri a bordo è stato il sedicesimo volo del programma New Shepard (NS-16) avvenuto il 20 luglio 2021.[43] Un posto era stato messo all'asta il 12 giugno 2021 per 28 milioni di dollari, devoluti alla fondazione di Blue Origin, Club for the Future, che ha lo scopo di ispirare le generazioni future a perseguire carriere nei campi STEM. Tuttavia, per via di problemi di programmazione, il vincitore dell'asta non partecipò al volo NS-16, ma è in programma per un volo successivo. I passeggeri a bordo del volo NS-16 del 20 luglio sono stati Jeff Bezos, Mark Bezos, Wally Funk e Oliver Daemen. All'età di 82 anni, Funk è stata la persona più anziana, e Daemen, diciottenne, la più giovane, a viaggiare nello spazio.[44][45][46] Daemen occupò il posto che il vincitore dell'asta non poté usare. Il fatto che la famiglia di Daemen ha pagato per il suo volo, fa di lui il primo cliente (pagante) passeggero di New Shepard.

Lista dei voli[modifica | modifica wikitesto]

Numero di lancio Data Veicolo Apogeo Esito Note
19 ottobre 2012 N/A 0.7 km (0.4369 mi) Riuscito Test di interruzione del pad della capsula dell'equipaggio di New Shepard.
1 29 aprile 2015 93,5 chilometri (58,1 mi) Successo parziale Volo a quota 93,5 km, capsula recuperata, booster schiantato in fase di atterraggio.[47]
2 23 novembre 2015 329 839 piedi (100,535 km; 62,4695 mi) Riuscito Volo spaziale suborbitale e atterraggio.[48]
3 22 gennaio 2016 333 582 piedi (101,676 km; 63,1784 mi) Riuscito Volo spaziale suborbitale e atterraggio di un booster riutilizzato.[49]
4 2 aprile 2016 339 178 piedi (103,381 km; 64,2383 mi)[50] Riuscito Volo spaziale suborbitale e atterraggio di un booster riutilizzato.[27]
5 19 giugno 2016 331 501 piedi (101,042 km; 62,7843 mi)[51] Riuscito Volo spaziale suborbitale e atterraggio di un booster riutilizzato: il quarto lancio e atterraggio dello stesso razzo. Blue Origin ha pubblicato un webcast in diretta del decollo e dell'atterraggio.[51]
6 5 ottobre 2016 Booster: 307 458 piedi (93,713 km; 58,2307 mi)

Capsula: 23 269 piedi (7,092 km; 4,4070 mi)[30]

Riuscito Volo spaziale suborbitale e atterraggio di un booster riutilizzato. Test riuscito del sistema di interruzione in volo. Il quinto e ultimo lancio e atterraggio dello stesso razzo (NS2).[30]
7 12 dicembre 2017 Booster: 322 032 piedi (98,155 km; 60,9909 mi)

Capsula: 322 405 piedi (98,269 km; 61,0616 mi)[52]

Riuscito Volo a poco meno di 100 km e atterraggio. Il primo lancio di NS3 e una nuova Crew Capsule 2.0.[53]
8 29 aprile 2018 351 000 piedi (107 km; 66,5 mi)[54] Riuscito Volo spaziale suborbitale e atterraggio di un booster riutilizzato.[34]
9 18 luglio 2018 389 846 piedi (118,825 km; 73,8345 mi)[55] Riuscito Volo spaziale suborbitale e atterraggio di un booster riutilizzato, con la Crew Capsule 2.0-1 RSS H.G.Wells, che trasporta un manichino. Test riuscito del sistema di interruzione in volo ad alta quota. La durata del volo è stata di 11 minuti.[55]
10 23 gennaio 2019 c. 106,9 chilometri (66,4 mi)[36] Riuscito Volo suborbitale, ritardato dal 18 dicembre 2018. Sono stati trasportati otto carichi utili di ricerca e tecnologia della NASA.[56][57]
11 2 maggio 2019 c. 346 000 piedi (105 km; 65,5 mi)[58] Riuscito Volo suborbitale. Velocità massima di salita:3 568 chilometri all'ora (2 217 mph),[58], durata: 10 minuti, 10 secondi. Carico utile: 38 carichi utili per la ricerca sulla microgravità (nove sponsorizzati da NASA).
12 11 dicembre 2019 c. 104,5 chilometri (64,9 mi)[59] Riuscito Volo sub-orbitale, Carico utile: molteplici carichi utili commerciali, di ricerca (8 sponsorizzati dalla NASA) ed educativi, comprese le cartoline di Club for the Future.[60][61] The sixth launch and landing of the same rocket.[59]
13 13 ottobre 2020, 13:37 c. 351 200 piedi (107,0 km; 66,52 mi) Riuscito 7° volo della stessa capsula/booster. A bordo 12 carichi utili includono Space Lab Technologies, Southwest Research Institute, cartoline e semi per Club for the Future, e vari carichi utili per la NASA tra cui SPLICE per testare le future tecnologie di atterraggio lunare a sostegno del programma Artemis.[62]
14 14 gennaio 2021, 16:57 [63] Booster: 350 858 piedi (106,942 km; 66,4504 mi)

Capsula: 351 215 piedi (107,050 km; 66,5180 mi)

Riuscito Volo di qualificazione senza equipaggio per razzo e capsula NS4 e volo inaugurale per NS4
15 14 aprile 2021
16:51[64][65]
Booster: 346 691 piedi (105,671 km; 65,6612 mi)

Capsula: 348 753 piedi (106,300 km; 66,0517 mi)

Riuscito Secondo volo di NS4, primo test di pre-volo sui passeggeri umani in cui Blue Origin ha condotto una "prova dell'astronauta". Gary Lai, Susan Knapp, Clay Mowry e Audrey Powers, tutto personale di Blue Origin, erano "astronauti sostitutivi". Lai e Powers sono entrati brevemente nella capsula durante il test.[18]
16 20 luglio 2021
13:12[66][67]
Booster: 347 188 piedi (105,823 km; 65,7553 mi)

Capsula: 351 210 piedi (107,05 km; 66,517 mi)

Riuscito Primo volo con equipaggio del New Shepard, con quattro passeggeri:[68]
* Jeff Bezos
* Mark Bezos
* Wally Funk[46]
* Oliver Daemen
17 25 agosto 2021
14:31[69]
Booster: 347 032 piedi (105,775 km; 65,7258 mi)

Capsula: 347 434 piedi (105,898 km; 65,8019 mi)

Riuscito Missione di carico composta da 18 carichi utili commerciali all'interno della capsula dell'equipaggio, una dimostrazione della tecnologia di atterraggio lunare della NASA installata all'esterno del booster e un'installazione artistica installata all'esterno della capsula dell'equipaggio.[70]
18 13 ottobre 2021
14:49[71]
Booster: 350 807 piedi (106,926 km; 66,4407 mi)

Capsula: 351 186 piedi (107,041 km; 66,5125 mi)

Riuscito Secondo volo con equipaggio del New Shepard. L'equipaggio di quattro persone ha incluso:[72][73]
* Chris Boshuizen
* Glen de Vries
* William Shatner
* Audrey Powers
19 NET December 2021[74] Da determinare In programma Terzo volo con equipaggio del New Shepard.
20 NET 2022[75] Da determinare In programma Quarto volo con equipaggio del New Shepard.
21 NET 2022 Da determinare In programma Quinto volo con equipaggio del New Shepard.
22 NET 2022 Da determinare In programma Sesto volo con equipaggio del New Shepard.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

L'inizio delle prove di volo a bassa quota (fino a 600 m) con i prototipi in scala del New Shepard era previsto per il quarto trimestre del 2006.[13] Successivamente è stato confermato l'inizio nel novembre 2006 in un comunicato stampa di Blue Origin.[11] Il programma di test di volo dei prototipi avrebbe comportato fino a dieci voli. Le prove a 100 km di altezza erano in programma tra il 2007 e il 2009 con prototipi sempre più grandi e attrezzati. Inizialmente, il veicolo a grandezza naturale doveva essere operativo e redditizio già nel 2010[13] tuttavia quell'obiettivo non era stato raggiunto e il primo volo di prova di un veicolo New Shepard è stato completato con successo nel 2015, con il servizio commerciale attualmente finalizzato non prima del 2018.[76] Il veicolo potrebbe volare fino a 50 volte all'anno. Era necessario un permesso della FAA affinché iniziassero i voli di prova e una licenza separata affinché iniziassero le operazioni commerciali. Blue ha tenuto una riunione pubblica il 15 giugno 2006 a Van Horn, come parte della public comment opportunity necessaria per garantire i permessi della FAA.[13] Nel 2006 Blue Origin prevedeva che una volta approvate le operazioni commerciali, si aspettava di condurre un massimo di 52 lanci all'anno dal West Texas. Il RLV trasporterà tre o più passeggeri per operazione.[77]

Prototipo veicolo di prova[modifica | modifica wikitesto]

Una prova di volo iniziale di un prototipo di veicolo si è svolta il 13 novembre 2006 alle 6:30 ora locale (12:30 UTC);[78][79][80] un volo precedente il 10 viene annullato a causa dei venti. Questo ha segnato il primo volo di test di sviluppo intrapreso da Blue Origin. Il volo è stato il primo prototipo di veicolo, noto come Goddard. Il volo, che raggiunse una quota di 285 piedi (87 m), fu riuscito. I video sono disponibili sul sito web di Blue Origin.[81]

Secondo veicolo di prova[modifica | modifica wikitesto]

Un secondo veicolo di prova fece due voli nel 2011. Il primo volo era un piccolo "hop" (altitudine bassa, e VTVL) eseguito il 6 maggio 2011.[82] All'agosto 2011 il veicolo era noto solo come "PM2", ricavato dalle informazioni che la società ha depositato presso la FAA prima del suo secondo volo di prova ad alta altitudine e ad alta velocità di fine agosto. I media hanno ipotizzato che ciò potrebbe significare "Propulsion Module".[83]

Questo veicolo volò una seconda volta[82] il 24 agosto 2011, nel Texas occidentale. Il volo fallì quando il personale di terra perse il contatto e il controllo del veicolo. L'azienda recuperò i resti della navicella spaziale.[84] Il 2 settembre 2011, Blue Origin pubblicò i risultati della causa del guasto. Quando il veicolo ha raggiunto Mach 1,2 e l'altitudine di 45 000 piedi (14 000 m), una "instabilità del volo portò a un angolo di attacco che ha innescato [il] Range Safety and Telemetry System per interrompere la spinta sul veicolo".[82]

Coinvolgimento con il programma Commercial Crew Development della NASA[modifica | modifica wikitesto]

Inoltre, Blue Origin ha ricevuto 3,7 milioni di dollari nella fase 1 del Commercial Crew Development per far avanzare diversi obiettivi di sviluppo del suo innovativo "pusher" launch abort system (LAS) e recipiente in pressione composito.[85]

Al febbraio 2011, con la fine del secondo test su terra, Blue Origin ha completato tutti i lavori previsti dal contratto di fase 1 per il sistema di fuga pusher. Hanno anche "completato il lavoro sull'altro aspetto del suo premio, un lavoro di riduzione del rischio su un recipiente a pressione composito" per il veicolo.[86]

Voli suborbital commerciali[modifica | modifica wikitesto]

Voli passeggeri[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la quinta e ultima volo di prova del booster NS2 e della capsula di prova nel mese di ottobre 2016, Blue Origin ha indicato che erano nei tempi per eseguire un volo di prova con astronauti entro la fine del 2017, e cominciare voli suborbitali commerciali con passeggeri nel 2018.[87] Dopo quindici voli di prova, l'azienda lanciò nello spazio i suoi primi 4 passeggeri nel 2021: erano Wally Funk, Jeff Bezos, Mark Bezos, and Oliver Daemen.[88]

Carichi utili di ricerca suborbitali della NASA[modifica | modifica wikitesto]

Al marzo 2011, Blue Origin aveva presentato il veicolo di lancio riutilizzabile New Shepard da utilizzare come razzo senza equipaggio in occasione della richiesta di lanciatori suborbitali riutilizzabili (sRLV) nell'ambito del Flight Opportunities Program della NASA. Blue Origin prevedeva di raggiungere 100 km (330 000 ft) di altitudine in voli della durata di circa dieci minuti, portando un payload di ricerca di 11,3 kg (25 lb).[2] A marzo 2016, Blue ha notato che "dovrebbero iniziare a volare con carichi scientifici non accompagnati più tardi [nel 2016]".[17]

Design[modifica | modifica wikitesto]

Il New Shepard è un veicolo spaziale completamente riutilizzabile, con decollo e atterraggio verticali (VTVL) composto da due parti principali: una capsula per l'equipaggio pressurizzata e un razzo ausiliario (booster) che Blue Origin chiama modulo di propulsione.[23] Il New Shepard è controllato interamente dal computer di bordo, senza controllo da terra[5] né un pilota umano.[17]

Capsula per l'equipaggio[modifica | modifica wikitesto]

La New Shepard Crew Capsule è una capsula per l'equipaggio pressurizzata che può trasportare sei persone e supporta un launch escape system "full-envelope" in grado di separare la capsula dal booster in qualsiasi momento della salita. Il volume interno della capsula è di 15 .[89] La Crew Capsule Escape Solid Rocket Motor (CCE-SRM) proviene da Aerojet Rocketdyne.[90] Dopo la separazione, vengono schierati due o tre paracaduti. Poco prima dell'atterraggio, si accendono i retrorazzi.

Modulo di propulsione[modifica | modifica wikitesto]

Il modulo di propulsione del New Shepard è alimentato utilizzando il BE-3, un motore a razzo che brucia idrogeno ed ossigeno liquido.[5] Inizialmente furono sviluppati motori con altri propellenti: il motore BE-1 che utilizzava perossido di idrogeno e il motore BE-2 che utilizza ossidante ad alta resistenza al perossido e cherosene RP-1.[91][92]

Missione[modifica | modifica wikitesto]

Il New Shepard viene lanciato verticalmente dal West Texas e poi accende i motori per circa 110 secondi fino ad un'altitudine di 40 km. La quantità di moto del veicolo lo porta in su a motore spento fino a un'altitudine di 100 km (linea di Kármán). Dopo aver raggiunto l'apogeo, il veicolo effettuerà una discesa e riavvierà i motori principali per qualche decina di secondi prima dell'atterraggio verticale, vicino al suo sito di lancio.[93] La durata complessiva della missione è prevista di 10 minuti.

La variante con equipaggio sarebbe dotata di un modulo per l'equipaggio separato che potrebbe separarsi vicino all'altitudine massima, e il modulo di propulsione eseguirà un atterraggio a motore acceso mentre il modulo dell'equipaggio atterrerebbe con i paracadute. Il modulo dell'equipaggio può anche separarsi in caso di malfunzionamento del veicolo o altra emergenza utilizzando booster di separazione a propellente solido ed eseguire un atterraggio con il paracadute.[17]

New Shepard è in una fase di collaudo. I voli senza equipaggio cominciarono nel 2015 e continuarono nel 2018. Blue Origin ha collaudato il veicolo con "passeggeri di prova" per la prima volta il 20 luglio 2021.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ New Shepard: Rocket for Space Tourism, su space.com.
  2. ^ a b sRLV platforms compared, su c3.ndc.nasa.gov, NASA, 7 marzo 2011.
    «New Shepard: Type: VTVL/Unpiloted».
  3. ^ Doug Mohney, Will Jeff Bezos Speed Past Virgin Galactic to Tourist Space?, in TechZone360, 7 maggio 2015.
  4. ^ Jonathan Amos, Jeff Bezos conducts New Shepard flight, in BBC News, 30 aprile 2015.
  5. ^ a b c d Jeff Foust, Blue Origin’s suborbital plans are finally ready for flight, in The Space Review, 13 aprile 2015. URL consultato il 18 aprile 2015.
    «We’ve recently completed acceptance testing, meaning we’ve accepted the engine for suborbital flight on our New Shepard vehicle, [the end of a] very, very long development program [of] 450 test firings of the engine and a cumulative run time of more than 500 minutes. The completion of those tests sets the stage for Blue Origin to begin test flights of the vehicle later this year at its facility in West Texas [where they] expect a series of flight tests with this vehicle ... flying in autonomous mode.... We expect a series of dozens of flights over the extent of the test program [taking] a couple of years to complete.».
  6. ^ a b Blue Origin Makes Historic Rocket Landing, in Blue Origin, 24 novembre 2015. URL consultato il 24 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 25 novembre 2015).
  7. ^ a b c Jonathan Amos, New Shepard: Bezos claims success on second spaceship flight, in BBC News, 24 novembre 2015. URL consultato il 26 novembre 2015.
  8. ^ a b Blue Origin plans next New Shepard test for October, su spacenews.com, 8 settembre 2016.
  9. ^ a b Jeff Bezos says Blue Origin gives test dummy ‘a great ride’ on New Shepard suborbital spaceship, su geekwire.com, 13 dicembre 2017. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  10. ^ Jeff Bezos volerà nello Spazio. Il 20 luglio sarà a bordo di un razzo della sua Blue Origin, su open.online, 7 giugno 2021.
  11. ^ a b Blue Origin Flight Test Update, SpaceFellowship.com, 2 gennaio 2007.
    «Our first objective is developing New Shepard, a vertical take-off, vertical-landing vehicle designed to take a small number of astronauts on a sub-orbital journey into space. On the morning of November 13, 2006, we launched and landed Goddard – a first development vehicle in the New Shepard program.».
  12. ^ Alan Boyle, Amazon founder unveils space center plans, MSNBC, 13 gennaio 2006. URL consultato il 28 giugno 2006.
  13. ^ a b c d Leonard David, Public Meeting Details Blue Origin Rocket Plans, in Space.com, 15 giugno 2006. URL consultato il 10 marzo 2016.
  14. ^ Clark Lindsay, Blue Origin carries out crew capsule pad escape test, in NewSpace Watch, 22 ottobre 2012. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  15. ^ (EN) Blue Origin Completes Pad Escape Test, su nasa.gov, 22 ottobre 2012.
  16. ^ Jeff Foust, Blue Origin To Begin Test Flights Within Weeks, in Space news, 21 aprile 2015. URL consultato il 22 aprile 2015.
  17. ^ a b c d Alan Boyle, Jeff Bezos lifts curtain on Blue Origin rocket factory, lays out grand plan for space travel that spans hundreds of years, in GeekWire, 5 marzo 2016. URL consultato il 10 marzo 2016.
  18. ^ a b (EN) Marcia Smith, Dress Rehearsal Puts Blue Origin Closer to Human Spaceflight, su spacepolicyonline.com, 14 gennaio 2021. URL consultato il 15 aprile 2021.
  19. ^ a b c Jeff Foust, Blue Origin expects BE-4 qualification tests to be done by year’s end, 19 aprile 2018. URL consultato il 21 aprile 2018.
  20. ^ Leonard David, Blue Origin's Sweet Spot: An Untapped Suborbital Market for Private Spaceflight, in Space.com, 12 agosto 2016. URL consultato il 14 agosto 2016.
  21. ^ a b c Eric Berger, Behind the curtain: Ars goes inside Blue Origin’s secretive rocket factory, in Ars Technica, 9 marzo 2016. URL consultato il 9 marzo 2016.
  22. ^ Jeff Bezos, First Developmental Test Flight of New Shepard, in Blue Origin, 27 aprile 2015. URL consultato il 27 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 30 aprile 2015).
  23. ^ a b Jeff Foust, Blue Origin’s New Shepard Vehicle Makes First Test Flight, in Space News, 30 aprile 2015. URL consultato il 1º maggio 2015.
  24. ^ Jeff Foust, Blue Origin Flies — and Lands — New Shepard Suborbital Spacecraft, 24 novembre 2015. URL consultato il 1º dicembre 2015.
    «We’re going to take that same exact architecture that was demonstrated and use it on our the booster stage of our orbital vehicle».
  25. ^ Jeff Foust, Blue Origin reflies New Shepard suborbital vehicle, 23 gennaio 2016. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  26. ^ Brian Berger, Launch. Land. Repeat: Blue Origin posts video of New Shepard’s Friday flight, 23 gennaio 2016. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  27. ^ a b Emily Calandrelli, Blue Origin launches and lands the same rocket for a third time, su techcrunch.com, 2 aprile 2016. URL consultato il 3 aprile 2016.
  28. ^ Loren Grush, Blue Origin safely launches and lands the New Shepard rocket for a fourth time, su theverge.com, 19 giugno 2016. URL consultato il 19 giugno 2016.
  29. ^ Alan Boyle, Jeff Bezos touts results from Blue Origin spaceship’s test, even with one less chute, in GeekWire, 20 luglio 2016. URL consultato il 20 luglio 2016.
  30. ^ a b c d (EN) New Shepard In-flight Escape Test, su blueorigin.com, Blue Origin. URL consultato il 24 marzo 2020.
  31. ^ a b Caleb Henry, Blue Origin enlarges New Glenn’s payload fairing, preparing to debut upgraded New Shepard, su spacenews.com. URL consultato il 15 settembre 2017.
  32. ^ Blue Origin, first time we’ve had two rockets in the barn in West Texas, su twitter.com, 17 dicembre 2018. URL consultato il 26 dicembre 2019.
  33. ^ Jeff Foust, Blue Origin a year away from crewed New Shepard flights, 19 dicembre 2017. URL consultato il 22 gennaio 2018.
  34. ^ a b (EN) Stephen Clark, Video: Blue Origin flies New Shepard rocket for eighth time, su Spaceflight Now, 29 aprile 2018.
  35. ^ Meghan Bartels, Blue Origin Delays Next New Shepard Launch to Early 2019, su space.com, 20 dicembre 2019. URL consultato il 26 gennaio 2019.
  36. ^ a b Eric Berger, New Shepard makes 10th launch as Blue Origin aims to fly humans late in 2019, in Ars Technica, 23 gennaio 2019. URL consultato il 26 gennaio 2019.
  37. ^ Laura Newton, NASA Technologies Slated for Testing on Blue Origin's New Shepard, su NASA, 24 agosto 2021. URL consultato il 26 agosto 2021.
  38. ^ Jackie Wattles, Jeff Bezos is going to space, su CNN. URL consultato il 7 giugno 2021.
  39. ^ Mike Wall, Blue Origin Probably Won't Launch People to Space This Year, space.com, 4 ottobre 2019. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  40. ^ Thomas Burghardt, Blue Origin tests New Shepard capsule upgrades on NS-14 mission, NASAspaceflight.com, 14 gennaio 2021. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  41. ^ Jeff Foust, Blue Origin plans growth spurt this year, 5 marzo 2016. URL consultato il 9 marzo 2016.
  42. ^ Jeff Foust, Blue Origin plans to start selling suborbital spaceflight tickets next year, 21 giugno 2018. URL consultato il 25 giugno 2018.
  43. ^ Jeff Foust, Blue Origin launches Bezos on first crewed New Shepard flight, 20 luglio 2021. URL consultato il 20 luglio 2021.
  44. ^ Blue Origin will launch an 18-year-old as its final passenger on 1st crewed flight, su space.com, 15 luglio 2021.
  45. ^ $28M is winning bid for seat aboard Blue Origin's 1st human space flight, su abcnews.go.com, ABC News, 12 giugno 2021.
  46. ^ a b (EN) Blue Origin [blueorigin], Welcome aboard, Wally. Here’s the moment Jeff Bezos asked Wally Funk to join our first human flight on July 20 as our honored guest. (Tweet), su Twitter, 1º luglio 2021. URL consultato il 1º luglio 2021.
  47. ^ (EN) Bill Harwood, Bezos' Blue Origin completes first test flight of "New Shepard" spacecraft, Spaceflight Now, 30 aprile 2015. URL consultato l'11 maggio 2015.
  48. ^ (EN) Andy Pasztor, Jeff Bezos's Blue Origin Succeeds in Landing Spent Rocket Back on Earth, Wall Street Journal, 24 novembre 2015. URL consultato il 24 novembre 2015.
  49. ^ (EN) Launch Land Repeat, su blueorigin.com. URL consultato il 23 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2016).
  50. ^ (EN) Calla Cofield, Launch Land Repeat Blue Origin's Amazing Rocket Liftoff and Landing in Pictures, su space.com, 4 aprile 2016. URL consultato il 14 ottobre 2021.
  51. ^ a b (EN) Alan Boyle, Jeff Bezos' Blue Origin live-streams its spaceship's risky test flight, su geekwire.com, GeekWire, 19 giugno 2016. URL consultato il 21 giugno 2016.
  52. ^ (EN) Crew Capsule 2.0 First Flight, su blueorigin.com, Blue Origin. URL consultato il 24 marzo 2020.
  53. ^ (EN) Blue Origin flies next-generation New Shepard vehicle, su spacenews.com, 13 dicembre 2017. URL consultato il 24 marzo 2020.
  54. ^ (EN) Apogee 351,000 Feet, su blueorigin.com, Blue Origin. URL consultato il 24 marzo 2020.
  55. ^ a b (EN) Marcia Dunn, Jeff Bezos' Blue Origin launches spacecraft higher than ever, su apnews.com, Associated Press, 19 luglio 2018. URL consultato il 19 luglio 2018.
  56. ^ (EN) Stephen Clark, Blue Origin reschedules New Shepard launch for Wednesday, su spaceflightnow.com, Spaceflight Now. URL consultato il 23 gennaio 2019.
  57. ^ (EN) Blue Origin New Shepard: Mission 10 (Q1 2019) - collectSPACE: Messages, su www.collectspace.com. URL consultato il 23 gennaio 2019.
  58. ^ a b (EN) Stephen Clark, Blue Origin "one step closer" to human flights after successful suborbital launch, su spaceflightnow.com, Spaceflight Now. URL consultato il 9 maggio 2019.
  59. ^ a b (EN) New Shepard sets reusability mark on latest suborbital spaceflight, su spacenews.com, 11 dicembre 2019. URL consultato il 24 marzo 2020.
  60. ^ (EN) Alan Boyle, Watch Blue Origin send thousands of postcards to space and back on test flight, 8 dicembre 2019. URL consultato il 10 dicembre 2019.
  61. ^ (EN) New Shepard Mission NS-12 Updates, su blueorigin.com, Blue Origin. URL consultato il 10 dicembre 2019.
  62. ^ (EN) Michael Sheetz, Blue Origin launches and lands the 13th test flight of its space tourism rocket New Shepard, su CNBC, 13 ottobre 2020. URL consultato il 26 agosto 2021.
  63. ^ (EN) FCC APPLICATION FOR SPECIAL TEMPORARY AUTHORITY, su apps.fcc.gov.
  64. ^ (EN) NS-15 (Suborbital), su RocketLaunch.live. URL consultato il 1º aprile 2021.
  65. ^ (EN) Jeff Bezos' Blue Origin launches and lands rocket New Shepard, as it prepares to launch people, su cnbc.com, 14 aprile 2021.
  66. ^ (EN) Bid for the very first seat on New Shepard, su blueorigin.com. URL consultato il 5 maggio 2021.
  67. ^ (EN) WATCH LIVE: First Human Flight (NS-16, Suborbital) Mission (New Shepard) - RocketLaunch.Live, su www.rocketlaunch.live. URL consultato il 20 luglio 2021.
  68. ^ (EN) Winning Ticket to Join Jeff Bezos in Space Costs Nearly $30 Million in Blue Origin Auction, su wsj.com, Wall Street Journal, 12 giugno 2021.
  69. ^ (EN) Blue Origin [blueorigin], Capsule, touchdown! A wholly successful payload mission for New Shepard. A huge congrats to the entire Blue Origin team on another successful flight. (Tweet), su Twitter, 26 agosto 2021.
  70. ^ (EN) New Shepard Payload Mission NS-17 to Fly NASA Lunar Landing Experiment and Art Installation, su blueorigin.com, Blue Origin. URL consultato il 18 agosto 2021.
  71. ^ (EN) Blue Origin successfully and safely completes second human flight to space and back, in Blue Origin. URL consultato il 13 ottobre 2021.
  72. ^ Blue Origin announces next customers to fly on New Shepard's upcoming human flight on October 12, su Blue Origin, Blue Origin. URL consultato il 27 settembre 2021.
  73. ^ William Shatner and Blue Origin's Audrey Powers to fly on New Shepard's 18th mission, su Blue Origin, Blue Origin. URL consultato il 4 ottobre 2021.
  74. ^ Jeff Foust, Blue Origin launches second crewed New Shepard mission, su spacenews.com, 13 ottobre 2021. URL consultato il 13 ottobre 2021.
    «Company executives said in July that they expected to perform two more crewed flights this year, of which this one was the first. The second, projected for December, may be the first to carry six people, the full crew complement of New Shepard.».
  75. ^ Jeff Foust, Blue Origin successfully and safely completes second human flight to space and back, in BlueOrigin, 13 ottobre 2021. URL consultato il 13 ottobre 2021.
    «Blue Origin is planning one more crewed flight this year, with several more crewed flights planned for 2022.».
  76. ^ Jeff Foust, Blue Origin plans growth spurt this year, 5 marzo 2016. URL consultato il 9 marzo 2016.
  77. ^ Leonard David, Blue Origin: Rocket plans spotlighted, Space.com, 13 giugno 2005. URL consultato il 28 giugno 2006.
  78. ^ Sigurd De Keyser, Blue Origin: Launches test rocket, su spacefellowship.com, 14 novembre 2006. URL consultato il 15 ottobre 2016.
  79. ^ Private Texas spaceport launches test rocket, su eastlandspin.com, 14 novembre 2006. URL consultato il 15 ottobre 2016.
  80. ^ Amazon Founder's Private Spaceport Launches First Rocket, su foxnews.com, 14 novembre 2006. URL consultato il 17 ottobre 2016.
  81. ^ [1] Archiviato il 16 marzo 2010 in Internet Archive.
  82. ^ a b c Jeff Bezos, Successful Short Hop, Set Back, and Next Vehicle, su Letter, Blue Origin, 2 settembre 2011. URL consultato il 3 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 2 settembre 2011).
  83. ^ Blue Origin has a bad day (and so do some of the media), in NewSpace Journal, 2 settembre 2011. URL consultato il 4 settembre 2011.
  84. ^ Bezos-Funded Spaceship Misfires, su wsj.com, Wall Street Journal, 2 settembre 2011. URL consultato il 3 settembre 2011.
  85. ^ Jeff Foust, Blue Origin proposes orbital vehicle, Newspacejournal.com. URL consultato il 23 aprile 2015.
  86. ^ CCDev awardees one year later: where are they now?, in NewSpace Journal, 4 febbraio 2011. URL consultato il 5 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2013).
  87. ^ Jeff Foust, Blue Origin on track for human suborbital test flights in 2017, 14 ottobre 2016. URL consultato il 15 ottobre 2016.
    «We’re still on track to flying people, our test astronauts, by the end of 2017, and then starting commercial flights in 2018.».
  88. ^ (EN) Michael Sheetz, Jeff Bezos' Blue Origin aims to fly first passengers on its space tourism rocket as early as April, su CNBC, 14 gennaio 2021. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  89. ^ Our Approach to Technology, su Blue Origin, Blue Origin. URL consultato il 1º maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2018).
    « The system consists of a pressurized capsule atop a booster. The combined vehicles launch vertically, accelerating for approximately two and a half minutes, before the engine cuts off. The capsule then separates from the booster to coast quietly into space. After a few minutes of free fall, the booster performs an autonomously controlled rocket-powered vertical landing, while the capsule lands softly under parachutes, both ready to be used again. Reusability allows us to fly the system again and again. ... The New Shepard capsule’s interior is ... 530 cubic feet—offering over 10 times the room Alan Shepard had on his Mercury flight. It seats six astronauts. Three independent parachutes [on the capsule] provide redundancy, while a retro-thrust system further cushions [the] landing. ... Full-envelope escape [system] is built around a solid rocket motor that provides 70,000 lb. of thrust in a two-second burn.».
  90. ^ Aerojet Rocketdyne Motor Plays Key Role in Successful Blue Origin In-Flight Crew Escape Test, in SpaceRef, 6 ottobre 2016.
  91. ^ (EN) Our Approach to Technology, su blueorigin.com (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2018).
  92. ^ (EN) Frank Morring, Jr, Blue Origin Developing Its Own Launch Vehicle, su aviationweek.com, 30 aprile 2012. URL consultato il 28 giugno 2019.
  93. ^ Finding of No Significant Impact (PDF), su faa.gov (archiviato dall'url originale il 15 maggio 2009).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Video
Astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica