Nadir Tedeschi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nadir Tedeschi

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature VII e IX Legislatura
Gruppo
parlamentare
Democrazia Cristiana
Collegio Milano
Incarichi parlamentari
  • Componente della XIII Commissione (Lavoro e Previdenza Sociale) dal 5 luglio 1976 al 19 giugno 1979 e dal 12 luglio 1983 al 24 settembre 1985
  • Vicepresidente della Commissione Parlamentare per la ristrutturazione e riconversione industriale e per i programmi delle partecipazioni statali dal 27 gennaio 1987 al 1º luglio 1987
  • Componente della VII Commissione (Difesa) dal 27 settembre 1983 al 25 settembre 1985
  • Componente della XII Commissione (Industria e Commercio) dal 25 settembre 1985 al 1º luglio 1987
  • Componente della Commissione Parlamentare per la ristrutturazione e riconversione industriale e per i programmi delle partecipazioni statali dal 10 dicembre 1986 al 1º luglio 1987
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana
Titolo di studio Licenza media superiore
Professione Dirigente d'azienda

Nadir Tedeschi (Badia Polesine, 11 agosto 1930) è un politico italiano.

Vittima del terrorismo, il 1º aprile 1980 è stato gambizzato dalle Brigate Rosse della colonna Walter Alasia durante una incursione presso la sede alla Democrazia Cristiana in Via Mottarone 5 a Milano. Insieme a lui vennero feriti Eros Robbiani, Antonio Iosa e Emilio De Buono.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nadir Tedeschi è stato deputato della Democrazia Cristiana dal 1976, ha svolto attività legislativa come relatore e correlatore delle leggi di formazione professionale, part-time e riforma sanitaria. È stato membro delle commissioni parlamentari Lavoro, industria, Difesa e vice presidente della Bicamerale per le Partecipazioni Statali. Dirigente della DC provinciale e nazionale, è stato Segretario della DC milanese. Rieletto deputato nel 1983, è rimasto alla Camera fino al 1987.

Interno della sezione DC di via Mottarone (Milano) dopo l'attacco brigatista

Medaglia d'oro come vittima del terrorismo del Presidente della Repubblica, consegnata a Milano il 9 maggio 2010,[1] ha pubblicato il libro "Dialogo sull'Italia degli anni di piombo. Intervista sul terrorismo" pubblicato dalla figlia Francesca nel marzo 2011. Il libro è stato ricordato dal presidente Giorgio Napolitano durante il suo intervento in occasione della giornata della memoria, il 9 maggio 2011[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sei medaglie d'oro del Quirinale per le vittime del terrorismo, milano.corriere.it, 5 maggio 2010. URL consultato il 24 aprile 2011.
  2. ^ Intervento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in occasione della celebrazione del Giorno della Memoria, quirinale.it. URL consultato il 9 maggio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN16037009 · ISNI (EN0000 0003 8556 4341 · LCCN (ENn78095172 · WorldCat Identities (ENn78-095172