Natal'ja Ivanovna Kurakina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
(RU)

«Я лиру положу Куракиной к ногам
И буду сам внимать в безмолвном восхищенье»

(IT)

«Deporrò la lira ai piedi di Kurakina
e l'ascolterò in silenzioso rapimento»

(Ivan Dmitriev.[1])
Élisabeth Vigée Le Brun, Ritratto di Natal'ja Golovina, 1797.

La principessa Natal'ja Ivanovna Kurakina nata Golovina (in russo: Наталья Ивановна Куракина, урождённая Головина; Mosca, 16 agosto 1766San Pietroburgo, 2 luglio 1831) è stata una nobildonna, compositrice e cantante russa, moglie del procuratore generale Aleksej Kurakin, decorata della piccola croce di Dama dell'Ordine di Santa Caterina (1797) e dama di compagnia della corte imperiale russa (1826).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia del consigliere di collegio Ivan Golovin e di Ekaterina Alekseevna Golicyna (1735-1802). Insieme alla sorella maggiore Dar'ja ricevette un'istruzione privata. Intelligenti e di talento, le sorelle Golovin e la loro amica Margarita Aleksandrovna Košelëva attrassero a sé il fiore della gioventù pietroburghese dell'epoca. A casa Golovin si radunava un'élite i cui passatempi preferiti erano la musica e la letteratura. Uno degli ammiratori delle sorelle Golovin fu il giovane poeta Neledinskij-Meleckij.

Natal'ja sposò, il 15 febbraio 1783, il principe Aleksej Kurakin. Ebbero tre figli: Boris (1783-1850), Elena (1787-1869) e Aleksandra (1788-1819).

Dopo aver trascorso alcuni anni a San Pietroburgo, nel 1815 si stabilì a Parigi dove aprì un salotto e per tre anni, dal 1822 al 1824 e dal 1829 al 1830, viaggiò nei diversi paesi europei. Conobbe così personaggi famosi e alla moda, fra cui uomini politici come Metternich, Talleyrand e Wellington, studiosi e scrittori come Humboldt, Stendhal e Mérimée, che descrisse in tre diari, scritti e pubblicati in francese.

La sua passione principale era il teatro. Natal'ja suonava l'arpa, cantava e, basandosi su testi poetici russi, francesi e italiani, compose circa 50 romanze, che furono suonate per tutto il XIX secolo. La sua reputazione come artista era tale che lo zar Alessandro I le regalò il disegno del progetto del Monumento a Minin e Požarskij.

Nel dicembre 1829 morì il marito. Natal'ja Kurakina tornò allora in Russia, dove morì di colera il 2 luglio 1831.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Souvenirs des voyages de la princesse Natalie Kourakine 1816-1830: Paris, Vienne, Carlsbad, etc, Mosca, Grosman e Vendel'štejn, 1903

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'album Music of Russian Princesses: from the Court of Catherine the Great, pubblicato nel 2002, sono comprese quattro sue romanze per voce e arpa:

  • Dérobe la lumière
  • Quand nos jours
  • T'amo tanto
  • Je vais donc quitter pour jamais

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Dama dell'Ordine di Santa Caterina - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine di Santa Caterina

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In A. L. Porfir'eva, Muzykalnyj Peterburg, in « Enciklopedičeskij slovar' », I, 2, 1996, p. 119.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN309605858 · GND (DE1052854060 · WorldCat Identities (EN309605858