Formazione nevosa perenne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Nevai)
Jump to navigation Jump to search

Una formazione nevosa perenne si intende un accumulo di neve che supera il periodo estivo senza fondersi completamente. I cristalli nevosi subiscono processi di metamorfosi e compattamento progressivo con formazione inizialmente di granuli (“firn”, con densità di circa 550 kg/m³[1]), e successivamente saldatura dei cristalli a formare ghiaccio compatto. La massa risultante ha una densità di circa 830 kg/m³[2].

Tipologie[modifica | modifica wikitesto]

Ghiacciaio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ghiacciaio.

Un ghiacciaio è una grande massa di ghiaccio delle regioni montane e polari, adunata negli avvallamenti, formata dalle nevi sotto l'azione del gelo e scorrente verso il basso. I ghiacciai attualmente occupano circa il 10% delle terre emerse.

Glacieret[modifica | modifica wikitesto]

Un glacieret è un accumulo perenne di neve e ghiaccio, simile al ghiacciaio, differendo da quest'ultimo per il minor volume e il minor movimento verso valle. Secondo la classificazione internazionale dei ghiacciai (Selby 1985) è sinonimo di glacionevato o snowfield[3].

Glacionevato[modifica | modifica wikitesto]

Un glacionevato è un accumulo di ghiaccio e neve di dimensioni variabili che può perdurare da pochi anni a molti secoli, ma che a differenza di un ghiacciaio non è dotato di moto verso valle [4] e alla cui base si possono formare nivo morene. In condizioni climatiche favorevoli può evolvere in un ghiacciaio. In Italia sono presenti e diffusi sulle principali catene montuose (Alpi e Appennini).

Nevaio[modifica | modifica wikitesto]

Un nevaio è un deposito di neve che si mantiene oltre la stagione delle precipitazioni nevose: solitamente si formano in conche, avvallamenti, alla base di un pendio ombreggiato od ovunque la neve tende ad accumularsi per vento e/o valanghe formando uno spessore significativo; fondono completamente oppure con fortissima riduzione stagionale ogni anno nel corso dell'estate, per poi tornare a riformarsi l'anno successivo. Depositi di neve perenni con limitata fusione stagionale evolvono solitamente prima in glacionevato e poi in glacieret/ghiacciaio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Servizio Glaciologico Lombardo, dizionario glaciologico: firn-nevato-gramolata, su www2.sgl.cluster.it. URL consultato il 10 maggio 2018 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2018).
  2. ^ Servizio Glaciologico Lombardo, dizionario glaciologico: Ghiaccio, su www2.sgl.cluster.it. URL consultato il 10 maggio 2018 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2018).
  3. ^ Servizio Glaciologico Lombardo, dizionario glaciologico: Ghiacciaio, su www2.sgl.cluster.it. URL consultato il 10 maggio 2018 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2018).
  4. ^ Il glacionevato infatti è dotato di un moto limitato che non origina crepacci e che è dovuto solo in minima parte al peso dello strato di ghiaccio e neve

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]