National Woman's Party

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
1leftarrow blue.svg Voce principale: Femminismo.
National Woman's Party
Congressional Union for Woman Suffrage
Alice Paul Institute
National Woman's Party logo.png
WOMAN SUFFRAGE. GROUP AT HEADQUARTERS LCCN2016867236.jpg
Suffragio femminile. Gruppo presso la Sede[1]
AbbreviazioneNWP
TipoOrganizzazione politica
Fondazione5 giugno 1916
Fondatore
Scioglimento1 gennaio 2021
Scopo"Ottenere un emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti che conceda il diritto di voto alle donne" e approvare l'ERA
Sede centraleStati Uniti Washington
Indirizzo144 Constitution Avenue[2]
PresidenteStati Uniti Alice Paul
Lingua ufficialeInglese
Membri
  • Alice Paul
  • Lucy Burns
  • Mabel Vernon
  • Anne Henrietta Martin (1916)
Sito web

Il National Woman's Party (NWP) è stata un'organizzazione politica femminile americana costituita nel 1916 per lottare per il suffragio femminile.[3] Dopo aver raggiunto questo obiettivo con l'adozione nel 1920 del Diciannovesimo Emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti, il NWP promosse altre problematiche, tra cui l'Emendamento sulla Parità dei Diritti. La leader più importante del National Woman's Party fu Alice Paul e la sua iniziativa più notevole fu la veglia delle Silent Sentinels del 1917-1919 fuori dai cancelli della Casa Bianca.[4]

A partire dal 1 gennaio 2021, il NWP cessò le attività come propria organizzazione no profit indipendente e cedette i suoi diritti sui marchi registrati e gli altri utilizzi del nome del partito all'Alice Paul Institute.[5] L'Alice Paul Institute invitò tre membri del consiglio di amministrazione del NWP a unirsi al proprio consiglio e in seguito creerà un nuovo comitato per "consigliare su una potenziale espansione dei programmi nell'area di Washington, D.C. e a livello nazionale".

Panoramica[modifica | modifica wikitesto]

Il National Woman's Party è stata una conseguenza dell'Unione del Congresso per il Suffragio Femminile, che era stata costituita nel 1913 da Alice Paul e Lucy Burns per lottare per il suffragio femminile. Il National Woman's Party si staccò dalla molto più grande National American Woman Suffrage Association, che si era concentrata sul tentativo di ottenere il suffragio femminile a livello statale. Il NWP diede la priorità all'approvazione di un emendamento costituzionale che garantisse il suffragio femminile in tutti gli Stati Uniti.

Gli albori[modifica | modifica wikitesto]

Alice Paul era strettamente legata all'England's Women's Suffrage Political Union (WSPU), organizzata da Emmeline Pankhurst. Mentre era una studentessa universitaria in Inghilterra, fu impegnata dai Pankhurst e dalla loro campagna per il suffragio inglese. Durante questo periodo Alice Paul incontrò Lucy Burns, che sarebbe diventata una co-fondatrice del NWP. Sebbene la Paul fosse strettamente legata alla campagna militante per il suffragio in Inghilterra, quando partì per sostenere il suffragio negli Stati Uniti, fu invece una pioniera della disobbedienza civile negli Stati Uniti. Ad esempio i membri della WSPU molestarono i membri del parlamento, sputarono sugli agenti di polizia e appiccarono incendi dolosi.[6]

Mentre le suffragette britanniche interruppero le loro proteste nel 1914 per sostenere lo sforzo bellico britannico, la Paul continuò la sua lotta per l'uguaglianza delle donne e organizzò picchettaggi del presidente in tempo di guerra per mantenere l'attenzione sulla mancanza di emancipazione delle donne. I membri del NWP sostennero che era ipocrita per gli Stati Uniti combattere una guerra per la democrazia in Europa mentre negavano i benefici a metà della popolazione statunitense. Argomenti simili venivano discussi in Europa, dove la maggior parte delle nazioni alleate d'Europa aveva concesso il diritto di voto ad alcune donne o presto lo avrebbe fatto.

Dopo la loro esperienza con l'attività di suffragio militante in Gran Bretagna, Alice Paul e Lucy Burns si riunirono negli Stati Uniti nel 1910. Le due donne furono originariamente assegnate al Comitato congressuale della National American Woman Suffrage Association (NAWSA). Nel marzo 1913 organizzarono la prima parata per il suffragio nazionale di 5.000-8.000 donne (secondo stime diverse)[7] a Washington, D.C., il giorno prima dell'insediamento di Woodrow Wilson. Questa fu concepita come una tattica politica per mostrare la forza delle donne e per dimostrare che avrebbero perseguito i loro obiettivi sotto l'amministrazione di Wilson. A guidare la parata c'era Inez Milholland che era vestita tutta di bianco e cavalcava un cavallo bianco, che in seguito servì come simbolo del movimento per il suffragio. Questa posizione della Millholland all'inizio della parata era strategica per via della sua bellezza, la Paul sapeva che avrebbe attirato l'attenzione dei media e dei seguaci. Una delle critiche a questa prima parata per il suffragio nazionale fu l'impedimento alle donne di colore dal partecipare fianco a fianco con le donne bianche. Anche se la Paul non si oppose mai al diritto di voto delle donne di colore, impedì loro di marciare con le donne bianche e le costrinse a restare in fondo alla parata con gli uomini per placare le donne del sud. Il corteo si trasformò rapidamente in un caos per le violente reazioni della folla e per la mancanza di sostegno da parte della polizia locale. La polizia di Washington fece poco per aiutare le suffragette, ma le donne furono assistite dalla Guardia Nazionale del Massachusetts, dalla Guardia Nazionale della Pennsylvania e dai ragazzi del Maryland Agricultural College, che crearono una barriera umana per proteggere le donne dalla folla inferocita.[8]

Dopo questo incidente, che la Paul usò efficacemente per mobilitare l'opinione pubblica alla causa del suffragio, Paul e Burns fondarono la Congressional Union for Woman Suffrage nell'aprile 1913, che si separò dalla NAWSA nello stesso anno. C'erano molte ragioni per la scissione, ma principalmente Paul e Burns erano frustrate dall'approccio più lento del National di concentrarsi sui singoli referendum statali e volevano portare avanti un emendamento del Congresso. Anche Alice Paul si era irritata sotto la guida di Carrie Chapman Catt, poiché aveva idee molto diverse su come svolgere il lavoro di suffragio e un diverso atteggiamento nei confronti della militanza.[9] La Catt disapprovava le strategie radicali, ispirate dalle "Suffragette" britanniche, che Paul e Burns stavano cercando di attuare nell'American Suffrage Movement.

La divisione fu confermata da un'importante divergenza di opinioni sull'emendamento Shafroth-Palmer. Questo emendamento fu guidato dalla sostituzione di Alice Paul come presidente del Comitato congressuale nazionale ed era una sorta di compromesso inteso a placare il sentimento razzista nel sud. Shafroth-Palmer doveva essere un emendamento costituzionale che avrebbe richiesto a qualsiasi stato con più dell'8% di firmare una petizione di iniziativa per tenere un referendum statali sul suffragio. Ciò avrebbe tenuto il processo legislativo fuori dalle mani federali, una proposta più attraente per il sud. Gli stati del sud temevano un emendamento al suffragio femminile del Congresso come una possibile invasione federale nel loro sistema restrittivo di leggi sul voto, inteso a privare il diritto di voto all'elettore nero.

La Paul e la Burns ritenevano che questo emendamento fosse una distrazione letale dal vero e in definitiva necessario obiettivo di un emendamento federale onnicomprensivo che proteggesse i diritti di tutte le donne, soprattutto perché all'epoca i feroci cicli dei referendum statali erano percepiti come quasi dannosi per la causa. Nelle parole della Paul:

«È un po' difficile trattare con serietà un equivoco, evasivo, puerile sostituto del semplice e dignitoso emendamento sul suffragio ora all'esame del Congresso.[10]»

Esponenti di spicco del Movimento[modifica | modifica wikitesto]

L'opposizione a Wilson[modifica | modifica wikitesto]

8 marzo 1913, prima pagina del Woman's Journal

Le donne associate al partito organizzarono una parata per il suffragio molto innovativa il 3 marzo 1913,[12] il giorno prima dell'insediamento di Wilson.[13]

Durante la prima riunione del gruppo, la Paul chiarì che il partito non sarebbe stato un partito politico tradizionale e quindi non avrebbe appoggiato un candidato alla presidenza durante le elezioni. Sebbene apartitico, il NWP rivolse la maggior parte della sua attenzione al presidente Woodrow Wilson e ai Democratici, criticandoli come responsabili della mancata approvazione di un emendamento costituzionale. Di conseguenza, nel 1918, la Paul condusse una campagna che boicottava i Democratici a causa del loro rifiuto di sostenere il suffragio femminile. Decisero di boicottare l'intero partito, compresi i Democratici a favore del suffragio.[14] Alla fine il boicottaggio dei Democratici guidato dal NWP portò a una maggioranza repubblicana alla Camera.[15] Il National Woman's Party continuò a concentrarsi sul suffragio come causa principale. Rifiutò di sostenere o attaccare il coinvolgimento americano nella guerra mondiale, mentre la rivale NAWSA, sotto Carrie Chapman Catt, diede pieno sostegno allo sforzo bellico. Di conseguenza un gruppo eterogeneo di attivisti come pacifisti e socialisti è stato attratto dal NWP a causa della sua opposizione a un presidente contrario al suffragio.[16]

Picchettaggio della Casa Bianca[modifica | modifica wikitesto]

Membri del NWP che picchettano la Casa Bianca[17] durante le proteste delle Silent Sentinels nel 1917; lo striscione recita: "Signor Presidente, quanto tempo devono aspettare le donne per la libertà".

L'escalation del conflitto in Europa non impedì ad Alice Paul e al NWP di protestare contro la posizione ipocrita di Wilson sulla guerra. Wilson promuoveva l'idea di mantenere la democrazia all'estero, anche se gli Stati Uniti avevano ancora negato il diritto di voto a metà dei propri cittadini. I picchetti NWP sono stati visti come controversi perché continuarono durante il tempo di guerra mentre altri gruppi di suffragio come il NAWSA scelsero di sostenere lo sforzo bellico. Conosciuti come "Silent Sentinels", la loro azione durò dal 10 gennaio 1917 al giugno 1919. All'inizio i manifestanti furono tollerati, ma quando continuarono a picchettare dopo che gli Stati Uniti dichiararono guerra nel 1917, furono arrestati dalla polizia per aver ostacolato il traffico. Indipendentemente dal tempo, le donne stavano fuori dalla Casa Bianca con striscioni, ricordando costantemente a Wilson la sua ipocrisia. Quando furono arrestati per la prima volta Lucy Burns affermò che erano prigionieri politici ma furono trattati come prigionieri normali. In omaggio al loro impegno per il suffragio, si rifiutarono di pagare le multe ed accettarono il carcere.

La prima notte che le Silent Sentinel trascorsero in prigione fu conosciuta come la Notte del Terrore: le prigioniere furono picchiate fino a quando alcune di loro persero i sensi, morirono di fame e la Burns ebbe le mani incatenate sopra la testa. A causa di questa detenzione illegale, molti dei membri del NWP iniziarono uno sciopero della fame; di conseguenza alcuni, tra cui Lucy Burns e la Paul, furono alimentate forzatamente dal personale della prigione. Gli scioperi della fame lasciarono le donne deboli e in condizioni terribili, ma loro persistettero. Dopo un po' alle guardie fu intimato di nutrire forzatamente le donne. Avevano tubi lunghi e stretti infilati in gola, che causavano molte ferite che non riuscivano a guarire. Le suffragette erano anche costrette a fornire manodopera nelle case di lavoro e venivano spesso picchiate e maltrattate. Approfittando dei maltrattamenti e degli abusi fisici, alcune delle suffragette condivisero le loro storie con la stampa e con The Suffragist, il loro giornale per il suffragio. Doris Stevens, un importante membro del NWP, scrisse delle loro orribili esperienze nell'Occoquan Workhouse nel suo libro di memorie Jailed for Freedom. La pubblicità risultante avvenne in un momento in cui Wilson stava cercando di costruirsi una reputazione per se stesso e per la nazione come leader internazionale nei diritti umani. Molti degli striscioni contenevano citazioni di Wilson sul sostenimento della democrazia all'estero, il che richiamava l'attenzione sull'ipocrisia di Wilson e sulla sua mancanza di sostegno per un emendamento al suffragio nazionale.

There are many different theories about why Wilson changed his stance of suffrage. Wilson favored  woman suffrage at the state level, but held off support for a nationwide constitutional amendment because his party was sharply divided, with the South opposing an amendment on the grounds of state's rights. The only Southern state to grant women the vote was Arkansas. The NWP in 1917–1919 repeatedly targeted Wilson and his party for not enacting an amendment. Wilson, however, kept in close touch with more moderate suffragists of the NAWSA. Wilson continued to hold off until he was sure the Democratic Party in the North was in support; the 1917 referendum in New York State in favor of suffrage proved decisive for him. In January 1918, Wilson went in person to the House and made a strong and widely published appeal to the House to pass the bill. The NWP had many innovative non-violent tactics including staging sit-ins, organizing deputations of high class and working-class women, boycotting the Democrats in midterm elections, using the voting power of women in the west, appealing to Wilson everyday through picketing, and calling out Wilson for supporting world democracy but not supporting it at home. These tactics were a contributing factor in getting Wilson to change his position on the suffrage bill. It passed but the Senate stalled until 1919 then finally sent the amendment to the states for ratification.[18] Scholar Belinda A. Stillion Southard has written that "...the campaign of the NWP was crucial toward securing the passage of the Nineteenth Amendment."[19]

Ci sono molte teorie diverse sul motivo per cui Wilson cambiò la sua posizione sul suffragio. Wilson favorì il suffragio femminile a livello statale, ma respinse il sostegno a un emendamento costituzionale a livello nazionale, perché il suo partito era nettamente diviso, con il Sud che si opponeva a un emendamento sulla base dei diritti dello stato[20]. L'unico stato del sud a concedere il voto alle donne era l'Arkansas. Il NWP nel 1917-1919 prese ripetutamente di mira Wilson e il suo partito per non aver promulgato un emendamento. Wilson, tuttavia, rimase in stretto contatto con i suffragisti più moderati della NAWSA. Continuò a resistere finché non fu sicuro che il Partito Democratico del Nord fosse a suo favore; il referendum del 1917 nello Stato di New York a favore del suffragio si rivelò decisivo per lui. Nel gennaio 1918 Wilson si recò di persona alla Camera e fece un appello forte e ampiamente pubblicato alla Camera affinché approvasse il disegno di legge. Il NWP aveva molte tattiche non violente innovative tra cui organizzare sit-in, organizzare deputazioni di donne della classe alta e della classe operaia, boicottare i Democratici nelle elezioni di medio termine, usare il potere di voto delle donne in occidente, fare appello a Wilson ogni giorno attraverso picchettaggi e richiamare Wilson perché sosteneva la democrazia mondiale ma non la sosteneva in patria. Queste tattiche contribuirono a convincere Wilson a cambiare la sua posizione sul disegno di legge sul suffragio. Alla fine passò, ma il Senato rimase in stallo fino al 1919, quindi inviò finalmente l'emendamento agli stati per la ratifica[18]. La studiosa Belinda A. Stillion Southard scrisse che:

«"... la campagna del NWP è stata cruciale per garantire l'approvazione del diciannovesimo emendamento".»

La lotta per la parità dei diritti[modifica | modifica wikitesto]

Membri del partito che picchettano la convenzione repubblicana, Chicago, giugno 1920. L-R Abby Scott Baker, Florence Taylor Marsh, Sue Shelton White, Elsie Hill, Betty Gram.

Il NWP svolse un ruolo fondamentale nell'approvazione del Diciannovesimo Emendamento nel 1920, che concedeva alle donne statunitensi il diritto di voto. Alice Paul rivolto quindi la sua attenzione alla garanzia dell'Equal Rights Amendment (ERA) che riteneva vitale per le donne per garantire l'uguaglianza di genere. Il NWP si riunì nel 1923 e pubblicò la rivista Equal Rights. La pubblicazione era rivolta alle donne, ma intendeva anche educare gli uomini sui vantaggi del suffragio femminile, sui diritti delle donne e su altre questioni riguardanti le donne americane.

Uomini e donne avranno uguali diritti in tutti gli Stati Uniti e in ogni luogo soggetto alla sua giurisdizione.[21]

Il NWP non sosteneva la legislazione protettiva e riteneva che queste leggi avrebbero continuato a deprimere i salari delle donne e ad impedire loro di ottenere l'accesso a tutti i tipi di lavoro e parti della società. Ma sosteneva le donne lavoratrici e il loro aiuto fu vitale durante la loro campagna per l'emendamento nazionale. Alice Paul organizzò molte deputazioni della classe operaia ed inviò persino oltre 400 colletti blu[22] per incontrare Wilson. Sebbene considerata molto controversa a causa della differenza di status, questa mossa mostrò il sostegno della Paul a tutti i tipi di donne, non solo a quelle di classe elevata.

Dopo il 1920 il National Woman's Party scrisse oltre 600 atti legislativi che lottavano per l'uguaglianza delle donne; ne furono superati oltre 300. Inoltre il NWP ha continuato a fare pressioni per l'approvazione dell'Equal Rights Amendment[23] e sotto il presidente Sarah Tarleton Colvin, che prestò servizio nel 1933, insistette per la parità di retribuzione.[24][25] La studiosa Mary K. Trigg osservò:

«... il NWP ha svolto un ruolo centrale nel movimento per i diritti delle donne dopo il 1945. È rimasto fedele alla sua focalizzazione attenta sull'Equal Rights Amendment, facendo pressioni anno dopo anno per l'introduzione dell'emendamento in Congresso.[26]»

Nel 1997 il NWP cessò di essere un'organizzazione di lobbistica.[27] Rivolse invece la sua attenzione all'istruzione e alla conservazione della sua raccolta di documenti di prima mano provenienti dal movimento per il suffragio femminile.[27] Il NWP continua a funzionare come organizzazione educativa, mantenendo e interpretando la raccolta lasciata dal lavoro dello storico National Woman's Party.[28]

Il Congresso approvò l'emendamento ERA e molti stati lo ratificarono, ma all'ultimo minuto nel 1982 fu bloccato da una coalizione di conservatori guidata da Phyllis Schlafly e non è fu mai approvato. Tuttavia nel 1964 il NWP riuscì, con il sostegno dei conservatori e contro l'opposizione di liberali, neri e sindacati, ad aggiungere "sesso" al Civil Rights Act of 1964, raggiungendo così alcuni degli obiettivi perseguiti dal NWP.

Titolo VII della Legge sui Diritti Civili del 1964[modifica | modifica wikitesto]

Civil Rights Act del 1964 - emendamento che aggiunge "sesso"

Nel 1963 il Congresso approvò la Legge sulla parità retributiva del 1963, che vietava le differenze salariali in base al sesso.

Il divieto di discriminazione sessuale fu aggiunto da Howard W. Smith, un potente democratico della Virginia che presiedeva il Comitato per le Regole della Casa. Era un conservatore che si opponeva fermamente alle leggi sui diritti civili per i neri, ma votò a sostegno di tali leggi per le donne bianche. L'emendamento di Smith fu approvato con un voto di scrutinio di 168 contro 133.

Gli storici discutono sulla motivazione di Smith: è stato un cinico tentativo di sconfiggere il disegno di legge da parte di qualcuno che si opponeva sia ai diritti civili per i neri che per le donne, o sosteneva i diritti delle donne e stava tentando di migliorare il disegno di legge ampliandolo per includere le donne?[29][30][31] Smith si aspettava che i repubblicani, che avevano incluso la parità di diritti per le donne nella piattaforma del loro partito dal 1944, avrebbero probabilmente votato a favore dell'emendamento. Gli storici ipotizzano che Smith stesse cercando di mettere in imbarazzo i democratici del nord che si opponevano ai diritti civili delle donne perché la clausola era contraria ai sindacati.[32]

Smith affermava di sostenere sinceramente l'emendamento e, in effetti, insieme alla rappresentante Martha Griffiths,[33] fu il principale portavoce dell'emendamento.[32] Per vent'anni Smith aveva sponsorizzato l'emendamento sulla parità dei diritti alla Camera, senza alcun collegamento con questioni razziali, perché ci credeva. Per decenni era stato vicino al National Woman's Party e soprattutto alla Paul. Lei e altri attivisti avevano lavorato con Smith dal 1945 cercando di trovare un modo per includere il sesso come categoria protetta dei diritti civili. Ora era il momento.[34] Griffiths sosteneva che la nuova legge avrebbe protetto le donne nere ma non le donne bianche, e questo era ingiusto nei confronti delle donne bianche. Inoltre sosteneva che le leggi che "proteggevano" le donne dai lavori spiacevoli erano in realtà progettate per consentire agli uomini di monopolizzare quei lavori, e questo era ingiusto nei confronti delle donne a cui non era permesso provare per quei lavori.[35] L'emendamento passò con i voti dei repubblicani e dei democratici del sud. La legge finale fu approvata con i voti dei repubblicani e dei democratici del nord. Tuttavia nel 1964 il NWP e Pauli Murray riuscirono, con il sostegno dei conservatori e contro l'opposizione di liberali, neri e sindacati, ad aggiungere "sesso" al Civil Rights Act of 1964, raggiungendo così alcuni degli obiettivi perseguiti dal NWP. Pauli Murray fu anche determinante nell'inclusione del sesso nel titolo VII del Civil Rights Act. Il titolo VII del Civil Rights Act vieta la discriminazione basata sul sesso, che è stata attribuita al progresso delle donne come gruppo.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nina E. Allender, Lo spirito del '76.' Al Senato!, 1915

Il giornale Suffragist fu fondato dalla Congressional Union for Woman Suffrage nel 1913. È stato definito "l'unico giornale politico femminile negli Stati Uniti" ed è stato pubblicato per promuovere le attività del suffragio femminile.[36] Il Suffragist seguiva gli eventi settimanali e promuoveva le diverse opinioni dei leader del NWP. I suoi articoli contenevano vignette politiche, di Nina E. Allender per raccogliere sostegno per il movimento e comunicare lo stato dell'emendamento del suffragio.[36]

«La donna che legge il nostro giornale sarà informata sugli avvenimenti del Congresso, non solo sugli avvenimenti del suffragio, anche se vengono prima, ma su tutti i procedimenti di particolare interesse per le donne. Gli uomini non si rendono conto di quanto gravi siano i cambiamenti che stanno avvenendo nella condotta del Congresso. Le donne dovranno informarli. Solo nelle pagine di The Suffragist troverai le informazioni di cui hai bisogno.»

(The Suffragist, 1914[36])

Dopo l'approvazione dell'emendamento per il diritto di voto delle donne, la pubblicazione fu interrotta dal National Woman's Party e si avvicendò nel 1923 in Equal Rights.[36] Pubblicato fino al 1954, Equal Rights iniziato come una newsletter settimanale e si è evoluto in una pubblicazione bimestrale volta a tenere informati i membri del NWP sugli sviluppi relativi all'ERA e alle questioni legislative. Comprendeva rapporti sul campo, aggiornamenti legislativi e caratteristiche sulle attività del NWP e comprendeva scritti di collaboratori tra cui Crystal Eastman, Zona Gale, Ruth Hale e Inez Haynes Irwin.[37] Josephine Casey apparve sulla copertina della pubblicazione nell'aprile 1931 a seguito della sua rubrica ricorrente sulle condizioni di lavoro delle lavoratrici tessili in Georgia.[38]

Eredità[modifica | modifica wikitesto]

Monumento nazionale per l'uguaglianza delle donne di Belmont-Paul, Washington, D.C., sede dello storico Partito Nazionale della Donna

Il diciannovesimo emendamento, che proibisce la negazione del diritto di voto sulla base del sesso, divenne legge quando fu ratificato da un numero sufficiente di stati nel 1920. Molte donne e uomini afroamericani nelle Leggi Jim Crow, tuttavia, rimasero privati dei diritti civili dopo la ratifica di questo emendamento fino al Voting Rights Act del 1965.

Oggi il National Woman's Party esiste come organizzazione educativa 501c3. Il suo compito è ora la conservazione e l'interpretazione della collezione e degli archivi dello storico National Woman's Party. Il NWP opera da Belmont, Paul Women's Equality National Monument[39] a Washington, DC, dove sono esposti gli oggetti della collezione. L'eredità che questo gruppo ha lasciato è mista. Sebbene Alice Paul e il NWP siano stati determinanti nell'approvazione del diciannovesimo emendamento, il partito non riuscì a includere le donne nere e ha rifiutò di aiutarle a ottenere il diritto di voto. Per mantenere il sostegno dei membri meridionali del NWP, la Paul si rifiutò di sollevare la questione della razza nel sud. La sua concentrazione risoluta sull'ERA l'ha portò a rifiutarsi di combattere le leggi Jim Crow che impediscono alle donne di colore il diritto di voto. La storica Nancy Cott notò che quando il partito si trasferì negli anni '20 rimase ideologicamente coerente nel perseguimento di un obiettivo solitario per le donne e rimase un gruppo di pressione gestito in modo autocratico, con una sola mente e un unico problema, ancora dipendente dal fatto di poter entrare nel giornali come mezzo per pubblicizzare la sua causa, insistendo molto sul metodo di "entrare in contatto con gli uomini chiave".

I lobbisti della NWP andarono direttamente dai legislatori, dai governatori e dai presidenti, non dai loro elettori.

Nel 1972 il Congresso approvò l'Emendamento ERA e molti stati lo ratificarono, ma nel 1982 fu fermato da una coalizione di conservatori guidata da Phyllis Schlafly e non fu mai approvato.

Membri di rilievo[modifica | modifica wikitesto]

Stati e capi di stato[modifica | modifica wikitesto]

Quando il National Women's Party fu costituito nel 1918, erano rappresentati quarantaquattro stati e il Distretto della Columbia.[40]

Comitato Nazionale dei Presidenti di Stato, 1920[modifica | modifica wikitesto]

Florence Bayard Hilles come Presidente del Comitato Nazionale e Miss Mary Ingham come segretaria.

Stato Nome Città o paese Note Immagine
Alabama Sara Haardt Montgomery Capo della sezione dell'Alabama del National Woman's Party. Sara Haardt.jpg
Arizona Nellie A. Hayward Douglas Capo della sezione dell'Arizona del National Woman's Party. È stata assistente segretaria della sesta legislatura dello stato dell'Arizona, membro della Camera dei rappresentanti dell'Arizona, eletta nel 1918 dalla contea di Cochise, in Arizona, e insieme agli ex leader del suffragio Rosa McKay, Pauline O'Neill e Anna Westover, votò per il Susan B. Anthony Amendment[41] che fu approvato da entrambe le Camere senza un voto contrario.[42]
California Genevieve Allen San Francisco Capo della sezione californiana del National Woman's Party (NWP). Membro del National Women's Party che cercava il sostegno dell'allora senatore statunitense Warren G. Harding. Mrs. Genevieve Allen front row: Far right
Colorado Bertha W. Fowler Colorado Springs Capo della sezione del Colorado del National Woman's Party. Caroline Spencer era la segretaria. Mrs. Bertha W. Fowler: Fourth from left
Connecticut Katharine Martha Houghton Hepburn
(Mrs. Thomas N. Hepburn)
Hartford Capo della sezione del Connecticut del National Woman's Party e presidente del National Executive Committee del NWP. Katharine Martha Houghton Hepburn (Mrs. Thomas N. Hepburn)
Delaware Florence Bayard Hilles Wilmington Capo della sezione del Delaware del National Woman's Party e membro del comitato esecutivo nazionale. Figlia di Thomas F. Bayard, trascorse 3 giorni di una condanna a 60 giorni per picchettaggio alla Casa Bianca e fu graziata dal presidente Wilson. F B Hilles
Distretto di Columbia Delia Sheldon Jackson Capo della sezione di Washington del National Woman's Party. Membro del gruppo che chiese il sostegno dl senatore Harding.
Florida Helen Hunt Jacksonville Capo della sezione della Florida del National Woman's Party. La Hunt era giornalista e avvocato, nata il 10 febbraio 1892 da Aaron e Lillian Hunt.[43]
Georgia Mrs. W.A. Maddox Atlanta Capo della sezione georgiana del National Woman's Party
Idaho Mrs. John E. White Twin Falls Capo della sezione dell'Idaho del National Woman's Party
Illinois Mrs. Lola Maverick Lloyd Capo della sezione dell'Illinois del National Woman's Party Lola Maverick Lloyd.jpg
Indiana Mrs. W.C. Bobbs Indianapolis Capo della sezione dell'Indiana del National Woman's Party
Iowa Mrs. Florence Harsh Des Moines Capo della sezione dell'Iowa del National Woman's Party
Kansas Mrs. Lilla Day Monroe Topeka Capo della sezione del Kansas del National Woman's Party. Presidente della Kansas Equal Suffrage Association, editore di "The Club Member" e "The Kansas Woman's Journal", ed è stata uno dei membri fondatori del Good Government Club.[44] Products of an advanced civilization. A Kansas souvenir. A book of information relative to the moral, educational, agricultural, commercial, manufacturing and mining interests of the state. Issued by (14586563380).jpg
Kentucky Edith Callahan Louisville Capo della sezione del Kentucky del National Woman's Party.
Louisiana Mrs. E. G. Graham
(Eleanor G. Graham)
New Orleans Capo della sezione della Louisiana del National Woman's Party.
Maine Florence Brooks Whitehouse
(Mrs. Robert Treat Whitehouse)
Portland (Maine) Contribuì al lancio della filiale del Maine del National Woman's Party e prestò servizio come primo capo. FlorenceBrooksWhitehouse1902.tif
Maryland Mrs. Donald R. Hooker Baltimora Capo della sezione del Maryland del National Woman's Party. Redattore del Maryland Suffrage News poi The Suffragist. Mrs. Donald R. Hooker 1910.png
Massachusetts Agnes H. Morey Brookline Capo della sezione del Massachusetts del National Woman's Party. Anche sua figlia, Katharine A. Morey (una delle sentinelle silenziose), era nel movimento per il suffragio. Mrs. Agnes H. Morey 155003v.jpg
Michigan Marjorie Miller Whittemore
(Mrs. W. Nelson Whittemore)
Detroit Capo della sezione del Michigan del National Woman's Party. Da non confondere con sua cognata Miss Margaret Faye Whittemore, anche lei membro del NWP.[45][46] Mrs. W. Nelson Whittemore.jpg
Minnesota Sarah Tarleton Colvin
(Mrs. A. R. Colvin)
St. Paul Capo della sezione del Minnesota del National Woman's Party. Sarah Tarleton Colvin.jpg
Mississippi Ann Calvert Neely Vicksburg, Mississippi Capo della sezione del Mississippi del National Woman's Party. Mrs. Anne Calvert Neely 275013v.jpg
Missouri Mrs. H.B. Leavens Kansas City Capo della sezione del Missouri del National Woman's Party. Formò la Kansas City Woman Suffrage Association nel 1911 insieme ad altri come la dottoressa Dora Green, Helen Osborne (segretaria), la signora G.B. Longan, la signora Henry N. Ess (presidente) e Clara Cramer Leavens (tesoriere).[47]
Nebraska Gertrude Hardenburg Laws Hardy
(Mrs. W. E. Hardy)
Lincoln Capo della sezione del Nebraska del National Woman's Party. Mrs. W. E. Hardy of Lincoln, Nebraska.tif
New Hampshire Mrs. Winfield Shaw Manchester Capo della sezione del New Hampshire del National Woman's Party.
New Jersey Alison Turnbull Hopkins
(Mrs. J. A. H. Hopkins)
Newark Capo della sezione del New Jersey del National Woman's Party. Sposata con J. A. H. Hopkins, membro de Il Comitato dei 48. Mrs. J. H. H. Hopkins 152008v.jpg
Nuovo Messico Cora Armstrong Kellam
(Mrs. Arthur A. Kellam)
Albuquerque Capo della sezione del New Mexico del National Woman's Party. Insieme a Florence Bayard Hilles (presidente del Delaware NWP) c'erano membri del "Comitato delle donne del Consiglio di difesa nazionale" che incontrarono il presidente e la signora Wilson sull'Emendamento del Suffragio Federale.[48]
New York Alva Belmont
(Mrs. O. H. P. Belmont)
Long Island Capo della sezione di New York del National Woman's Party. Sig.ra John Winters Brannan (sostituta) Mrs. O.H.P. (Alva) Belmont (Cropped).jpg
Carolina del Nord Ella St. Clair Thompson Spruce Pine Capo della sezione della Carolina del Nord del National Woman's Party. Mrs. E. St. Clair Thompson 275031v.jpg
Dakota del Nord Beulah McHenry Amidon[49]
(Mrs. Chas. Amidon)
Fargo Capo della sezione del North Dakota del National Woman's Party. Non deve essere confusa con sua figlia, anche lei chiamata Beulah Amidon (in seguito Beulah Amidon Ratliff) e nota come "il picchetto più carino"[50]
Ohio Helen Clegg Winters
(Mrs. Valentine Winters)
Dayton Capo della sezione dell'Ohio del National Woman's Party.
Oklahoma Miss Ida F. Halsey Oklahoma City Capo della sezione dell'Oklahoma del National Woman's Party. Fu sostituita da Florence Etheridge Cobb nel 1922.[51]
Oregon Mrs. W. J. Hawkins Portland Capo della sezione dell'Oregon del National Woman's Party.
Pennsylvania Miss Mary H. Ingham Filadelfia Capo della sezione della Pennsylvania del National Woman's Party. Mary H. Ingham.jpg
Rhode Island Mary Lavinia Archbold Van Beuren
(Mrs. Michael Van Beuran)
Newport Capo della sezione del Rhode Island del National Woman's Party.
Carolina del Sud Mrs. W. P. Vaughan Greenville Capo della sezione della Carolina del Sud del National Woman's Party.
Dakota del Sud Harriet E. Fellows
Mrs. A. R. Fellows
Sioux Falls Capo della sezione del Dakota del Sud del National Woman's Party. Mrs. A. R. Fellows 274012v.jpg
Tennessee Sue White Jackson Capo della sezione del Tennessee del National Woman's Party. Miss Sue S. White, head-and-shoulders portrait, facing slightly right LCCN93513459.jpg
Texas Anna Tidball Millett
(Mrs. Paul Millett)
Fort Worth Capo della sezione texana del National Woman's Party.
Utah Mrs. Louise Garnett Salt Lake City Capo della sezione dello Utah del National Woman's Party.
Virginia Mrs. Sophie G. Meredith Richmond Capo della sezione della Virginia del National Woman's Party.[52] Mrs. Sophie Meredith 275008v.jpg
Washington Mrs. Sophie L. W. Clark Seattle Capo della sezione di Washington del National Woman's Party.
Virginia Occidentale Miss Florence Hoge Wheeling Capo della sezione della Virginia Occidentale del National Woman's Party.
Wisconsin Mabel Raef Putnam[53]
Mrs. Frank Putnam
Milwaukee Capo della sezione del Wisconsin del National Woman's Party.
Wyoming Mrs. P. E. Glafcke Cheyenne Capo della sezione del Wyoming del National Woman's Party.

Altri membri illustri[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Harris & Ewing, Suffragio femminile. Gruppo presso la Sede, su loc.gov, 1917. URL consultato il 10 dicembre 2022.
  2. ^ (IT) 144 Constitution Ave NE · 144 Constitution Ave NE, Washington, DC 20002, su 144 Constitution Ave NE · 144 Constitution Ave NE, Washington, DC 20002. URL consultato il 10 dicembre 2022.
  3. ^ Paul D. Buchanan, American Women's Rights Movement: A Chronology of Events, 2009, p. 129.
  4. ^ Memorabilia del suffragio femminile, Stati Uniti, su hisour.com, HiSoUR. URL consultato il 30 dicembre 2022.
  5. ^ Alice Paul Institute Receives National Woman's Party Trademarks, su alicepaul.org, Alice Paul Institute. URL consultato il 21 luglio 2021.
  6. ^ Lance, Keith, Strategy Choices of the British Women's Social and Political Union, 1903–18, in Social Science Quarterly, vol. 60, n. 1, giugno 1979, pp. 51–53, JSTOR 42860512.
  7. ^ Boissoneault, Lorraine, The Original Women's March on Washington and the Suffragists Who Paved the Way, su Smithsonian, gennaio 2017. URL consultato il 12 settembre 2018.
  8. ^ Baltimore Sun, March 4, 1913.
  9. ^ Flexner, Eleanor, Century of Struggle: The Woman's Rights Movement in the United States, Cambridge, MA, Harvard University Press, 1959, p. 259, ISBN 978-0-674-10654-3.
  10. ^ Adams, Keene, 2008, p.103
  11. ^ Judge Mary A. [Mary Margaret] Bartelme, of Illinois, is second vice-chairman of the National Woman's Party. She is the judge of the Children's Night Court of Chicago., su Library of Congress. URL consultato il 26 maggio 2020.
  12. ^ State of Oregon: Woman Suffrage - The 1913 Woman Suffrage Procession, su sos.oregon.gov. URL consultato il 10 dicembre 2022.
  13. ^ Flexner, Eleanor, Century of Struggle, enlarged edition (1959; Harvard University Press, 1996), pp. 255–257.
  14. ^ Katherine H. Adams, Alice Paul and the American Suffrage Campaign, University of Illinois Press, pp. 141–157.
  15. ^ Tactics and Techniques of The National Woman's Party Suffrage Campaign (PDF), su American Memory.
  16. ^ Cott, 1987, pp.59–61
  17. ^ Immagini e fotografie ad alta risoluzione del Nwp, su Alamy, Alamy Limited. URL consultato il 30 dicembre 2022.
  18. ^ a b Doris Stevens, Jailed for Freedom, edited by Ronald McDonald (1920; NewSage Press, 1995), pp. 59–136.
  19. ^ Lunardini, Christine A. e Knock, Thomas J., Woodrow Wilson and woman suffrage: A new look, in Political Science Quarterly, vol. 95, n. 4, 1980, pp. 655–671, DOI:10.2307/2150609, JSTOR 2150609.
  20. ^ Jamie Steihm, Woodrow Wilson Versus the Suffragettes, su US NEWS, 10 dicembre 2013.
  21. ^ Carol, Rebecca, Myers, Kristina e Lindman, Janet, The Equal Rights Amendment, in Alice Paul: Feminist, Suffragist and Political Strategist, Alice Paul Institute. URL consultato il 10 febbraio 2016.
  22. ^ Colletto bianco/blu (In inglese white collars/blue collars), su treccani.it, Istituto della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani S.p.A., 2012. URL consultato il 31 dicembre 2022.
  23. ^ Leila J. Rupp and Verta Taylor, Survival in the Doldrums (Oxford University Press, 1987), pp. 24–44.
  24. ^ Mrs. A. R. Colvin to Be Honor Guest, in The Star Tribune, Minneapolis, Minnesota, 17 dicembre 1933, p. 26. URL consultato il 3 gennaio 2018. Ospitato su Newspapers.com.
  25. ^ St. Paul Woman Elected, in The Minneapolis Star, Minneapolis, Minnesota, 6 novembre 1933, p. 7. URL consultato il 12 settembre 2018. Ospitato su Newspapers.com.
  26. ^ Mary K. Trigg, Feminism as Life's Work, New Brunswick, New Jersey, Rutgers University Press, 2014, pp. 178–179.
  27. ^ a b Historical Overview of the National Woman's Party (PDF), su Library of Congress.
  28. ^ About the NWP, su nationalwomansparty.org. URL consultato il 12 settembre 2018.
  29. ^ Freeman, Jo, How 'Sex' Got into Title VII: Persistent Opportunism as a Maker of Public Policy, in Law and Inequality, vol. 9, n. 2, marzo 1991, pp. 163–184.
  30. ^ Rosalind Rosenberg, Divided Lives: American Women in the Twentieth Century (2008) p. 187–88.
  31. ^ Frum, David, How We Got Here: The '70s, New York, NY, Basic Books, 2000, pp. 245–246, 249, ISBN 978-0-465-04195-4.
  32. ^ a b Gold, Michael Evan, A Tale of Two Amendments: The Reasons Congress Added Sex to Title VII and Their Implication for the Issue of Comparable Worth, in Faculty Publications – Collective Bargaining, Labor Law, and Labor History, Cornell University Press, 1981.
  33. ^ Lynne Olson (2001). Freedom's daughters: the unsung heroines of the civil rights movement, p. 360.
  34. ^ Rosalind Rosenberg (2008). Divided Lives: American Women in the Twentieth Century, p. 187 notes that Smith had been working for years with two Virginia feminists on the issue.
  35. ^ Harrison, Cynthia (1989). On Account of Sex: The Politics of Women's Issues, 1945–1968, p. 179
  36. ^ a b c d Suffragist Newspapers, su nationalwomansparty.org, National Woman's Party. URL consultato il 21 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2016).
  37. ^ Equal Rights Newspapers, su nationalwomansparty.org, National Woman's Party. URL consultato il 27 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2016).
  38. ^ Storrs, Landon R. Y., Civilizing Capitalism: The National Consumers' League, Women's Activism, and Labor Standards in the New Deal Era, Chapel Hill, University of North Carolina Press, 2000, ISBN 978-0-8078-6099-1.
  39. ^ (EN) See map: Google Maps, Belmont-Paul Women's Equality National Monument, su findyourpark.com. URL consultato il 3 gennaio 2023.
  40. ^ Charlotte Perkins Gilman, Suffragist, Volumes 8-9, 2016, p. 14. URL consultato il 15 aprile 2019.
  41. ^ (EN) Suffragist – Official Susan B. Anthony Museum & House, su susanb.org. URL consultato il 29 dicembre 2022.
  42. ^ Heidi J. Osselaer, Winning Their Place: Arizona Women in Politics, 1883-1950, University of Arizona Press, 2016, ISBN 9780816534722. URL consultato il 15 aprile 2019.
  43. ^ Jim Robison, Florida's Helen Hunt Championed Suffrage, su orlandosentinel.com, Orlando Sentinel, 31 ottobre 2004. URL consultato il 15 aprile 2019.
  44. ^ Jim Robison, Mrs. E. G. Graham, su kshs.org, Library of Congress. URL consultato il 15 aprile 2019.
  45. ^ Margaret Fay Whittemore, su mccurdyfamilylineage.com. URL consultato l'11 novembre 2019.
  46. ^ National Woman's Party Photograph Collection - 1916.001.059.01, su National Woman's Party. URL consultato l'11 novembre 2019.
  47. ^ Floyd Calvin Shoemaker, Missouri Historical Review, State Historical Society of Missouri, 1920, p. 321-325. URL consultato il 16 aprile 2019.
    «Mrs. H.B. Leavens women's suffrage.»
  48. ^ Inez Haynes Gillmore, The Story of the Woman's Party, Harcourt, Brace, 1922, pp. 321–325. URL consultato il 16 aprile 2019.
  49. ^ (EN) John William Leonard, Woman's Who's who of America: A Biographical Dictionary of Contemporary Women of the United States and Canada, 47, American Commonwealth Company, 1914.
  50. ^ Amidon, Beulah, su National Woman's Party. URL consultato il 9 novembre 2019.
  51. ^ National Woman's Party | The Encyclopedia of Oklahoma History and Culture, su Oklahoma Historical Society | OHS. URL consultato l'11 gennaio 2023.
  52. ^ Harry Kollatz Jr., The Zealous but Forgotten Pioneer, su richmondmagazine.com, Richmondmag, 30 marzo 2018. URL consultato il 18 aprile 2019.
  53. ^ Women Congratulate Governor Blaine for Signing the Women's Rights Bill, su Wisconsin Historical Society, 1º dicembre 2003. URL consultato il 10 novembre 2019.
  54. ^ Nell Mercer, Norfolk, Virginia, su Library of Congress.
  55. ^ (EN) Suffragist, National Woman's Party, 1920.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Katherine H. Adams e Michael L. Keene, Alice Paul and the American Suffrage Campaign, Chicago, University of Illinois Press, 2008, ISBN 978-0-252-07471-4. The standard scholarly biography; online review
  • Behn, Beth, Woodrow Wilson's Conversion Experience: The President and the Federal Woman Suffrage Amendment (PhD), University of Massachusetts – Amherst, 2012. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  • Butler, Amy E., Two Paths to Equality: Alice Paul and Ethel M. Smith in the Era Debate, 1921–1929, 2002.
  • Cassidy, Tina, Mr. President, how Long Must We Wait?: Alice Paul, Woodrow Wilson, and the Fight for the Right to Vote, 2019.
  • Winning the Vote: The Triumph of the American Woman Suffrage Movement, Santa Cruz, CA, American Graphic Press, 2005.
  • Nancy F. Cott, The Grounding of Modern Feminism, Yale University Press, 1987, pp. 51–82, ISBN 978-0-300-03892-7.
  • Dodd, Lynda G., Parades, pickets, and prison: Alice Paul and the virtues of unruly constitutional citizenship, in Journal of Law & Politics, vol. 24, 4ª ed., 2008, pp. 339–443, SSRN 2226351.
  • Lunardini, Christine A., From Equal Suffrage to Equal Rights: Alice Paul and the National Woman's Party, 1910–1928, 2000, ISBN 978-0595000555. The standard scholarly history.
  • Southard, Belinda A. Stillion, Militant Citizenship: Rhetorical Strategies of the National Woman's Party, 1913–1920, College Station, Texas A & M University Press, 2011.
  • Stevens, Doris, Jailed for Freedom, New York, Schoken Books, 1976.
  • Walton, Mary, A Woman's Crusade: Alice Paul and the Battle for the Ballot, Palgrave Macmilla, 2010, ISBN 978-0-230-61175-7.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN131169145 · ISNI (EN0000 0001 1498 5400 · LCCN (ENn80132296 · J9U (ENHE987007594392905171 · WorldCat Identities (ENlccn-n80132296