Nella morsa del ragno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nella morsa del ragno
Titolo originale Along Came a Spider
Paese di produzione USA
Anno 2001
Durata 104 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere thriller
Regia Lee Tamahori
Soggetto James Patterson
Sceneggiatura Marc Moss
Distribuzione (Italia) Eagle Pictures
Fotografia Matthew F. Leonetti
Montaggio Nicolas De Toth, Neil Travis
Musiche Jerry Goldsmith
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Nella morsa del ragno è un film del 2001 diretto da Lee Tamahori ed è tratto dal romanzo Ricorda Maggie Rose di James Patterson.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Durante il tentativo di catturare un serial killer muore la collega dell'investigatore-psicologo Alex Cross (Morgan Freeman) ed i sensi di colpa lo portano a ritirarsi dal lavoro.

Alcuni mesi dopo, la figlia del senatore Hank Rose viene rapita a scuola, una scuola dove studiano, sorvegliati dai servizi segreti, i figli degli uomini politici più importanti degli Stati Uniti.

Il rapitore Gary Soneji (Michael Wincott) si è infiltrato due anni prima nella scuola per studiare le mosse della bambina ed è diventato un suo insegnante. Soneji, con una telefonata, coinvolge Cross che, si trova a lavorare a fianco dell'agente dei servizi segreti Jezzie Flannigan (Monica Potter), responsabile del servizio di sicurezza presso la scuola. I servizi segreti, però, brancolano nel buio perché il rapitore non ha lasciato tracce: niente impronte digitali, identità fasulla; neppure il suo aspetto è conosciuto, perché ha sempre indossato una maschera, ma scoprono il luogo dove il rapitore aveva preparato il piano.

Nel frattempo la bambina, tenuta in ostaggio su una barca, tenta di liberarsi incendiando la nave, ma il piano fallisce. A questo punto alla polizia viene richiesto un inaspettato riscatto di 10 milioni di dollari in diamanti. Il rapitore si allontana dalla barca e al suo ritorno la bambina è sparita. A questo punto va a trovare Cross, ma dopo aver tentato di prendere in ostaggio Jezzie, Cross gli spara con il fucile da caccia vinto a Poker dal padre della collega.

Morto il rapitore cresce anche la paura di non riuscire a trovare viva la bambina, ma Alex Cross ha una formidabile intuizione: dopo aver menzionato i 12 milioni in diamanti, capisce che non è stato Soneji a chiedere il riscatto, in quanto non lo ha corretto sulla cifra esatta, e che quindi c'è un secondo rapitore. Le indagini prendono dunque un'altra piega e controllando i filmati del giorno del rapimento, Cross si rende conto che la complice del rapitore è proprio l'agente Flannigan insieme ad uno dei vigilantes della scuola: Ben Devine.

Temendo che Cross scopra della sua complicità nel rapimento, Jezzie si fa scaltramente consegnare i diamanti per poi uccidere lo stesso Ben. La bambina viene tenuta in ostaggio nel granaio di una casa presa in affitto proprio dall'agente Flannigan ed Alex Cross scopre questo luogo ispezionando il computer di Jezzie.

Il film termina con un breve scontro a fuoco nel quale l'agente Flannigan, che preferisce morire piuttosto che venir catturata, viene uccisa da Cross e finalmente la bambina può essere riportata ai suoi genitori.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

In una delle scene finali del film, Cross spara a Jezzie ( che ha il cappotto allacciato ) direttamente al cuore ma, nella scena successiva, si può notare che il foro d'uscita del proiettile si trova in mezzo alla schiena e che il cappotto è aperto.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema