Narcissus pseudonarcissus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Narcissus pseudonarcissus
Narcissus pseudonarcissus flower 300303.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Liliales
Famiglia Amaryllidaceae
Genere Narcissus
Specie N. pseudonarcissus
Nomenclatura binomiale
Narcissus pseudonarcissus
L., 1753

Il narciso trombone (Narcissus pseudonarcissus L., 1753) è una pianta della famiglia delle Amarillidacee.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie ha fiori giallo pallido, con una paracorolla centrale più scura. Le foglie lunghe e strette hanno un colore verde leggermente grigiastro e si alzano dalla base dello stelo. La pianta cresce da un bulbo. I fiori producono semi che, una volta germogliati, impiegano dai cinque ai sette anni per produrre una pianta in fiore.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La specie è originaria dell'Europa occidentale, dalla Spagna e Portogallo, dall'est alla Germania, al nord, dall'Inghilterra e dal Galles. È comunemente coltivata in giardini e popolazioni si sono affermate nei Balcani, in Australia, in Nuova Zelanda, nel Caucaso, a Madeira, nella Columbia Britannica, nell'Ontario, a Terranova, nell'Oregon, nello Stato di Washington, in gran parte degli Stati Uniti orientali e nelle Isole Falkland. Le piante selvatiche crescono nei boschi, nei prati e su terreni rocciosi. In Gran Bretagna le popolazioni native sono diminuite sostanzialmente dal 19° secolo a causa dell'intensificazione dell'agricoltura, della bonifica dei boschi e dello sradicamento dei bulbi da utilizzare nei giardini. In Germania è stato oggetto di una campagna di sensibilizzazione nazionale per la protezione dei fiori selvatici nel 1981.[senza fonte]

In Inghilterra, nel North York Moors National Park, la valle del Farndale ospita una grande popolazione di specie, lungo le rive del fiume Dove.

In Inghilterra, nel Gloucestershire, ci sono diverse riserve naturali che sostengono vaste popolazioni della specie vicino a Dymock Woods SSSI. In primavera c'è una passeggiata dei narcisi intorno a diverse riserve.

Colori[modifica | modifica wikitesto]

Tutto giallo (sia corolla e paracorolla), tutto bianco, Bianco (corolla) e giallo (paracorolla), Bianco e rosa o salmone, giallo e arancione.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Sottospecie[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono un certo numero di sottospecie del narcisi selvatici ma il numero esatto varia a seconda dei diversi autori. Il gran numero di cultivar aggiunge alla difficoltà di classificazione. Tra le sottospecie vi è il daffodil di Tenby (N. pseudonarcissus ssp. Obvallaris, talvolta classificato come specie separata), che probabilmente ha avuto origine nella coltivazione ma ora cresce spontaneo nel Galles sud-occidentale. Molte delle sottospecie elencate di seguito sono attualmente considerate come specie dalla Royal Horticultural Society.[senza fonte]

  • ssp. pseudonarcissus – Gran Bretagna
  • ssp. bicolor (syn. N. bicolor L.)
  • ssp. calcicarpetanus Fernández Casas
  • ssp. eugeniae - Spagna (syn. N. eugeniae Fernández Casas)
  • ssp. major - penisola iberica (syn. N. hispanicus Gouan.)
  • ssp. moschatus (L.) Baker (syn. ssp. candidissimus Desf.; syn. N. moschatus L., N. alpestris Pugsley.)
  • ssp. munozii-garmendiae Fernández Casas
  • ssp. nevadensis - penisola iberica (syn. N. nevadensis Pugsley)
  • ssp. nobilis - (syn. N. nobilis (Haw.) Schult. & Schult.f.) - penisola iberica. The largest floral diameter of Narcissus, at over 12.5 cm
  • ssp. obvallaris - southern Wales (syn. N. obvallaris, Salisb., sometimes considered to be derived from relict cultivation of ssp. major)
  • ssp. pallidiflorus - pale flower daffodil - Spagna e Francia
  • ssp. portensis – penisola iberica (syn. N. portensis Pugsley)
  • ssp. pugsleyanus Barra & López - Spagna
  • ssp. radinganorum[citation needed] (syn. N. radinganorum Fernández Casas) – Spagna sudorientale

Varietà[modifica | modifica wikitesto]

Il Narciso pseudonarcissus stesso ha otto varietà (descritte da H.W. Pugsley in un articolo del Journal of the Royal Horticultural Society del 1933), tra cui festinus, humilis, insignis, minoriformis, montinus, platylobus e porrigens. L'ottava varietà descritta da Pugsley, la pisanus, fu ulteriormente definita da A. Fernandes nell'annuario del narciso e tulipano del 1968.

Cultivar a fiore doppio[modifica | modifica wikitesto]

Recenti ricerche in Galles, nel sud-ovest dell'Inghilterra e nel nord della Francia da acuti orticoltori hanno scoperto un piccolo numero di esemplari notevolmente distinti a doppio fiore di N. pseudonarcissus che crescono tra popolazioni selvatiche o naturalizzate del normale N. pseudonarcissus. Tali forme rare erano conosciute fino al tardo XVI secolo e all'inizio del XVII secolo da botanici ed erboristi come John Gerard e John Parkinson, che in vario modo li descrivevano come "Pseudonarcissus Anglicus flore pleno", "Gerrards double Daffodill" e successivamente " Il doppio narciso inglese ". I bulbi sono stati raccolti col permesso dei proprietari dei fondi e si spera che alcune di queste insolite cultivar possano essere commercializzabili in futuro.

Emblema[modifica | modifica wikitesto]

Il narciso è il fiore nazionale del Galles, nonché della contea del Gloucestershire.

Rischi per la salute[modifica | modifica wikitesto]

Come tutte le specie di Narciso, anche questa contiene il veleno alcaloide licorina, per lo più nel bulbo, ma anche nelle foglie. Per questo motivo, i bulbi e le foglie di giunchiglia non dovrebbero mai essere mangiati.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Narcissus pseudonarcissus, su The Plant List. URL consultato il 10 giugno 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica