Nastia Liukin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nastia Liukin
Nastia Liukin at The Heart Truth 2009.jpg
Nastia Liukin alla Settimana della Moda a New York (2009)
Nome Anastasia Valer'evna Liukin
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 160 cm
Peso 49 kg
Ginnastica artistica Gymnastics (artistic) pictogram 2.svg
Specialità Trave, Parallele Asimmetriche
Categoria Senior International Elite
Squadra WOGA
Carriera
Nazionale
2002-2005 Stati Uniti Stati Uniti juniores
2005-2009; 2011-2012 Stati Uniti Stati Uniti
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Pechino 2008 Individuale
Argento Pechino 2008 Squadra
Argento Pechino 2008 Trave
Argento Pechino 2008 Parallele
Bronzo Pechino 2008 Corpo libero
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Oro Melbourne 2005 Parallele
Oro Melbourne 2005 Trave
Oro Stuttgart 2007 Squadra
Oro Stuttgart 2007 Trave
Argento Melbourne 2005 Individuale
Argento Melbourne 2005 Corpo libero
Argento Aarhus 2006 Team
Argento Aarhus 2006 Parallele
Argento Stuttgart 2007 Parallele
Flag of PASO.svg Giochi Panamericani
Oro Santo Domingo 2003 Squadra
Oro Santo Domingo 2003 Trave
Oro Rio de Janeiro 2007 Squadra
Argento Rio de Janeiro 2007 Trave
Argento Rio de Janeiro 2007 Parallele
Argento Santo Domingo 2003 Individuale
Bronzo Santo Domingo 2003 Parallele
Bronzo Santo Domingo 2003 Corpo libero
Pac Rim gymnastics.svg Pacific Rim Championships
Oro Honolulu 2006 Squadra
Oro Honolulu 2006 Individuale
Oro Honolulu 2006 Parallele
Oro San Jose 2008 Squadra
Oro San Jose 2008 Individuale
Oro San Jose 2008 Parallele
Argento Honolulu 2006 Parallele
Argento San Jose 2008 Parallele
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al dicembre 2011

Anastasia Valer'evna Liukin, soprannominata Nastia (in russo: Анастасия Валерьевна Люкин?; Mosca, 30 ottobre 1989), è un'ex ginnasta statunitense.

Nel 2008 diventa campionessa nel concorso individuale femminile ai Giochi Olimpici, nel 2005 e 2007 campionessa mondiale alla trave. Nella sua carriera ha vinto nove medaglie ai Campionati Mondiali. Nastia è figlia dell'ex campione sovietico e vincitore di un oro olimpico, Valerij Ljukin e della campionessa mondiale di ginnastica ritmica Anna Kotchneva. Nasce a Mosca e da bambina si trasferisce negli Stati Uniti, dove inizia ad allenarsi nella ginnastica. A 12 anni entra a far parte della squadra nazionale giovanile e a 13 anni vince la medaglia d'argento nel concorso individuale dei Giochi Panamericani.

Giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Nastia inizia a praticare ginnastica artistica all'età di 3 anni. I suoi genitori la portavano sempre in palestra con loro perché non potevano permettersi una babysitter che si occupasse di lei mentre loro lavoravano.

Disputa il suo primo Campionato Nazionale Giovanile nel 2002, all'età di 12 anni. Al contrario delle sue compagne di squadra della WOGA Carly Patterson e Hollie Vise che si classificano rispettivamente prima e seconda, Nastia cade durante il suo esercizio alle parallele asimmetriche, che le impediscono di finire la routine. Continua il resto della gara e, nonostante l'errore alle parallele, arriva quindicesima. Entra a far parte della Squadra Nazionale nel 2002, partecipa ai Giochi Panamericani dove contribuisce a far vincere al Team un oro. Vince inoltre l'argento alle parallele asimmetriche, trave e concorso generale.

Nel 2003, Nastia è una delle più forti ginnaste della sezione giovanile degli Stati Uniti. Vince i Campionati Nazionali Giovanili e porta a casa tre medaglie d'oro su quattro: parallele asimmetriche, trave e corpo libero. Ripete questi risultati nel 2004, dove vince anche il concorso generale giovanile del Pacific Alliance Championships.

Carriera Senior[modifica | modifica wikitesto]

2005-2006: Campionati del Mondo ad Aarhus[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005, Liukin vince il suo primo Campionato Nazionale come Senior e, ancora una volta, conquista una medaglia d'oro alle parallele asimmetriche e alla trave. Ai Campionati del Mondo di Melbourne dello stesso anno, conclude il concorso generale al secondo posto dietro alla connazionale Chellsie Memmel con un punteggio di 37.822. Vince poi l'oro alla trave e alle parallele asimmetriche, l'argento al corpo libero.

Entra a far parte della squadra nazionale degli Stati Uniti per gareggiare nei Campionati del Mondo ad Aarhus, in Danimarca. Favorita nella corsa per vincere il concorso generale, si infortuna alla caviglia durante un allenamento e riesce a competere solo alle parallele asimmetriche. Nonostante questo, grazie alla sua routine, aiuta a far vincere la medaglia d'argento alla squadra statunitense. Vince anche un argento individuale alle parallele, con un punteggio di 16.05.

2007: Campionati del Mondo a Stoccarda[modifica | modifica wikitesto]

A causa del suo infortunio alla caviglia è costretta ad operarsi, e in questo periodo di recupero non partecipa alle competizioni nazionali ed internazionali. Nel luglio del 2007, nonostante il suo periodo di convalescenza, torna a gareggiare col Team Americano per i Giochi Panamericani a Rio de Janeiro. Compete solo alle parallele asimmetriche e alla trave, contribuendo a far vincere alla squadra americana l'oro e vincendo la medaglia d'argento alle parallele asimmetriche e alla trave nel concorso individuale.

Ai Campionati Nazionali ottiene il suo punteggio più alto alle parallele asimmetriche, vincendo per la terza volta consecutiva il titolo su questo attrezzo. Tuttavia, durante il concorso generale, cade e fa diversi errori, finendo al terzo posto, dietro alla connazionale e vincitrice della medaglia d'oro Shawn Johnson.

Viene chiamata dal Team Americano per partecipare ai Mondiali di Stoccarda, in Germania. Alle parallele asimmetriche riceve il punteggio di 16.375, il più alto della giornata e dell'intera competizione. Nella finale individuale, durante una serie di salti, cade dalla trave e conclude così la competizione al quinto posto. Nella finale ad attrezzo, comunque, Nastia guadagna un punteggio di 16.025 alla trave, vincendo la medaglia d'oro. Vince inoltre la medaglia d'argento alle parallele asimmetriche, con un punteggio di 16.300.

Nastia Liukin durante una sessione di autografi.

2008: Campionati a Boston e Olimpiadi di Pechino[modifica | modifica wikitesto]

L'American Cup a New York è la prima competizione della stagione. Qui batte Shawn Johnson, vincitrice del titolo nel 2007, e riconquista così il suo titolo. Nel mese di marzo, Nastia gareggia ai Pacific Rim Championships a San Jose, dove vince una medaglia d'oro insieme alla Squadra Americana. Vince inoltre un oro al concorso individuale e alla trave. Alle parallele asimmetriche raggiunge il suo punteggio migliore di sempre (16.650), ma in finale cade e arriva al secondo posto.

Ai Campionati Nazionali a Boston, cade durante l'esercizio al corpo libero. Tuttavia riesce a classificarsi seconda nel concorso generale dietro a Shawn Johnson. Riconquista il suo titolo di Campionessa Nazionale alla trave e difende per il quarto anno consecutivo il suo titolo alle parallele asimmetriche, con un punteggio di 17.050 durante i preliminari e 17.100 in finale. A giugno, Nastia compete alla gara per scegliere le ginnaste che parteciperanno alle Olimpiadi. Si classifica seconda, dietro alla Johnson, ed entra quindi a far parte del team che gareggerà a Pechino.

Olimpiadi di Pechino 2008[modifica | modifica wikitesto]

Arriva seconda nelle qualificazioni della competizione generale con 62.375 punti, dietro per 0,35 punti alla connazionale e compagna di stanza Shawn Johnson. Si è anche qualificata alle finali di tre attrezzi: trave, parallele asimmetriche e corpo libero. Nella finale a squadra, Nastia compete su tre attrezzi: trave, parallele asimmetriche e corpo libero. Il suo punteggio alle parallele è di 16.900 ed è stato il punteggio più alto dell'intera competizione. Arriva seconda alla trave col punteggio di 15.975. Durante il corpo libero, esce fuori dalla pedana e perde 0.10 punti di penalità e finisce l'esercizio con 15.200 punti. Con il Team Americano vince la medaglia d'argento con una differenza di 2.375 punti dietro alla Cina. Vince l'oro nel concorso generale con 63.325 punti, davanti a Shawn Johnson (62.725). Diventa così la terza Americana ad aver vinto un concorso generale insieme a Mary Lou Retton e Carly Patterson. Ed è anche la quarta volta in cui due atlete della stessa nazione si classificano ai primi due posti della classifica. Nella finale di corpo libero, svolge una buonissima routine e vince la medaglia di bronzo, dietro alla connazionale Shawn Johnson e alla rumena Sandra Izbasa. Alle parallele asimmetriche vince l'argento, mentre la cinese He Kexin l'oro. Vince anche l'argento alla trave con 16.025 punti. È una delle ginnaste americane ad aver vinto più medaglie in un'unica Olimpiade.

2009: Campionati Americani e probabile ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Nella sua prima apparizione nel post-Olimpiade, partecipa al CoverGirl Classic, gareggiando solo alla trave. Arriva seconda, dietro alla compagna di squadra Ivana Hong. Ai Campionati Americani pensa di partecipare sia alle parallele asimmetriche che alla trave, ma ancora una volta decide di gareggiare solo alla trave. Arriva al quarto posto e pensa di partecipare ad un quarto Campionato Mondiale, cosa che poi non farà.

2012: Il ritorno e il definitivo ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011 annuncia il suo ritorno alle competizioni agonistiche. Debutta il 26 maggio 2012 ai Secret U.S. Classic competendo alla trave e ottenendo un buon 14.900.[1] Dall'8 al 10 giugno partecipa ai Visa Championships. Durante la prima giornata, compete alla trave e alle parallele asimmetriche, ottenendo rispettivamente 15.100 e 13.150 punti.[2] Durante la giornata finale, a causa di diversi errori in entrambi gli attrezzi, non vince alcuna medaglia. Conclude l'esperienza nazionale arrivando diciannovesima alle parallele e sesta alla trave.[3] Ai Trials Olimpici, l'ultima tappa per selezionare le ginnaste che parteciperanno alle Olimpiadi di Londra, compete solo a parallele (14.050 punti a causa di uno sbilanciamento) e trave (14.500 punti)[4] Nella seconda giornata, esegue una buona trave (14.950) ma cade malamente dalle parallele asimmetriche. Non entra a far parte della squadra olimpica e si ritira il giorno stesso, con una standing ovation da parte dei 18.000 spettatori.[5]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alle competizioni, Nastia ha fatto un cameo nel film Stick It e in un episodio del 2008 di Gossip Girl. Ha affermato di voler diventare attrice in futuro. Dopo le Olimpiadi di Pechino, appare in diversi talk show degli Stati Uniti, tra cui quello di Oprah Winfrey. È apparsa anche in un episodio della seconda stagione di Make It Or Break It e come guest star nel telefilm Hellcats.

Ha una sua linea di attrezzature per ginnaste, prodotte dalla American Athletic, Inc. È sponsorizzata dalla Visa, AT&T, GK Elite Sportswear. Appare anche nella pubblicità dell'Adidas, insieme a Nadia Comăneci.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]