Nesomyidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Nesomiidi
Malagasy.giant.rat.arp.jpg
Hypogeomys antimena
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Euarchontoglires
Ordine Rodentia
Sottordine Myomorpha
Superfamiglia Muroidea
Famiglia Nesomyidae
Major, 1897

I Nesomiidi (Nesomyidae Major, 1897) sono una famiglia di Roditori, del sottordine dei Miomorfi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Questa famiglia comprende roditori con un peso che varia da 6,5 g del topo di palude di Delany a 2,8 kg del ratto gigante del Gambia.

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La relazione tra i vari membri del gruppo si basa sostanzialmente su affinità filogenetiche derivate probabilmente da un unico progenitore simile ai Cricetidi apparso in Africa tra il tardo Oligocene e il primo Miocene e successivamente diffusosi anche nel Madagascar. Sebbene esistano dei caratteri morfologici marginali comuni, come l'osso giugale esteso, la presenza di tre papille circumvallate sulla lingua e quella di due creste poco elevate sulla superficie esterna degli incisivi inferiori, la famiglia raggruppa specie con caratteri molto vari, comprendenti forme terricole, fossorie, saltatorie e arboricole, alcune con tasche guanciali altre con coda prensile o densamente ricoperta di peli.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Le specie di questa famiglia sono diffuse nell'Africa subsahariana e nel Madagascar.

Vivono in diversi tipi di habitat come foreste, arbusteti, prati, savane, colture e zone umide sia in aree temperate che tropicali.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia si suddivide in 6 sottofamiglie e 21 generi:[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Nesomyidae, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ronald M. Novak, Walker's Mammals of the World, 6th edition, Johns Hopkins University Press, 1999. ISBN 978-0-801-85789-8
  • David C.D.Happold, Mammals of Africa. Volume III-Rodents, Hares and Rabbits, Bloomsbury, 2013. ISBN 978-1-408-12253-2

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi