Neoistituzionalismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Neoistituzionalismo è una prospettiva teorica secondo la quale le istituzioni in senso ampio vengono analizzate come strutture cognitive, normative e di regolazione che fanno sì che il comportamento individuale risulti più come il riflesso di pressioni esterne che lo definiscono e lo condizionano che come il riflesso di scelte intenzionali. Alla sua base, infatti, ci sono i seguenti fattori: - La riaffermazione del ruolo centrale delle istituzioni, intese come un insieme di regole del gioco, routines, abitudini, procedure, stili decisionali o persino norme sociali. - Una conseguente rinnovata attenzione per il dettaglio delle strutture politiche. - Un ovvio collegamento con la precedente tradizione delle analisi istituzionali

Il neoistituzionalismo è lo sforzo di sintesi tra il normativismo e l'istituzionalismo e i suoi maggiori esponenti sono MacCormick e Weinberger. Il concetto centrale è che i fatti istituzionali, fatti reali e concreti come quelli naturali, hanno tuttavia una realtà che dipende non soltanto da dati materiali ma anche e soprattutto dalla interpretazione di questi dati alla luce di norme e di regole.

Il neo-istituzionalismo è utilizzato in modo relativamente prevalente nella disciplina della scienza politica in questi ultimi anni negli Stati Uniti e in Europa, Italia compresa.

Possiamo distinguere: Il neo-istituzionalismo storico: analisi delle istituzioni in chiave di “path dependance”, ovvero di dipendenza della politica dai precedenti percorsi istituzionali. Il neo-istituzionalismo sociologico: le istituzioni modellano la politica attraverso la costruzione e l’elaborazione del significato della vita individuale e collettiva, condizionando le percezioni e le preferenze e vincolando le aspettative e gli orientamenti. Il neo-istituzionalismo razionale: sono importanti quelle istituzioni che riescono a superare le difficoltà della cooperazione collettiva. Pur mantenendo gli assunti proprie della scelta nazionale, quali il comportamento individuale finalizzato a massimizzare il raggiungimento delle proprie preferenze, questa corrente di studiosi si propone di individuare assetti istituzionali che favoriscono la cooperazione.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]