Necropoli di Monte Siseri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Necropoli di Monte Siseri
Tomba de S'Incantu
Putifigari, necropoli di Monte Siseri (20).jpg

Civiltàprenuragica
Utilizzoarea funeraria
EpocaNeolitico finale – Eneolitico
Localizzazione
StatoItalia Italia
ProvinciaPutifigari-Stemma.png Putifigari
Altitudine86 m s.l.m.
Scavi
Date scavi1989
ArcheologoGiovanni Maria Demartis
Amministrazione
EnteSoprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Sassari e Nuoro
Visitabile
Mappa di localizzazione

Coordinate: 40°36′23.8″N 8°25′48″E / 40.606611°N 8.43°E40.606611; 8.43

La necropoli di Monte Siseri è un importante sito archeologico situato nella Sardegna nord-occidentale; appartiene amministrativamente al comune di Putifigari - centro abitato in provincia di Sassari - da cui dista circa dieci chilometri. Le indagini di scavo effettuate nel 1989 dall'archeologo Giovanni Maria Demartis hanno permesso di ascrivere la necropoli al Neolitico finale – Eneolitico (3200 - 2600 a.C.).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il sepolcreto è costituito da quattro domus de janas ricavate in un affioramento di roccia tufacea situtato alle falde del monte da cui la necropoli prende il nome. Fra queste spicca quella conosciuta come "tomba dell'architettura dipinta" o "de s'incantu" (dell'incanto) - una delle più spettacolari della Sardegna - nella quale la qualità delle decorazioni presenti mostrano l'elevato grado artistico raggiunto durante il Neolitico dall'arte ipogeica sarda.

La domus, il cui ingresso è preceduto da un lungo corridoio, il dromos, ha sezione planimetrica a T: è formato da una piccola anticella quadrangolare che, attraverso un portello, immette in un ampio vano rettangolare; qui, nelle pareti laterali si aprono due cellette.

La parte più interessante, il vano centrale, misura 5,90 x 3,30 m e 2,20 m in altezza. Due pilastri a sezione quadrata "sostengono" il soffitto, quest'ultimo rappresentato artisticamente come un tetto a doppio spiovente composto da trave e travetti trasversali - nei quali si distingue ancora la pittura originaria rosso e nera - imitazione dei soffitti delle coeve abitazioni. La parete frontale è decorata da una falsa porta con doppia cornice incassata, ad di sopra della quale sono scolpite tre lunghe protomi taurine, a simboleggiare il dio Toro o della fertilità, che percorrono la parete per tutta la lunghezza. Di fronte, sul pavimento, risalta una coppella emisferica, circoscritta da quattro cerchi concentrici - quello esterno del diametro di circa un metro - atta forse a contenere le offerte ai defunti. Ai lati del vano due portelli corredati di cornici a triplice incasso immettono in altrettante cellette, prive di decorazioni, dove presumibilmente venivano deposti i corpi dei morti.

Nell'affioramento roccioso all'esterno della domus, sono ricavate diverse coppelle e vaschette, oltre ad una serie di canalette che evitavano l'allagamento della tomba da parte dall'acqua piovana.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Maria Demartis, Tomba dell'Architettura Dipinta o di S'Incantu. Putifigari (Sassari). Località Monte Siseri, in Bollettino di Archeologia, 4, giugno-luglio 1990, pp. 107–110;
  • Giovanni Maria Demartis, La Tomba dell'Architettura Dipinta. Un ipogeo neolitico di Putifigari, in Bollettino di Archeologia, 7, gennaio-febbraio 1991, pp. 1–21;
  • Giovanni Maria Demartis, Le Domus de Janas della Nurra, Piedimonte Matese, Imago Media, 2001, p. 95.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]