Necromys lilloi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Necromys lilloi
Immagine di Necromys lilloi mancante
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Euarchontoglires
Ordine Rodentia
Famiglia Cricetidae
Sottofamiglia Sigmodontinae
Genere Necromys
Specie N.lilloi
Nomenclatura binomiale
Necromys lilloi
Jayat, D'Elia, Ortiz & Teta, 2016

Necromys lilloi (Jayat, D'Elia, Ortiz & Teta, 2016) è un roditore della famiglia dei Cricetidi endemico dell'Argentina.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Roditore di piccole dimensioni, con la lunghezza totale tra 171 e 189 mm, la lunghezza della coda tra 70 e 77 mm, la lunghezza del piede tra 24 e 26 mm, la lunghezza delle orecchie tra 15 e 17 mm e un peso fino a 44 g.[1]

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Le parti dorsali sono bruno castane scure con la base dei peli scura, mentre le parti ventrali sono fulve. Una macchia bianca è presente sul mento. Gli occhi sono circondati da anelli giallognoli. Le orecchie sono piccole ed arrotondate. Il dorso delle zampe è più chiaro del dorso ed è ricoperto da corti peli bianco-grigiastri. La coda è più corta della testa e del corpo, è marrone scura sopra, bianco-grigiastra sotto ed è rivestita da anelli di scaglie ben visibili.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

È una specie terricola e notturna.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è conosciuta soltanto nella provincia nord-occidentale argentina di Tucumán.

Vive negli ambienti erbosi associati con il Chaco Serrano.

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie, essendo stata scoperta solo recentemente, non è stata sottoposta ancora a nessun criterio di conservazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jayat JP, D'Elia G, Ortiz PE & Teta P, A new species of the rodent genus Necromys Ameghino (Cricetidae: Sigmodontinae: Akodontini) from the Chaco Serrano grasslands of northwestern Argentina, in Journal of Mammalogy, 2016, pp. 1-15.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi