Napoleone Eugenio Luigi Bonaparte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Napoleone Eugenio Luigi
Prince Impérial, 1878, Londres, BNF Gallica.jpg
Il Principe Imperiale a 22 anni con il cordone della Legion d'Onore, 1878
Pretendente al trono imperiale di Francia
Stemma
In carica 9 gennaio 1873
1º giugno 1879
Predecessore Napoleone III
Successore Napoleone Vittorio
Nome completo francese: Napoléon Eugène Louis Jean Joseph Bonaparte
italiano: Napoleone Eugenio Luigi Giovanni Giuseppe Bonaparte
Trattamento Sua altezza imperiale
Nascita Parigi, Secondo Impero francese (oggi Francia), 16 marzo 1856
Morte Regno Zulu (oggi Sudafrica), 1º giugno 1879 (23 anni)
Luogo di sepoltura Cripta imperiale, Abbazia di San Michele, Farnborough
Dinastia Casato dei Bonaparte
Padre Napoleone III di Francia
Madre Eugenia de Montijo
Religione Cattolicesimo

Napoleone Eugenio Luigi Giovanni Giuseppe Bonaparte, conosciuto, più sovente, come il Principe Imperiale, Napoleone IV dai Bonapartisti o Luigi (o Loulou per gli intimi) (francese: Napoléon Eugène Louis Jean Joseph Bonaparte; Parigi, 16 marzo 1856Natal, 1º giugno 1879), fu l'unico figlio di Napoleone III, imperatore dei Francesi e della moglie, l'imperatrice Eugenia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nascita[modifica | modifica wikitesto]

L'imperatrice Eugenia con il figlio ritratti da Franz Xavier Winterhalter

La sua nascita, avvenuta negli anni migliori del Secondo Impero, sembrò garantire l'avvenire della dinastia bonapartista in Francia.

Esilio[modifica | modifica wikitesto]

Napoleone Eugenio Luigi durante l'esilio nel Regno Unito

Dopo la proclamazione della Terza Repubblica francese, il 4 settembre 1870, Napoleone Eugenio Luigi si rifugiò in Belgio. Un mese più tardi sbarcò ad Hastings nel Regno Unito per raggiungervi la madre, l'imperatrice Eugenia. Qui chiese ed ottenne di essere ammesso al British Military College. Al termine dei corsi fu trasferito in artiglieria, l'arma del suo famoso prozio.

Il Principe Imperiale assiste alla morte del padre Napoleone III

Alla morte del padre, il 9 gennaio 1873, i bonapartisti lo proclamarono Napoleone IV. Nel corso degli anni '70 si discusse di un suo possibile matrimonio con la principessa Beatrice, ultima nata della Regina Vittoria.

Guerra anglo-zulu e morte improvvisa[modifica | modifica wikitesto]

Il principe Napoleone fotografato con l'uniforme della guerra degli zulu

Con lo scoppio della guerra degli zulu nel 1879, il principe imperiale, raggiunto il grado di sottotenente, insisté presso le autorità militari del Regno Unito affinché lo inviassero in Africa per partecipare al conflitto, cosa che avvenne.

Arrivato nella terra degli Zulu, fu posto agli ordini di Lord Chelmsford ma non poté prendere parte alle operazioni poiché quest'ultimo dispose che non fosse impegnato in combattimenti, temendo ripercussioni politiche nel caso avesse patito gravi ferite o addirittura fosse deceduto in battaglia. Il 1º giugno di quell'anno egli, il sottotenente Carey ed una scorta di sette cavalleggeri usciti in perlustrazione, si fermarono per una pausa di riposo in un accampamento abbandonato dagli Zulu presso il fiume Tyotyosi. Proprio quando tutti gli uomini erano ormai montati a cavallo per ripartire, tranne il principe che si era attardato, furono oggetto di un improvviso attacco da parte di una quarantina di Zulu che si erano avvicinati nell'erba alta fino a pochi passi dal gruppo.

La morte del Principe Imperiale in un dipinto di fantasia di Paul Joseph Jamin, 1882, Castello di Compiègne

Tutti gli uomini a cavallo si diedero immediatamente alla fuga, benché due britannici e una guida fossero uccisi. Se i rimanenti riuscirono a fuggire, il Principe, che aveva maldestramente tentato di balzare a cavallo riuscendo però soltanto a strappare una delle cinghie della sella, dopo una brevissima fuga a piedi venne raggiunto e ucciso dai guerrieri Zulu in un canalone poco distante. Seguirono molte polemiche sul comportamento del sottotenente Carey, accusato di aver abbandonato il Principe per codardia, a prescindere dal fatto che fosse stato effettivamente possibile, in quel frangente, salvargli la vita.

La sua morte fece un grande scalpore in Europa poiché egli era l'ultima speranza di una successione dinastica dei Bonaparte al trono imperiale di Francia. Più tardi i capi Zulu sostennero che, se avessero saputo chi era, non lo avrebbero ucciso. Per cercare di placare l'ira dei bonapartisti, venne accreditata la leggenda che il Principe fosse morto eroicamente.

Sepoltura[modifica | modifica wikitesto]

La tomba di Napoleone Eugenio Luigi nell'abbazia di San Michele a Farnborough

La sua salma, benché ormai decomposta, diversi mesi dopo fu riportata nel Regno Unito e sepolta a Chislehurst. Successivamente essa fu trasferita nel mausoleo fatto costruire dalla madre come cripta imperiale presso l'abbazia di San Michele a Farnborough nello Hampshire, accanto al padre.

Come suo erede il Principe Imperiale aveva nominato Napoleone Vittorio Bonaparte, trascurando il genealogicamente precedente padre di Vittorio, il detestato Napoleone Giuseppe Carlo Paolo Bonaparte, che entrò per questo in lite con il figlio.

Nel 1998 fu assegnato ad un asteroide il nome di Piccolo Principe, in ricordo di Napoleone Eugenio Luigi, poiché esso orbita intorno ad all'asteroide 45 Eugenia, che prese il nome da sua madre.

Discendenza da Carlo Maria Bonaparte e Maria Letizia Ramolino[modifica | modifica wikitesto]

Carlo Maria Buonaparte (17461785) sposa Maria Letizia Ramolino (17501836)

       └──>Giuseppe Bonaparte (17681844)
       └──>Napoleone Bonaparte (17691821), 1º Imperatore dei Francesi
       └──>Luciano Bonaparte (17751840)
       └──>Elisa Bonaparte (17771820)
       └──>Luigi Bonaparte (17781846) sposò Ortensia di Beauharnais (17831837)
       │      └──> Napoleone Carlo Bonaparte (18021807)
       │      └──> Luigi Bonaparte II (18041831)
       │      └──> Napoleone III (18081873), sposò Eugenia de Montijo
       │           └──> Napoleone Eugenio Luigi Bonaparte
       └──>Paolina Bonaparte (17801825)
       └──>Carolina Bonaparte (17821839)
       └──> Girolamo Bonaparte(17841860)

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Carlo Bonaparte Giuseppe Maria Buonaparte  
 
Maria Saveria Paravicini  
Luigi I d'Olanda  
Maria Letizia Ramolino Giovanni Geronimo Ramolino  
 
Angela Maria Pietrasanta  
Napoleone III di Francia  
Visconte Alexandre de Beauharnais Marchese François de Beauharnais  
 
Marie Henriette Pyvart de Chastullé  
Ortensia di Beauharnais  
Giuseppina di Beauharnais Cavaliere Joseph-Gaspard de Tascher de la Pagerie  
 
Rose-Claire des Vergers de Sanois  
Napoleone Eugenio Bonaparte  
Don Felipe de Palafox y Croy de Havre Marchese Joaquín Antonio de Palafox  
 
Principessa Marie-Anne-Charlotte of Croÿ d'Havré  
Don Cipriano de Portocarrero  
María Portocarrero de Guzman y Zuñiga Marchese Cristóbal de Portocarrero  
 
Doña Josefa López de Zuñiga y Pacheco  
Contessa Eugenia de Montijo  
William Kirkpatrick of Closeburn William Kirkpatrick of Closeburn  
 
Mary Wilson  
María Manuela Kirkpatrick  
Marie-Françoise de Grevigné Barone Henri de Grevigné  
 
Francisca Antonia de Gallegos  
 

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia)
— 14 giugno 1856
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Imperiale di Nostra Signora di Guadalupe (Impero messicano) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Imperiale di Nostra Signora di Guadalupe (Impero messicano)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Erede al trono dell'Impero Francese Successore Flag of France.svg
titolo inesistente Principe ereditario
16 marzo 1856-4 settembre 1870
titolo soppresso
Predecessore Pretendente alla corona imperiale di Francia Successore Flag of France.svg
Napoleone III di Francia Napoleone IV
9 gennaio 18731879
Napoleone Vittorio Bonaparte
Controllo di autoritàVIAF (EN283560763 · ISNI (EN0000 0000 7778 1192 · LCCN (ENno97016370 · GND (DE120881225 · BNF (FRcb11936284b (data) · BNE (ESXX1195773 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no97016370
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie