Natrolite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Natrolite
Natroliteinde1.jpg
Classificazione Strunz9.GA.05
Formula chimicaNa2[Al2Si3O10]·2(H2O)
Proprietà cristallografiche
Sistema cristallinoortorombico
Gruppo puntualemm2
Gruppo spazialeF dd2
Proprietà fisiche
Densità2,3 g/cm³
Durezza (Mohs)5-5½
Sfaldaturaperfetta
Fratturairregolare
Coloreincolore, bianca, giallastra, rossiccia
Lucentezzavitrea
Opacitàda trasparente a traslucida
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce – Minerale

La natrolite è un minerale, appartenente al gruppo delle zeoliti che sono dei tettosilicati con struttura molecolare caratterizzata da impalcature tridimensionali di tetraedri molto aperte che lasciano all'interno ampie cavità intercomunicanti attraverso canali che contengono sodio o acqua.[1]

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Si presenta comunemente in cristalli ben formati, spesso prismatici fino ad aciculari o in aggregati raggiati, fibrosi o granulari.[1]

Origine e giacitura[modifica | modifica wikitesto]

Si rinviene in rocce vulcaniche, come i basalti, entro vacuoli (geodi) formatisi durante la solidificazione della lava.

Luoghi di ritrovamento[modifica | modifica wikitesto]

Gruppi particolarmente belli di cristalli si trovano in diverse località della Boemia (Rep. Ceca), mentre dalla penisola di Kola (Russia) provengono cristalli lunghi fino a 30 cm.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Ole Johnsen, Guida ai minerali del mondo, Zanichelli editore, 2006.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Cristalli di natrolite formatisi entro una cavità vacuolare in un basalto ad Altavilla Vicentina, nei Colli Berici

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Webmin, su webmineral.com.
Controllo di autoritàLCCN (ENsh85090187
Mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia