Najwa Nimri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Najwa Nimri
Najwa Nimri (200x290).jpg
Najwa Nimri ai Premi Goya 2018
NazionalitàSpagna Spagna
GenereTrip hop
Downtempo
Rock alternativo
Periodo di attività musicale1996 – in attività
GruppiNajwaJean (1996-2008)
Sito ufficiale

Najwa Nimri Urrutikoetxea (Pamplona, 14 febbraio 1972) è un'attrice e cantautrice spagnola.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Pamplona, nella Navarra, il 14 febbraio del 1972 da padre giordano di religione cristiana, farmacista di professione[1], e da madre basca, anch'ella originaria della Navarra[2]. Ha un fratello di nome Karim Nimri, un fratellastro di nome Andre Nimri e tre sorellastre di nome Sara Nimri, Nadia Nimri e Anita Elguezabal. Najwa ha anche un cugino che è un cantante di nome Alexander "Antix" Nimier. Da bambina si trasferisce a Bilbao, nel quartiere Santutxu[1], e studia in un Ikastola[3].[1] Najwa ora vive a Madrid. Ha avuto una relazione con il regista Daniel Calparsoro, con il quale è stata sposata per cinque anni, dal 1995 al 2000. Najwa ha un figlio, Teo Nabil , nato nel 2004 e di cui rimane segreta l'identità del padre.[4]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Najwa ha studiato recitazione al Laboratorio di William Layton[5][6][7], cinque anni di danza classica alla John Beitia Academy[6] e quattro anni nella scuola di musica Coral Lauro de Bilbao[8]. I suoi primi passi nel mondo della musica sono stati come corista nel gruppo di musica soul Respect e come cantante nel gruppo jazz Clan Club, e successivamente, nel 1996, ha formato il gruppo Najwajean con Carlos Jean.[9][6] È stata lanciata nel mondo dello spettacolo nel 1994, scoperta dall'agente artistica Katrina Bayonas, che l'ha selezionata nel suo programma Caras Nuevas (Nuove facce). Uno dei suoi primi lavori da attrice è stato con il cortometraggio Ni aquí ni ahora[10] di Santiago Segura dove ha conosciuto Daniel Calparsoro. Il suo primo ruolo importante è stato nel 1995 come Alex in Salto al vacío, il primo film del regista Daniel Calparsoro. Grazie a questo ruolo ha vinto premi come il Premio per la migliore attrice al Festival di Ginevra (1995), il Premio per la migliore attrice al Festival di Mosca (1995), il Premio per la migliore attrice al Festival Premiers Plans D'Angers (1995), il Premio per la migliore attrice basca ai premi "El Mundo" per il cinema basco (1995) e il premio per la migliore interpretazione femminile al Valencia Cinema Jove International Film Festival (1995)[11]. Nei due anni a venire ha recitato in altri due film diretti da Daniel Calparsoro, Pasajes (1996) e Morire a San Sebastian (1997).[6]

Il suo talento non è passato inosservato nemmeno agli occhi di registi del calibro di Alejandro Amenábar e Julio Medem, che l'hanno coinvolta in due film di grande successo; Apri gli occhi (1997) di Alejandro Amenábar, al fianco di Penélope Cruz ed Eduardo Noriega, e Gli amanti del circolo polare di Julio Medem. Grazie alla sua eccellente interpretazione in quest'ultimo, dove ha interpretato il ruolo di Ana, ha ottenuto la sua prima candidatura al Premio Goya come “Miglior attrice protagonista” e ha vinto premi come il Premio per la migliore attrice al VII Premio "El Mundo" per il cinema basco e il Premio Ondas per la migliore attrice.[6] Nel 1998 ha pubblicato il primo album musicale con il gruppo Najwajean (con Carlos Jean) "No Blood"[12], che è stato accolto con entusiasmo dalla critica e dal pubblico. Il loro singolo Dead for You, pubblicato nel 2002 nell'album ChillOut Sessions, una compilation di vari artisti, è diventata anche la sigla del programma televisivo "Versión Española" di Televisión Española.[13]

Nel 2000 si è unita al cast del film Prima che sia notte del pittore e regista Julian Schnabel, dove ha recitato al fianco di attori di successo come Javier Bardem, protagonista del film, e Johnny Depp e Sean Penn, due personaggi secondari. Nel 2001 ha recitato come protagonista nel film Asfalto, il suo ultimo ruolo in un film diretto da Daniel Calparsoro, per il quale ha preso parte anche alla realizzazione della colonna sonora con il gruppo Najwajean e in collaborazione con il musicista Nacho Mastretta[6], ottenendo la candidatura come "miglior colonna sonora originale" ai Premio Goya del 2001[14]. Nello stesso anno ha interpretato il ruolo di Elena in Lucia y el sexo, diretto da Julio Medem. Nel 2001 ha fatto il suo debutto come cantante solista con il lancio dell'album "Carefully"[15]. Nel 2002, con Najwajean, è stata responsabile della colonna sonora del film Guerreros di Daniel Calparsoro. Sempre in quell'anno ha recitato in Piedras di Ramón Salazar, la cui interpretazione di Leire le è valsa un premio al Toulouse Cinespaña Film Festival (2002)[16]. Non è stato l'unico successo del 2002, durante il quale non solo ha continuato ad affermarsi sempre di più come attrice, ma ha anche pubblicato una raccolta delle sue canzoni con Carlos Jean intitolata Najwajean: Selection.[17]

Nel 2003 ha ottenuto un ruolo da protagonista in Utopía di María Ripoll[18], dove si è occupata anche della colonna sonora.[19] Nel 2004 ha recitato nel film Agents secrets diretto da Frédéric Schoendoerffer, al fianco di attori affermati come Vincent Cassel e Mónica Bellucci. Sempre nel 2003 ha pubblicato un nuovo album da solista intitolato Mayday, elogiata dalla critica per la sua capacità di seduzione come cantante.[6] Ha recitato in 20 centimetri (2005), diretto da Ramón Salazar, per la quale ha anche cantato due canzoni della colonna sonora del film. Nel 2006 ha pubblicato il suo terzo album da solista, Walkabout.[20] Nel 2007 ha recitato nei film Mataharis di Icíar Bollaín e Oviedo Express di Gonzalo Suárez. Ha interpretato il personaggio di Isabel la Católica nel film También la lluvia di Icíar Bollaín (2010) e il personaggio di Edurne apparso brevemente in Habitación en Roma di Julio Medem (2010). Nel 2010 ha pubblicato El Último Primate, il primo album in cui l'artista canta in spagnolo.[6] Nella terza settimana del febbraio del 2014 è stata protagonista della copertina della rivista Interviú[21]. Nello stesso anno si è riunita con Carlos Jean nel mese di giugno per un concerto alla Giornata della Musica al centro artistico Matadero Madrid, decidendo in seguito di tornare insieme sul palco nel 2015 e pubblicando un nuovo album, Bonzo.[22]

Nel 2015 debutta in televisione con il ruolo di Zulema Zahir, la principale antagonista e in seguito protagonista della serie Vis a vis - Il prezzo del riscatto, prodotta da Globomedia per Antena 3, nelle sue prime due stagioni, e per FOX Spagna, nelle sue ultime due. Nel 2016 mette su uno spettacolo teatrale, Drac Pack, un musical che ha scritto insieme Emilio Tomé e Carlos Dorrego ed è stato poi diretto da Fernando Soto. In Drac Pack Najwa si è occupata anche della direzione musicale ed è salita sul palco anche come attrice, di nuovo al fianco di Alba Flores, sua collega sul set di Vis a vis - Il prezzo del riscatto.[23] È stata nominata alla 33ª edizione dei Goya Awards per la "migliore attrice" in Chi canterà per te (2018), regia di Carlos Vermunt[24]. Nel 2018 ha anche recitato nel film L'albero del sangue di Julio Medem. Nel 2019 si è unita al cast della fortunata serie La casa di carta (Netflix) dove interpreta l'ispettrice poliziotta Alicia Sierra. Nello stesso anno è stata scelta per incidere una canzone della colonna sonora del film Dumbo diretto da Tim Burton, remake dell'omonimo Disney, "Hijo del corazón", inserita nei titoli di coda dell'edizione spagnola.[25] Ha doppiato Kate Laswell nel videogioco del 2019, Call of Duty: Modern Warfare.[26] Nel 2020 è tornata nei panni di Zulema Zahir in Vis a vis - L'Oasis, spin-off di Vis a vis - Il prezzo del riscatto, con Maggie Civantos, con la messa in onda del primo episodio il 20 aprile 2020 su Fox Spagna, e sempre nello stesso anno le due colleghe sono tornate ancora una volta a lavorare insieme dando voce ai loro personaggi di Zulema e Macarena in Vis a Vis: Cara B, uno spin-off di Vis a vis - Il prezzo del riscatto in versione audiolibro prodotto da Audible, società di Amazon specializzata nell'intrattenimento digitale con audiolibri e podcast, rilasciato 28 settembre 2020.[27][28] Sempre nello stesso anno prende parte al cortometraggio Building Dialogues, progetto realizzato e diretto da Leandro Manuel Emede e Nicolò Cerioni e con l’arte musicale e visiva di Frédéric Sanchez, per presentare le collezioni primavera estate 2021 di Emporio Armani, al fianco di personaggi noti del mondo della musica, della danza, della recitazione e dello spettacolo in generale come Alice Pagani, Rocco Fasano, Omar Ayuso e altri.[29]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Nimri ai Premi Goya nel 2020

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Audiolibri[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Respect[modifica | modifica wikitesto]

  • 1993 – Hermanos De Color (corista)[49][50]

Najwajean (con Carlos Jean)[modifica | modifica wikitesto]

Solista[modifica | modifica wikitesto]

  • 2001 – Carefully
  • 2003 – Carefully (Edizione speciale)[55]
  • 2003 – Mayday
  • 2004 – Mayday (Edizione speciale) / Mayday Mayday (CD2)[56]
  • 2006 – Walkabout
  • 2006 – Walkabout (Edizione speciale)[57]
  • 2010 – El último primate
  • 2012 – Donde rugen los volcanes
  • 2014 – Rat race
  • 2019 – Hijo del corazon, singolo dalla colonna sonora del film remake Dumbo[25]
  • 2020 – Viene de largo
  • 2020 – Hey Boys, Girls. Colección definitiva[58]

Pubblicità[modifica | modifica wikitesto]

  • Pubblicità per la ONCE (1999) [59]
  • Campagna pubblicitaria dei 75 anni dell'impresa RENFE (2016) [60]
  • Pubblicità Euskaltel - El principio favorito (2016) [61]
  • Pubblicità del canale televisivo TEN (2016)[62]
  • Pubblicità del profumo Adolfo Domínguez ÚNICA (2017)[63]
  • Volto di Desigual (collezione autunno-inverno 2019 firmata Christian Lacroix)[64]
  • Pubblicità dei prodotti Chanel (Festival di Málaga 2018)[65]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Premio Goya
Anno Categoria Film Risultato
2019 Migliore attrice protagonista Chi canterà per te[66] Candidato/a
2002 Miglior canzone Guerreros[67] Candidato/a
2001 Migliore attrice non protagonista Lucía y el sexo[68] Candidato/a
2000 Miglior colonna sonora Asfalto[69] Candidato/a
1998 Migliore attrice protagonista Gli amanti del circolo polare[70] Candidato/a
Fotogrammi d'argento
Anno Categoria Film Risultato
2018 Miglior attrice cinematografica Chi canterà per te[71] Candidato/a
2018 Miglior attrice televisiva Vis a vis - Il prezzo del riscatto[71] Vincitore/trice
2016 Miglior attrice televisiva Vis a vis - Il prezzo del riscatto[72] Candidato/a
1998 Miglior attrice cinematografica Gli amanti del circolo polare[73] Candidato/a
Premi dell'Unione degli attori e delle attrici
Anno Categoria Film Risultato
2016 Migliore attrice protagonista televisiva Vis a vis - Il prezzo del riscatto[74] Candidato/a
2015 Migliore attrice protagonista televisiva Vis a vis - Il prezzo del riscatto[75] Candidato/a
2001 Migliore attrice secondaria Lucía y el sexo[75] Candidato/a
1998 Migliore attrice protagonista Gli amanti del circolo polare[75] Candidato/a
Medaglie del Circolo degli scrittori cinematografici
Anno Categoria Film Risultato
2019 Migliore attrice Chi canterà per te[76] Candidato/a
2007 Migliore attrice Mataharis[75] Candidato/a
Premio Ondas
Anno Categoria Film Risultato
2015 Migliore attrice femminile di serie tv nazionale Vis a vis - Il prezzo del riscatto

ex aequo con Maggie Civantos, Berta Vázquez, Alba Flores, Inma Cuevas e María Isabel Díaz Lago[77]

Vincitore/trice
1998 Migliore attrice Gli amanti del circolo polare[78]

Apri gli occhi[78]

Vincitore/trice
Premio Iris
Anno Categoria Film Risultato
2015 Migliore attrice femminile Vis a vis - Il prezzo del riscatto[79] Candidato/a
Premio Feroz
Anno Categoria Serie tv Risultato
2019 Migliore attrice protagonista in una serie Vis a vis - Il prezzo del riscatto[75] Candidato/a
2017 Migliore attrice protagonista in una serie Vis a vis - Il prezzo del riscatto[75] Candidato/a
Premio platino
Anno Categoria Serie tv Risultato
2019 Migliore attrice femminile in una miniserie o serie televisiva Vis a vis - Il prezzo del riscatto[80] Candidato/a
Semana Internacional de Cine de Valladolid
Anno Categoria Risultato
2019 Spiga d'onore[81] Vincitore/trice
Festival di Málaga del Cinema Spagnolo
Anno Categoria Film Risultato
2005 Biznaga d'argento: Miglior musica 20 centimetri[82] Vincitore/trice
Festival Premiers Plans D'Angers
Anno Categoria Film Risultato
1995 Premio Jean Carmet Salto al vacío[83] Vincitore/trice
Premio Paramount Channel
Anno Categoria Film/Serie Risultato
2016 Miglior cattivo Vis a vis - Il prezzo del riscatto[84] Vincitore/trice
Festival di Ginevra
Anno Categoria Film Risultato
1995 Migliore attrice Salto al vacío[6] Vincitore/trice
Festival di Mosca
Anno Categoria Film Risultato
1995 Migliore attrice Salto al vacío[6] Vincitore/trice
Premio "El mundo" per il cinema basco
Anno Categoria Film Risultato
1995 Migliore attrice basca Salto al vacío[85] Vincitore/trice
Valencia Cinema Jove International Film Festival
Anno Categoria Film Risultato
1995 Migliore attrice Salto al vacío[86] Vincitore/trice
Toulouse Cinespaña Film Festival
Anno Categoria Film Risultato
2002 Migliore attrice Piedras[16] Vincitore/trice

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano delle opere in cui ha recitato, Najwa Nimri è stata doppiata da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c La Revista: najwa Nimri, su www.elmundo.es. URL consultato il 9 agosto 2020.
  2. ^ (ES) Antonio Diéguez, Najwa Nimri: "Mi familia es la única cristiana de Jordania", in El Mundo, Unidad Editorial, 7 giugno 2016. URL consultato il 4 febbraio 2019.
  3. ^ Biografía de Najwa Nimri. Quién es, vida, historia, bio resumida, su www.buscabiografias.com. URL consultato il 9 agosto 2020.
  4. ^ Gianmaria Cataldo, Najwa Nimri: 10 cose che non sai sull'attrice, su Cinefilos.it, 12 maggio 2020. URL consultato il 9 agosto 2020.
  5. ^ Laboratorio William Layton, su www.laytonlaboratorio.com. URL consultato il 9 agosto 2020.
  6. ^ a b c d e f g h i j (ES) Nimri Urrutikoetxea, Najwa - Auñamendi Eusko Entziklopedia, su aunamendi.eusko-ikaskuntza.eus. URL consultato il 9 agosto 2020.
  7. ^ (ES) Najwa, su Subterfuge Records. URL consultato il 9 agosto 2020.
  8. ^ Content Personalidad, su www.cinearchivo.net. URL consultato il 9 agosto 2020.
  9. ^ Cine Archivo // Ficha Personalidad, su www.cinearchivo.net. URL consultato il 9 agosto 2020.
  10. ^ a b (ES) Aitziber Polo, Análisis de la carrera de Najwa Nimri, su El Palomitrón, 11 luglio 2019. URL consultato il 9 agosto 2020.
  11. ^ (ES) Salto al vacío, su Dirección General de Cultura - Institución Príncipe de Viana. URL consultato il 9 agosto 2020.
  12. ^ No Blood - Najwa Nimri Tracklist, Copertina, Canzoni. URL consultato il 9 agosto 2020.
  13. ^ (ES) LAURA G. TORRES, Najwajean, como si nunca se hubiera ido, su RTVE.es, 30 luglio 2015. URL consultato il 9 agosto 2020.
  14. ^ Asfalto » Premios Goya 2020, su www.premiosgoya.com. URL consultato il 9 agosto 2020.
  15. ^ 7 curiosità su Najwa Nimri, la dirompente protagonista di Vis a Vis e La Casa de Papel, su Hall of Series, 25 aprile 2020. URL consultato il 9 agosto 2020.
  16. ^ a b Pioggia di violette sul cinema spagnolo, su Cineuropa - il meglio del cinema europeo. URL consultato il 9 agosto 2020.
  17. ^ Rockol com s.r.l, √ Biografia di Najwa | Le ultime news, concerti e testi, su Rockol. URL consultato il 9 agosto 2020.
  18. ^ repubblica.it, Utopia (2003), su trovacinema.repubblica.it. URL consultato il 9 agosto 2020.
  19. ^ (ES) Utopía (2003) Película - PLAY Cine, su abc, 28 marzo 2017. URL consultato il 9 agosto 2020.
  20. ^ Najwa - Walkabout, su Discogs. URL consultato il 9 agosto 2020.
  21. ^ (ES) Larazón es | La RazónÚltima actualización:11-02-2014 | 08:41 H/Creada:11-02-2014 | 08:41 H, Desnudo integral de Najwa Nimri en «Interviú», su La Razón, 11 febbraio 2014. URL consultato il 9 agosto 2020.
  22. ^ (ES) Najwajean En Concierto, su Circo Price. URL consultato il 9 agosto 2020.
  23. ^ a b (ES) DRAC PACK, su Madrid Es Teatro. URL consultato il 9 agosto 2020.
  24. ^ Quién te cantará » Premios Goya 2020, su www.premiosgoya.com. URL consultato il 9 agosto 2020.
  25. ^ a b Najwa canta "Hijo del corazón" nel remake di Dumbo, su popelera.net.
  26. ^ (ES) 20minutos, Najwa Nimri pondrá su voz a Kate Laswell en el videojuego 'Call of Duty: Modern Warfare', su www.20minutos.es - Últimas Noticias, 21 ottobre 2019. URL consultato il 9 agosto 2020.
  27. ^ Vis a Vis diventa un audiolibro con le voci di Maggie Civantos e Najwa Nimri, su Optimagazine: ultime news, video e notizie italiane e dal mondo, 2 ottobre 2020. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  28. ^ a b www.amazon.com, https://www.amazon.com/Vis-cara-Locked-Up-B-Side/dp/B08K3L93R2. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  29. ^ a b Collezione Emporio Armani Uomo e Donna Primavera Estate 2021, su emporioarmani-buildingdialogues.com. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  30. ^ (ES) Salto al vacío, in Wikipedia, la enciclopedia libre, 25 aprile 2020. URL consultato il 9 agosto 2020.
  31. ^ Pasajes. URL consultato il 9 agosto 2020.
  32. ^ The Citizen. URL consultato il 9 agosto 2020.
  33. ^ Asfalto. URL consultato il 9 agosto 2020.
  34. ^ (EN) Fausto 5.0, in Wikipedia, 25 maggio 2020. URL consultato il 9 agosto 2020.
  35. ^ A + (Amas). URL consultato il 9 agosto 2020.
  36. ^ Trastorno. URL consultato il 9 agosto 2020.
  37. ^ Even the Rain (2010) - IMDb. URL consultato il 9 agosto 2020.
  38. ^ MYmovies.it, Chi Canterà per Te, su MYmovies.it. URL consultato il 9 agosto 2020.
  39. ^ 9'8m/s². URL consultato il 9 agosto 2020.
  40. ^ Kimuak, su www.kimuak.com. URL consultato il 9 agosto 2020.
  41. ^ La reina del bar Canalla. URL consultato il 9 agosto 2020.
  42. ^ Sexo en el plató. URL consultato il 9 agosto 2020.
  43. ^ ionehernandez.com - ionehernandez Resources and Information., su www.ionehernandez.com. URL consultato il 9 agosto 2020.
  44. ^ ione hernandez, Inseparable de ti, 7 dicembre 2011. URL consultato il 9 agosto 2020.
  45. ^ (ES) Desireé Rodríguez, VÍDEO| El corto de una directora canaria se viraliza en el "Día de la Madre", su Cadena SER, 7 maggio 2018. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  46. ^ La octava dimensión. URL consultato il 9 agosto 2020.
  47. ^ (ES) HOLA. BIMBA Y LOLA, su Bimba y Lola. URL consultato il 5 dicembre 2020.
  48. ^ (ES) Teatro Español C/Príncipe, 25 Madrid Naves del Español Paseo de la Chopera, Madrid, Antígona, su Teatro Español. URL consultato il 9 agosto 2020.
  49. ^ (ES) 2ice, Respect - Hermanos De Color, su SoulSpain.com - Soul | Funk | RnB | Espana | Spain. URL consultato il 9 agosto 2020.
  50. ^ (ES) Respect, garrafas de soul – Hermanos de color – Najwa Nimri | Cuestionario: Mikel Erentxun, astro celtibérico | The The – Dusk | El Correo de Andalucía | 26 mar 1993, su perezventana.es. URL consultato il 9 agosto 2020.
  51. ^ Various - ChillOut Sessions, su Discogs. URL consultato il 9 agosto 2020.
  52. ^ NajwaJean - 10 Years After, su Discogs. URL consultato il 9 agosto 2020.
  53. ^ (ES) Najwajean, in Wikipedia, la enciclopedia libre, 11 giugno 2020. URL consultato il 9 agosto 2020.
  54. ^ NajwaJean - Bonzo, su Discogs. URL consultato il 9 agosto 2020.
  55. ^ Najwa - Carefully (Edición Especial), su Discogs. URL consultato il 9 agosto 2020.
  56. ^ Najwa - Mayday Special Edition, su Discogs. URL consultato il 9 agosto 2020.
  57. ^ Najwa - Walkabout, su Discogs. URL consultato il 9 agosto 2020.
  58. ^ (ES) Najwa Nimri estrena 'Hey boys, girls', su colección musical definitiva, su lavozcultural.com, 3 aprile 2020. URL consultato il 9 agosto 2020.
  59. ^ Najwa Nimri - Anuncio de la ONCE 1999 "Gánate una vida", su youtube.com.
  60. ^ (ES) Redaccion MDC, Renfe cumple 75 años y lo celebra con una preciosa campaña #TuTiempoTuTren, su MDC - Más de Cultura. URL consultato il 9 agosto 2020.
  61. ^ (EN) LatinSpots.com, El principio favorito de Najwa Nimri - Euskaltel España, su Latinspots.com. URL consultato il 9 agosto 2020.
  62. ^ (ES) Sergio López Merillas, Najwa Nimri pondrá la voz a TEN, el nuevo canal del Grupo Secuoya, su elperiodico, 14 aprile 2016. URL consultato il 9 agosto 2020.
  63. ^ #nosoyperfectasoyunica, su www.adolfodominguez.com. URL consultato il 9 agosto 2020.
  64. ^ Redazione Nerospinto, Desigual: la nuova collezione ha il volto di Najwa Nimri, su www.nerospinto.it. URL consultato il 9 agosto 2020.
  65. ^ (ES) Maquillaje de día, su InStyle, 19 aprile 2018. URL consultato il 9 agosto 2020.
  66. ^ Quién te cantará » Premios Goya 2020, su www.premiosgoya.com. URL consultato il 9 agosto 2020.
  67. ^ Guerreros » Premios Goya 2020, su www.premiosgoya.com. URL consultato il 9 agosto 2020.
  68. ^ Lucía y el sexo » Premios Goya 2020, su www.premiosgoya.com. URL consultato il 9 agosto 2020.
  69. ^ Asfalto » Premios Goya 2020, su www.premiosgoya.com. URL consultato il 9 agosto 2020.
  70. ^ Los amantes del círculo polar » Premios Goya 2020, su www.premiosgoya.com. URL consultato il 9 agosto 2020.
  71. ^ a b (ES) Por Redacción, Fotogramas de Plata 2018: Najwa Nimri, Mejor Actriz de Televisión, su Fotogramas, 4 marzo 2019. URL consultato il 9 agosto 2020.
  72. ^ Vis a vis - IMDb. URL consultato il 9 agosto 2020.
  73. ^ (ES) Por Redacción, Fotogramas de Plata 2018: Najwa Nimri, Mejor Actriz de Televisión, su Fotogramas, 4 marzo 2019. URL consultato il 9 agosto 2020.
  74. ^ (ES) allwebber, 2016 Premios Unión de Actores y Actrices, su love for musicals, 18 marzo 2016. URL consultato il 9 agosto 2020.
  75. ^ a b c d e f (ES) Najwa Nimri, su A6CINEMA. URL consultato il 9 agosto 2020.
  76. ^ (ES) cinececblog, Nominados y algunos datos de las 74 Medallas del CEC, su CÍRCULO DE ESCRITORES CINEMATOGRÁFICOS, 14 gennaio 2019. URL consultato il 9 agosto 2020.
  77. ^ Premios Ondas, su www.premiosondas.com. URL consultato il 9 agosto 2020.
  78. ^ a b Premios Ondas, su www.premiosondas.com. URL consultato il 9 agosto 2020.
  79. ^ www.laopinioncoruna.es, https://www.laopinioncoruna.es/sociedad/2016/09/03/ministerio-tiempo-principe-vis-vis/1103205.html. URL consultato il 9 agosto 2020.
  80. ^ Premios PLATINO Xcaret. Noticias, su www.premiosplatino.com. URL consultato il 9 agosto 2020.
  81. ^ (ES) Las Espigas de Honor de la 64 Seminci reconocen el talento y el talante del cine español – Seminci, su seminci.es. URL consultato il 9 agosto 2020.
  82. ^ 8ª EDICIÓN MÁLAGA 2005 (PDF), su festivaldemalaga.com.
  83. ^ Angers European First Film Festival (1996), su IMDb. URL consultato il 9 agosto 2020.
  84. ^ (ES) Vis a vis llega al Reino Unido, su ELMUNDO, 5 aprile 2016. URL consultato il 9 agosto 2020.
  85. ^ La Revista: Vanidades, su www.elmundo.es. URL consultato il 9 agosto 2020.
  86. ^ (ES) Cinema Jove, Plaza de la Almoina 4, 1º, Valencia (2020), su www.eventyas.com. URL consultato il 9 agosto 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Larrañaga, Koldo; Calvo, Enrique: Lo vasco en el cine (las personas), Donostia-San Sebastián, Euskadiko Cinetegia/Cineteca Basca-Caja Vital Kutxa Fundazioa, 1999.
  • Roldán Larreta, Carlos: El cine del País Vasco: da Ama Lur (1968) a Airbag (1997), Donostia, Eusko Ikaskuntza-Sociedad de Estudios Vascos, Ikusgaiak-Cuadernos de Cinematografía, núm. 3, 1999.
  • Roldán Larreta, Carlos: Los vascos y el séptimo arte. Dizionario enciclopedico dei registi baschi, Donostia-San Sebastián, Filmoteca Vasca-Euskadiko Filmategia, 2003.
  • Roldán Larreta, Carlos: Secundarios vascos de primera, Donostia-San Sebastián, Cineteca Basca-Euskadiko Filmategia, 2008.
  • Roldán Larreta, Carlos: Secundarios vascos de primera 2, Donostia-San Sebastián, Cineteca Basca-Euskadiko Filmategia, 2008.
  • Roldán Larreta, Carlos: Secundarios vascos de primera 3, Donostia-San Sebastián, Cineteca Basca-Euskadiko Filmategia, 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN15881971 · ISNI (EN0000 0003 6859 0695 · Europeana agent/base/78130 · LCCN (ENnr00039304 · GND (DE173654673 · BNF (FRcb150386002 (data) · BNE (ESXX1316271 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-nr00039304