Naohiro Takahara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Naohiro Takahara
Takahara nel 2012 con la maglia dello Shimizu S-Pulse in un'amichevole contro l'Omiya Ardija
NazionalitàBandiera del Giappone Giappone
Altezza181 cm
Calcio
RuoloAllenatore (ex attaccante)
SquadraOkinawa SV
Termine carriera2024 - giocatore
Carriera
Giovanili
1995-1997Bandiera non conosciuta Shimizu Higashi High School
Squadre di club1
1998-2001Júbilo Iwata78 (32)
2001Boca Juniors6 (1)
2001-2002Júbilo Iwata27 (26)
2002-2006Amburgo97 (13)
2006-2008Eintracht Francoforte38 (12)
2008-2010Urawa Reds63 (10)
2010Suwon Bluewings12 (4)
2011-2012Shimizu S-Pulse46 (9)
2013-2014Tokyo Verdy41 (11)
2014-2015Sagamihara54 (11)
2016-2023Okinawa SV95+ (43+)
Nazionale
1998-1999Bandiera del Giappone Giappone U-2016 (16)
1998-2000Bandiera del Giappone Giappone U-2311 (4)
2000Bandiera del Giappone Giappone olimpica4 (3)
2000-2008Bandiera del Giappone Giappone57 (23)
Carriera da allenatore
2024-Okinawa SV
Palmarès
 Mondiale di calcio Under-20
ArgentoNigeria 1999
 Coppa d'Asia
OroLibano 2000
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 28 giugno 2024

Naohiro Takahara (高原 直泰?, Takahara Naohiro; Mishima, 4 giugno 1979) è un allenatore di calcio ed ex calciatore giapponese, di ruolo attaccante, tecnico dell'Okinawa SV.

Caratteristiche tecniche

[modifica | modifica wikitesto]

È una punta, destro, attaccante talentuoso dotato di fisicità e di una buona corsa, è in grado di trovare la rete con il gol di prima intenzione, vanta sia precisione sia potenza di tiro, infatti è capace di calciare anche da fuori area trovando il gol; inoltre è molto bravo a segnare anche con i suoi tiri di testa ed è un ottimo rigorista.

Júbilo Iwata e Boca Juniors

[modifica | modifica wikitesto]

Naohiro Takahara fa il suo esordio nel calcio professionistico militando nel Júbilo Iwata a partire dal 1998 subito dopo aver concluso le scuole superiori, segnerà il suo primo gol nella partita di J1 League nella vittoria contro il Kyoto Sanga segnando la rete del 2-0, segnerà la sua prima doppietta nella vittoria per 6-2 contro il Vegalta Sendai in Coppa J. League. Sempre nello stesso anno, durante il campionato giapponese, segnerà la sua prima tripletta nella vittoria contro il JEF Chiba imponendosi per 6-2. Vincerà la J. League 1999 dove per ben quattro volte sarà autore di una doppietta, nella vittoria per 3-2 contro lo Bellmare Hiratsuka, in quella per 6-2 contro il Kyoto Sanga, contro l'Urawa Red Diamonds imponendosi per 4-3, e nella sconfitta contro il Cerezo Osaka per 3-2, infine la squadra si aggiudicherà la vittoria contro lo Shimizu S-Pulse: il Júbilo Iwata vincerà per 2-1 la partita d'andata perdendo per il medesimo risultato quella di ritorno, le due squadre arriveranno ai rigori dove il Júbilo Iwata vincerà per 4-2, e Takahara segnerà uno dei rigori vincenti.

Viene ceduto in prestito al Boca Juniors, questo fa di lui il primo nipponico a militare nella Primera División Argentina, giocando solo 7 partite con la squadra, segnando una sola rete contro il Lanús calciando la palla la quale viene respinta dal portiere, per poi calciarla una seconda volta dato che era ancora in gioco riuscendo così a segnare il gol del 6-1.[1] Tornerà a giocare per il Júbilo Iwata vincendo l'edizione 2002 della J1 League trascinando la squadra alla vittoria con 26 gol come miglior marcatore del campionato, segnando delle doppiette in varie vittorie come quella per 2-0 contro l'FC Tokyo e il Gamba Osaka, o qualla per 3-1 contro lo Yokohama F·Marinos, segnerà una tripletta nella vittoria per 4-0 contro Vegalta Sendai, e sarà autore di 4 reti nella vittoria per 6-1 contro l'FC Tokyo.

Amburgo e Eintracht Francoforte

[modifica | modifica wikitesto]

Giocherà in Germania nel club tedesco dell'Amburgo segnando la sua prima rete in Bundesliga grazie a un tiro di testa che permetterà alla sua squadra di pareggiare per 1-1 contro il Bayern Monaco[2]. Inoltre sarà autore del gol del 4-0 nella vittoria ai danni del FC Nürnberg. Giocherà come titolare per tutta la partita nella finale di DFB-Ligapoka il 28 luglio 2003 allo Stadion am Bruchweg segnando il gol del temporaneo 3-0 nella vittoria per 4-2 contro il Borussia Dortmund. Segnerà la sua prima rete in Coppa di Germania nell'edizione 2003-2004 con la rete che deciderà la vittoria su misura per 1-0 contro il Dinamo Dresda. Continuerà a giocare per l'Amburgo fino al 2006, sarà determinante quando segnerà la sua prima doppietta nel campionato tedesco nella vittoria per 2-1 contro l'Hertha Berlino.

In seguito giocherà per l'Eintracht Francoforte segnando il suo primo gol con la maglia della sua nuova squadra nella vittoria per 2-0 contro il Siegen nella Coppa di Germania 2006-2007, e segnerà una doppietta ai quarti di finale contro il Kickers Offenbach nella vittoria per 3-0. Sarà il primo calciatore giapponese a segnare una tripletta in Bundesliga nella vittoria contro l'Alemannia Aachen per 3-2.[3] Sarà autore della doppietta nel pareggio di 2-2 in UEFA Europa League contro il Fenerbahçe.[4]

Urawa Red Diamonds e Suwon Bluewings

[modifica | modifica wikitesto]

Tornerà a giocare in Giappone nella prima divisione, vestendo la maglia dell'Urawa Red Diamonds con un trasferimento di 180 000 000 di yen, segnando una doppietta contro il Kyoto Sanga nella vittoria per 4-0, e segnerà il gol decisivo dell'1-0 nella vittoria contro l'Omiya Ardija, inoltre con un'altra doppietta aiuterà la sua squadra a imporsi sul Montedio Yamagata per 3-2. Successivamente verrà ceduto in prestito giocando in Corea del Sud nella K-League nella squadra del Suwon Samsung Bluewings segnando una doppietta nella vittoria per 4-2 contro l'FC Seul, inoltre segnerà un gol con un rigore trasformato nel pareggio per 1-1 contro il Sangmu FC.

Shimizu S-Pulse e Tokyo Verdy

[modifica | modifica wikitesto]

Takahara giocherà nuovamente nella J1 League militando nel Shimizu S-Pulse, sarà autore di una doppietta contro l'Omiya Ardija nella vittoria per 4-1, e aprirà le marcature nella vittoria per 2-1 contro il Montedio Yamagata. Segnerà una rete nella vittoria per 5-0 contro il Gainare Tottori nella Coppa dell'Imperatore. Giocherà poi nella seconda divisione, la J2 League con la squadra del Tokyo Verdy segnando la sua prima rete in campionato con il gol del pareggio nell'1-1 contro il Giravanz Kitakyushu, inoltre su rigore aprirà le marcature contro il Vissel Kobe per poi segnare il gol del 2-1 che sancirà la vittoria, segnerà inoltre una doppietta nel pareggio per 3-3 contro il Tochigi SC, e con un calcio di rigore sarà autore del gol che permetterà alla sua squadra di vincere per 3-2 contro lo Yokohama FC, inoltre segnerà il gol del 2-1 nella vittoria contro il V-Varen Nagasaki.

Sagamihara e Okinawa SV

[modifica | modifica wikitesto]

Giocherà nella J3 League con la squadra del Sagamihara per due stagioni, con un rigore segnerà la rete del 3-0 nella vittoria contro il Blaublitz Akita, inoltre sarà autore del gol 4-2 nella vittoria contro lo Yokohama SCC. Segnerà la rete del 3-1 nella vittoria ai danni del Fujieda MYFC e sarà autore del gol del 2-0 nella vittoria contro il Nagano Parceiro.

Takahara e il judoca Tadahiro Nomura fonderà un club: l'Okinawa SV che milita nella Kyushu Soccer League di cui lui è calciatore, allenatore e amministratore.

Naohiro Takahara viene convocato nella nazionale del Giappone Under-17 partecipando al mondiale giovane di Ecuador 1995 dove il Giappone viene eliminato nella fase a girone, Takahara segnerà una sola rete, marcando il gol del 2-1 nella vittoria contro gli Stati Uniti.

Verrà convocato come membro del Giappone Under-20 al mondiale in Nigeria del 1999 dove otterrà l'argento, nella fase a girone segnerà una rete contro gli Stati Uniti nella vittoria per 3-1, durante gli ottavi di finale il Giappone pareggia contro il Portogallo per 1-1 per poi vincere 5-4 ai rigori, Takahara segnerà uno dei rigori vincenti, infine segnerà un gol nella semifinale contro l'Uruguay vinta per 2-1.

Nel 2000 viene convocato in nazionale maggiore trovando per la prima volta la rete nella partita vinta contro il Brunei per 9-0 segnando una doppietta. Ottiene la convocazione in nazionale olimpica per le Olimpiadi di Sydney, sarà autore di una doppietta che deciderà la vittoria su 2-1 contro il Sudafrica, inoltre segnerà il gol del temporaneo 2-1 ai quarti di finale contro gli Stati Uniti anche se Peter Vagenas segnerà la rete del pareggio e la partita si concluderà 2-2 finendo ai rigori dove il Giappone verrà eliminato per 5-4.

Giocherà all'Asian Cup 2000, dove nella fase a girone segnerà un gol nella vittoria contro l'Arabia Saudita per 4-1[5] e una tripletta nella vittoria per 8-1 contro l'Uzbekistan,[6] inoltre ai quarti di finale segnerà un'altra rete nella vittoria per 4-1 contro l'Iraq[7] infine Takahara si potrà laureare campione d'Asia quando il Giappone batterà un'altra volta l'Arabia Saudita in finale.

Il 27 marzo 2002 disputerà una partita amichevole contro la Polonia dove segnerà il gol del 2-0 che sancirà la vittoria della nazionale giapponese. Viene convocato per partecipare alla FIFA Confederations Cup 2003 dove il Giappone verrà eliminato nella fase a girone, Takahara giocherà tutte e tre le partite. Il 20 agosto 2003 segnerà una doppietta nella vittoria per 3-0 nell'amichevole contro la Nigeria,[8] mentre il 7 settembre 2005 segnerà un gol in un'amichevole molto combattuta contro l'Honduras vinta per 5-4. Il 30 maggio 2006 metterà a segno una doppietta nell'amichevole che finirà con un prestigioso pareggio contro la Germania.[9]

Verrà convocato per partecipare al Mondiale 2006 dove il Giappone non riuscirà a superare la fase a girone, Takahara giocherà tutte e tre le partite. Il 24 marzo 2007 segnerà il gol del 2-0 nell'amichevole vinta contro il Perù[10]

Prenderà parte all'Asian Cup 2007, nella fase a girone segnerà una rete nel pareggio per 1-1 contro il Qatar[11], e realizzerà una doppietta nella vittoria per 3-1 contro gli Emirati Arabi Uniti,[12] ai quarti di finale contro l'Australia segnerà la rete del pareggio del 1-1 e la partita si concluderà ai rigori, dove Takahara non riuscirà a mettere a segno il suo tiro dal dischetto, anche se ciò sarà ininfluente ai fini della vittoria dove il Giappone si imporrà per 4-3[13] venendo tuttavia eliminato dall'Arabia Saudita per 3-2 in semifinale.

Cronologia presenze e reti in nazionale

[modifica | modifica wikitesto]
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Giappone
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
13-2-2000 Macao Singapore Bandiera di Singapore 0 – 3 Bandiera del Giappone Giappone Qual. Coppa d'Asia 2000 - Uscita al 71’ 71’
16-2-2000 Macao Giappone Bandiera del Giappone 9 – 0 Bandiera del Brunei Brunei Qual. Coppa d'Asia 2000 2 Ingresso al 60’ 60’
20-2-2000 Macao Macao Bandiera di Macao 0 – 3 Bandiera del Giappone Giappone Qual. Coppa d'Asia 2000 1 Ingresso al 46’ 46’
16-4-2000 Seul Corea del Sud Bandiera della Corea del Sud 0 – 1 Bandiera del Giappone Giappone Amichevole - Ingresso al 78’ 78’
18-6-2000 Yokohama Giappone Bandiera del Giappone 2 – 0 Bandiera della Bolivia Bolivia Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
16-8-2000 Hiroshima Giappone Bandiera del Giappone 3 – 1 Bandiera degli Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
14-10-2000 Sidone Arabia Saudita Bandiera dell'Arabia Saudita 1 – 4 Bandiera del Giappone Giappone Coppa d'Asia 2000 - 1º turno - Uscita al 68’ 68’
17-10-2000 Sidone Giappone Bandiera del Giappone 8 – 1 Bandiera dell'Uzbekistan Uzbekistan Coppa d'Asia 2000 - 1º turno 3 Uscita al 58’ 58’
24-10-2000 Beirut Giappone Bandiera del Giappone 4 – 1 Bandiera dell'Iraq Iraq Coppa d'Asia 2000 - Quarti di finale 1
26-10-2000 Beirut Cina Bandiera della Cina 2 – 3 Bandiera del Giappone Giappone Coppa d'Asia 2000 - Semifinale 1
29-10-2000 Beirut Arabia Saudita Bandiera dell'Arabia Saudita 0 – 1 Bandiera del Giappone Giappone Coppa d'Asia 2000 - Finale - Uscita al 81’ 81’ Ammonizione al 76’ 76’
24-3-2001 Saint-Denis Francia Bandiera della Francia 0 – 5 Bandiera del Giappone Giappone Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
25-4-2001 Cordova Spagna Bandiera della Spagna 1 – 0 Bandiera del Giappone Giappone Amichevole - Uscita al 84’ 84’
4-10-2001 Lens Giappone Bandiera del Giappone 0 – 2 Bandiera del Senegal Senegal Amichevole - Uscita al 46’ 46’
7-11-2001 Saitama Giappone Bandiera del Giappone 1 – 1 Bandiera dell'Italia Italia Amichevole - Uscita al 46’ 46’ Ammonizione al 48’ 48’
21-3-2002 Osaka Giappone Bandiera del Giappone 1 – 0 Bandiera dell'Ucraina Ucraina Amichevole - Uscita al 61’ 61’
27-3-2002 Łódź Polonia Bandiera della Polonia 0 – 2 Bandiera del Giappone Giappone Amichevole 1 Uscita al 54’ 54’
16-10-2002 Tokyo Giappone Bandiera del Giappone 1 – 1 Bandiera della Giamaica Giamaica Amichevole - Uscita al 76’ 76’
20-11-2002 Tokyo Giappone Bandiera del Giappone 0 – 2 Bandiera dell'Argentina Argentina Amichevole -
28-3-2003 Tokyo Giappone Bandiera del Giappone 2 – 2 Bandiera dell'Uruguay Uruguay Amichevole -
11-6-2003 Saitama Giappone Bandiera del Giappone 0 – 0 Bandiera del Paraguay Paraguay Amichevole -
18-6-2003 Saint-Denis Nuova Zelanda Bandiera della Nuova Zelanda 0 – 3 Bandiera del Giappone Giappone Conf. Cup 2003 - 1º turno -
20-6-2003 Saint-Étienne Francia Bandiera della Francia 2 – 1 Bandiera del Giappone Giappone Conf. Cup 2003 - 1º turno -
22-6-2003 Saint-Étienne Giappone Bandiera del Giappone 1 – 0 Bandiera della Colombia Colombia Conf. Cup 2003 - 1º turno -
20-8-2003 Tokyo Giappone Bandiera del Giappone 3 – 0 Bandiera della Nigeria Nigeria Amichevole 2
11-10-2003 Bucarest Romania Bandiera della Romania 1 – 1 Bandiera del Giappone Giappone Amichevole - Ammonizione al 63’ 63’ Uscita al 76’ 76’
19-11-2003 Oita Giappone Bandiera del Giappone 0 – 0 Bandiera del Camerun Camerun Amichevole -
18-2-2004 Saitama Giappone Bandiera del Giappone 1 – 0 Bandiera dell'Oman Oman Qual. Mondiali 2006 - Uscita al 82’ 82’
31-3-2004 Singapore Singapore Bandiera di Singapore 2 – 1 Bandiera del Giappone Giappone Qual. Mondiali 2006 1 Uscita al 76’ 76’
8-9-2004 Calcutta India Bandiera dell'India 0 – 4 Bandiera del Giappone Giappone Qual. Mondiali 2006 - Uscita al 67’ 67’
13-10-2004 Mascate Oman Bandiera dell'Oman 0 – 1 Bandiera del Giappone Giappone Qual. Mondiali 2006 -
16-12-2004 Yokohama Giappone Bandiera del Giappone 0 – 3 Bandiera della Germania Germania Amichevole - Uscita al 70’ 70’
9-2-2005 Saitama Giappone Bandiera del Giappone 2 – 1 Bandiera della Corea del Nord Corea del Nord Qual. Mondiali 2006 - Ingresso al 64’ 64’
25-3-2005 Tehran Iran Bandiera dell'Iran 2 – 1 Bandiera del Giappone Giappone Qual. Mondiali 2006 - Uscita al 82’ 82’
30-3-2005 Saitama Giappone Bandiera del Giappone 1 – 0 Bandiera del Bahrein Bahrein Qual. Mondiali 2006 -
7-9-2005 Rifu Giappone Bandiera del Giappone 5 – 4 Bandiera dell'Honduras Honduras Amichevole 1 Uscita al 79’ 79’
8-10-2005 Riga Lettonia Bandiera della Lettonia 2 – 2 Bandiera del Giappone Giappone Amichevole 1 Uscita al 86’ 86’
12-10-2005 Kiev Ucraina Bandiera dell'Ucraina 1 – 0 Bandiera del Giappone Giappone Amichevole - Uscita al 46’ 46’
16-11-2005 Tokyo Giappone Bandiera del Giappone 1 – 0 Bandiera dell'Angola Angola Amichevole - Uscita al 79’ 79’
28-2-2006 Dortmund Bosnia ed Erzegovina Bandiera della Bosnia ed Erzegovina 2 – 2 Bandiera del Giappone Giappone Amichevole 1 Uscita al 83’ 83’
30-5-2006 Leverkusen Germania Bandiera della Germania 2 – 2 Bandiera del Giappone Giappone Amichevole 2 Uscita al 78’ 78’
12-6-2006 Kaiserslautern Australia Bandiera dell'Australia 3 – 1 Bandiera del Giappone Giappone Mondiali 2006 - 1º turno - Ammonizione al 63’ 63’
18-6-2006 Norimberga Giappone Bandiera del Giappone 0 – 0 Bandiera della Croazia Croazia Mondiali 2006 - 1º turno - Uscita al 85’ 85’
22-6-2006 Dortmund Giappone Bandiera del Giappone 1 – 4 Bandiera del Brasile Brasile Mondiali 2006 - 1º turno - Ingresso al 60’ 60’ Uscita al 66’ 66’
24-3-2007 Yokohama Giappone Bandiera del Giappone 2 – 0 Bandiera del Perù Perù Amichevole 1 Uscita al 85’ 85’
1-6-2007 Shizuoka Giappone Bandiera del Giappone 2 – 0 Bandiera del Montenegro Montenegro Amichevole 1 Uscita al 69’ 69’
5-6-2007 Saitama Giappone Bandiera del Giappone 0 – 0 Bandiera della Colombia Colombia Amichevole - Uscita al 90’ 90’
9-7-2007 Hanoi Giappone Bandiera del Giappone 1 – 1 Bandiera del Qatar Qatar Coppa d'Asia 2007 - 1º turno 1
13-7-2007 Hanoi Emirati Arabi Uniti Bandiera degli Emirati Arabi Uniti 1 – 3 Bandiera del Giappone Giappone Coppa d'Asia 2007 - 1º turno 2 Uscita al 66’ 66’
16-7-2007 Hanoi Vietnam Bandiera del Vietnam 1 – 4 Bandiera del Giappone Giappone Coppa d'Asia 2007 - 1º turno -
21-7-2007 Hanoi Giappone Bandiera del Giappone 1 – 1 dts
(4 – 3 dtr)
Bandiera dell'Australia Australia Coppa d'Asia 2007 - Quarti di finale 1
25-7-2007 Hanoi Giappone Bandiera del Giappone 2 – 3 Bandiera dell'Arabia Saudita Arabia Saudita Coppa d'Asia 2007 - Semifinale - Ammonizione al 69’ 69’
28-7-2007 Palembang Giappone Bandiera del Giappone 0 – 0 dts
(5 – 6 dtr)
Bandiera della Corea del Sud Corea del Sud Coppa d'Asia 2007 - Finale 3º posto - Uscita al 114’ 114’
26-1-2008 Tokyo Giappone Bandiera del Giappone 0 – 0 Bandiera del Cile Cile Amichevole - Uscita al 62’ 62’
30-1-2008 Tokyo Giappone Bandiera del Giappone 3 – 0 Bandiera della Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Amichevole - Uscita al 82’ 82’
26-2-2008 Saitama Giappone Bandiera del Giappone 4 – 1 Bandiera della Thailandia Thailandia Qual. Mondiali 2010 - Uscita al 81’ 81’
27-5-2008 Saitama Giappone Bandiera del Giappone 0 – 0 Bandiera del Paraguay Paraguay Amichevole - Ingresso al 63’ 63’
Totale Presenze 57 Reti (11º posto) 23
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Giappone Olimpica
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
14-9-2000 Canberra Sudafrica Bandiera del Sudafrica 1 – 2 Bandiera del Giappone Giappone Olimpiadi 2000 - 1º turno 2
17-9-2000 Canberra Slovacchia Bandiera della Slovacchia 1 – 2 Bandiera del Giappone Giappone Olimpiadi 2000 - 1º turno - Uscita al 90+2’ 90+2’
20-9-2000 Brisbane Brasile Bandiera del Brasile 1 – 0 Bandiera del Giappone Giappone Olimpiadi 2000 - 1º turno - Uscita al 90+2’ 90+2’
23-9-2000 Adelaide Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 2 dts
(5 – 4 dtr)
Bandiera del Giappone Giappone Olimpiadi 2000 - Quarti di finale 1
Totale Presenze 4 Reti 3

Competizioni nazionali

[modifica | modifica wikitesto]
Júbilo Iwata: 1999, 2002
Amburgo: 2003

Competizioni internazionali

[modifica | modifica wikitesto]
Júbilo Iwata: 1998-1999
Júbilo Iwata: 1999
Amburgo: 2005
1994
2000
1998
2000
2002
  • Miglior giocatore della J. League: 1
2002
  • Miglior 11 della J. League: 1
2002
  • Capocannoniere della Coppa d'Asia: 1
2007
  1. ^ elintransigente.com, https://elintransigente.com/2020/04/un-excompanero-hablo-de-takahara-el-mundo-boca-lo-supero/.
  2. ^ hsv24.mopo.de, https://hsv24.mopo.de/2020/04/26/was-macht-eigentlich-hsv-sushi-bomber-naohiro-takahara.html.
  3. ^ aachener-nachrichten.de, https://www.aachener-nachrichten.de/sport/fussball/alemannia-aachen/takahara-show-am-tivoli-frankfurt-gewinnt-3-2-in-aachen_aid-31926391.
  4. ^ tr.beinsports.com, https://tr.beinsports.com/haber/fenerbahce-eintrachtlilarin-kalbini-kirdi.
  5. ^ japantimes.co.jp, https://www.japantimes.co.jp/sports/2000/10/31/soccer/j-league/japan-edges-saudi-arabia-to-become-asian-champion/.
  6. ^ gettyimages.it, https://www.gettyimages.it/detail/fotografie-di-cronaca/naohiro-takahara-of-japan-scores-the-first-of-fotografie-di-cronaca/650933236.
  7. ^ news.bbc.co.uk, http://news.bbc.co.uk/sport2/hi/football/989017.stm.
  8. ^ arabnews.com, https://www.arabnews.com/node/236088.
  9. ^ tuttomercatoweb.com, https://www.tuttomercatoweb.com/rassegna-stampa/amichevoli-un-buon-giappone-viene-rimontato-solo-nel-finale-dalla-germania-28767.
  10. ^ upi.com, https://www.upi.com/News_Photos/view/upi/7b80a6cea6dacdb872085e0e2fe7acf7/NATIONAL-FOOTBALL-JAPAN-VS-PERU/.
  11. ^ chinadaily.com.cn, http://www.chinadaily.com.cn/sports/2007-07/10/content_5422588.htm.
  12. ^ abc.net.au, https://www.abc.net.au/news/2007-07-14/champions-japan-revive-cup-campaign/2502492.
  13. ^ reuters.com, https://www.reuters.com/article/idINIndia-28591920070721.

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]
Controllo di autoritàVIAF (EN255201954 · ISNI (EN0000 0003 7731 5839 · NDL (ENJA00916352 · WorldCat Identities (ENviaf-255201954