Nancy Fraser

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nancy Fraser

Nancy Fraser (Baltimora, 20 maggio 1947) è una filosofa e teorica femminista statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si è occupata di filosofia politica ed etica normativa. Insegna scienze politiche e sociali a New York. Ha scritto insieme a Axel Honneth "Redistribuzione o riconoscimento?" un importante testo di filosofia politica contemporanea. È autrice anche di "Femminismo per il 99%. Un manifesto" con Cinzia Arruzza e Tithi Bhattacharya. Fraser è nota principalmente per il suo lavoro sulle concezioni filosofiche di giustizia e ingiustizia: sostiene che la giustizia può essere intesa in due modi separati ma interconnessi: la giustizia distributiva (in termini di una più equa distribuzione delle risorse) e la giustizia del riconoscimento (l'uguale riconoscimento di diverse identità/gruppi all'interno di una società). Esistono due forme corrispondenti di ingiustizia: la maldistribuzione e il misconoscimento. Da alcuni anni, il lavoro di Fraser si è incentrato sul collegamento tra la politica dell'identità con il crescente divario tra ricchi e poveri, in particolare per quanto riguarda il femminismo liberale, che Fraser definisce la "ancella" (handmaiden) del capitalismo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN110699555 · ISNI (EN0000 0001 2147 7084 · Europeana agent/base/145887 · LCCN (ENn88263629 · GND (DE124569846 · BNF (FRcb14402248f (data) · NDL (ENJA00904517 · WorldCat Identities (ENlccn-n88263629