Nemici. Una storia d'amore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Nemici: una storia d'amore)
Nemici. Una storia d'amore
Titolo originale Sonim, di Geshichte fun a Liebe
Altri titoli Enemies, a Love Story
Autore Isaac Bashevis Singer
1ª ed. originale 1966
1ª ed. italiana 1972
Genere romanzo
Lingua originale yiddish
Protagonisti Herman Broder

Nemici. Una storia d'amore (titolo originale Sonim, di Geshichte fun a Liebe) è un romanzo di Isaac Bashevis Singer pubblicato a puntate su "The Jewish Daily Forward" nel 1966. È stato scritto in lingua yiddish, tradotto in inglese da Aliza Shevrin ed Elizabeth Shub, e pubblicato in volume per la prima volta da Farrar, Straus and Giroux nel 1972 con il titolo Enemies, a Love Story.

Dal romanzo è stato tratto un film omonimo nel 1989, diretto da Paul Mazursky.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ambientato a New York nel 1949, il romanzo racconta la storia di Herman Broder, un sopravvissuto all'olocausto che durante tutta la guerra si era nascosto in un fienile, assistito dalla sua cameriera polacca Yadwiga, poi diventata negli Stati Uniti sua moglie. Qui però l'uomo ha una relazione amorosa con un'altra donna sopravvissuta anche lei ai nazisti, Masha (a sua volta sposata). Con la moglie egli finge di essere un commesso viaggiatore che vende libri, mentre in realtà lavora come scrittore ombra per un rabbino corrotto e spregevole. A un certo punto una terza donna, Tamara, che lui credeva morta e che era stata sua moglie prima della guerra, riappare dal passato e l'uomo è disperato. Si scopre che anche con lei non era stato fedele e che l'indecisione ha sempre fatto parte del suo carattere.

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura