Narita Ujinaga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Narita Ujinaga[1] (成田氏長?; 15421595) è stato un samurai giapponese del periodo Sengoku, capo del clan Narita della provincia di Musashi.

Ujinaga era figlio ed erede di Nagayasu e divenne il dodicesimo capo del clan. Succedette al padre dopo una disputa con il fratello minore Osatada.

Servì il clan Hōjō e combatté con loro nell'assedio di Odawara del 1590, aiutato dalla figlia Kaihime. Tokugawa Ieyasu gli assegnò un feudo del valore di 35.000 koku a Karasuyama, nella provincia di Shimotsuke.

Suo figlio Ujimune morì senza eredi, così i possedimenti del clan tornarono in possesso dei Tokugawa[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Per i biografati giapponesi nati prima del periodo Meiji si usano le convenzioni classiche dell'onomastica giapponese, secondo cui il cognome precede il nome. "Narita" è il cognome.
  2. ^ (EN) Narita Ujinaga, su wiki.samurai-archives.com.
Controllo di autoritàVIAF (EN251316612 · ISNI (EN0000 0003 7487 1442 · NDL (ENJA01198728