Nagui

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nagui nel 2015

Nagui Fam, noto semplicemente come Nagui (Alessandria d'Egitto, 14 novembre 1961), è un conduttore televisivo, conduttore radiofonico e attore francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un greco-egiziano e di una franco-italiana aschenazita, entrambi insegnanti, Nagui nacque ad Alessandria d'Egitto e crebbe a Cannes[1] . Dopo gli studi universitari a Nizza, intraprese la professione di speaker radiofonico, dapprima per una radio pirata[2] e successivamente per Radio France.

Negli anni ottanta debuttò in televisione conducendo dei programmi per TMC e M6[3][4]. La grande visibilità giunse tuttavia negli anni novanta, quando prima per La Cinq e poi per France 2 condusse il quiz Que le meilleur gagne, che venne poi trasposto anche in due versioni italiane, suscitando molte polemiche[5][6][7]. La popolarità della trasmissione lo portò a vincere tre 7 d'or consecutivi fra il 1993 e il 1995[1].

Nel 1993 fondò una società di produzione, Air Productions, con la quale cominciò a produrre i propri show: il primo fu il programma musicale Taratata, anch'esso vincitore di due 7 d'or[1]. Sullo stesso canale, France 2, portò N'oubliez pas votre brosse à dents, la versione francese di un format britannico che in Italia verrà adattato col titolo Non dimenticate lo spazzolino da denti[8][9][10]. Lo show ottenne grandissimi risultati in termini d'ascolto ma si attirò numerose critiche per via dello stile provocatorio e dissacrante; ad esempio fu oggetto di discussione il fatto che il microfono con il quale Nagui intervistasse il pubblico avesse la forma di una pistola[11].

Fra il 1996 e il 2001 lavorò per TF1 e Canal +, poi tornò a France 2 dove sperimentò nuovi quiz fra i quali Intervilles, ispirato alla trasmissione italiana Campanile sera[12]. A partire dal 2004 conduce annualmente la maratona benefica di Telethon. Oltre a ciò ha lanciato vari game show fra i quali si ricordano i quiz Tout le monde veut prendre sa place e N'oubliez pas les paroles !, versione francese dello show Don't Forget the Lyrics!. Oltre a ciò Nagui ha presentato nel corso degli anni numerose edizioni dei Victoires de la musique e occasionalmente ha recitato al cinema come attore, ad esempio nella pellicola Une femme très très très amoureuse.

Nagui è spesso comparso ai primi posti nelle classifiche dei conduttori più amati dal pubblico francese[13][14].

Sposato con l'attrice Mélanie Page[15], dalla quale ha avuto tre figli[16], Nagui è padre di un'altra ragazza avuta da una precedente relazione con la collega Marine Vignes[17].

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordre des Arts et des Lettres - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordre des Arts et des Lettres
— 2011[18]
Cavaliere dell'ordre national du Mérite - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'ordre national du Mérite
— 2014[19]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (FR) Biographie, nrj fr. URL consultato il 23 luglio 2015.
  2. ^ (FR) Présentation, France 2. URL consultato il 23 luglio 2015.
  3. ^ (FR) Nagui, Toutelatele. URL consultato il 23 luglio 2015.
  4. ^ (FR) Nagui, 36 ans, anime «Tous en jeu» sur TFI, et risque, faute d'audience, le hors-jeu. Moi jeu., Libération. URL consultato il 23 luglio 2015.
  5. ^ Chiamalo Gerry sara' il tuo "peluche", Corriere della Sera. URL consultato il 23 luglio 2015.
  6. ^ Chiamalo Gerry sara' il tuo "peluche", Corriere della Sera. URL consultato il 23 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il ).
  7. ^ " Berlusconi copia, e allora paghi!", Corriere della Sera. URL consultato il 23 luglio 2015.
  8. ^ E' francese lo spazzolino da denti di Fiorello, Corriere della Sera. URL consultato il 23 luglio 2015.
  9. ^ E' francese lo spazzolino da denti di Fiorello, Corriere della Sera. URL consultato il 23 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il ).
  10. ^ I Cervelloni ne sanno più di Fiorello, Corriere della Sera. URL consultato il 23 luglio 2015.
  11. ^ (FR) N’oubliez pas votre brosse à dents, Toutelatele. URL consultato il 23 luglio 2015.
  12. ^ (FR) Cinq jeux télé bien de chez nous, Télérama. URL consultato il 23 luglio 2015.
  13. ^ (FR) Le TVScope de Janvier 2011 Laurent Delahousse rejoint Nagui et Harry Roselmack. Marie Drucker et Yves Calvi remontent., TvMag. URL consultato il 23 luglio 2015.
  14. ^ (FR) Télé: les Français votent Nagui, Le Parisien. URL consultato il 23 luglio 2015.
  15. ^ (FR) Nagui, un homme marié, Paris Match. URL consultato il 23 luglio 2015.
  16. ^ (FR) "Je suis un peu un boulet" pour Mélanie, Paris Match. URL consultato il 23 luglio 2015.
  17. ^ (FR) Nagui, Gala.fr. URL consultato il 23 luglio 2015.
  18. ^ (FR) Nagui fait Chevalier des Arts et des Lettres par Frédéric Mitterand, jeanmarcmorandini.com. URL consultato il 23 luglio 2015.
  19. ^ (FR) Décret du 13 novembre 2014 portant promotion et nomination, legifrance. URL consultato il 23 luglio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Nagui, su Internet Movie Database, IMDb.com. Modifica su Wikidata