Nadia Kibout

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Nadia Kibout (Saint-Étienne, 29 giugno 1972) è un'attrice francese, attiva soprattutto in Italia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nadia Kibout nasce a Saint-Étienne da genitori algerini e frequenta diverse scuole di recitazione e laboratori teatrali in Francia, in Italia e negli Stati Uniti.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Lavora in teatro negli spettacoli Semi d'acciaio con Paola Pitagora e Massimo Wertmüller[1][2], Il dubbio con Stefano Accorsi per la regia di Sergio Castellitto[3][4], Una tigre del Bengala allo zoo di Baghdad per la regia di Luca Barbareschi[5], Eneide per la regia di Matteo Tarasco[6] ed interpreta il monologo Lampedusa Beach per la regia di Lina Prosa.[7][8][9]

Recita nel film tv Una casa nel cuore e in molte serie televisive come La moglie cinese, La squadra, Intelligence - Servizi & segreti, Sposami e Nero a metà, Vita da Carlo.

Al cinema prende parte ai film Balletto di guerra di Mario Rellini, Il mercante di stoffe di Antonio Baiocco, Per Sofia di Ilaria Paganelli, Sotto una buona stella di Carlo Verdone, Ameluk di Mimmo Mancini, ed è diretta da Lorenzo Sepalone nei cortometraggi La Luna è sveglia, Ieri e Domani e Insieme.

Nel 2016 esordisce alla regia con il corto Le ali velate, di cui è anche attrice protagonista, in concorso per i David di Donatello, in lizza o vincitore di vari premi in altri concorsi, fra cui il Lucania Film Festival[10][11][12][13][14]. Nel 2018 l'Asti Film Festival le conferisce il premio di migliore attrice per il corto La pace dannata.[14]

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

È tra i fondatori e prinicipali attivisti insieme a Esther Elisha, Ira Fronten, Tezeta Abraham di Collettivo N, una nuova realtà artistica e culturale che vede al suo interno professionisti di origine africana – ma non solo – attivi nel campo audiovisivo, le cui istanze e i lavori hanno avuto rappresentanza e dignità di presentazione sia durante il Festival del cinema di Venezia[15][9] che presso la Festa del Cinema di Roma.[16]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Regia[modifica | modifica wikitesto]

  • Le ali velate - cortometraggio (2016)

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teatro: Paola Pitagora in 'Semi d'acciaio', in scena il tema delle mine anti uomo, su Adnkronos. URL consultato il 28 novembre 2021.
  2. ^ "Semi d’acciaio" di Leonardo Petrillo, Giancarlo Brancale, Angela Di Noto, su NonSoloCinema, 16 marzo 2010. URL consultato il 2 dicembre 2021.
  3. ^ Rita Sala, DUBBIO (IL) - regia Sergio Castellitto, su www.sipario.it, 24 gennaio 2009. URL consultato il 28 novembre 2021.
  4. ^ Ugo Ronfani, Lascia qualche "dubbio" la pedofilia nella chiesa Usa, in Hystrio n. 2.2008 di aprile-giugno, 1º aprile 2008, p. 89.
  5. ^ Una tigre del Bengala allo zoo di Baghdad, su Men's Health, 11 ottobre 2015. URL consultato il 28 novembre 2021.
  6. ^ Teatro: martedì a Roma va in scena 'Eneide', regia di Matteo Tarasco, su Adnkronos, 1º novembre 2014. URL consultato il 2 dicembre 2021.
  7. ^ Genova, i colori del Suq, al via la 21esima edizione del festival, su la Repubblica, 16 giugno 2019. URL consultato il 28 novembre 2021.
  8. ^ Lampedusa beach di Nadia Kibout - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it, 18 settembre 2018. URL consultato il 28 novembre 2021.
  9. ^ a b Massimo Andreozzi, Il Collettivo N al Festival di Venezia: «basta stereotipi nel cinema», su Corriere della Sera - Blog, 4 settembre 2018. URL consultato il 28 novembre 2021.
  10. ^ LE ALI VELATE - cortometraggi IN CONCORSO 2017, su Accademia del Cinema Italiano - Premi David di Donatello. URL consultato il 28 novembre 2021.
  11. ^ Festival e premi: Le Ali Velate (2017), su CinemaItaliano.info. URL consultato il 28 novembre 2021.
  12. ^ "Le Ali Velate", il primo corto diretto dall'attrice Nadia Kibout, su CinemaItaliano.info, 7 aprile 2016. URL consultato il 28 novembre 2021.
  13. ^ Serata finale di “CortiSonanti” al Maschio Angioino, su la Repubblica, 18 novembre 2017. URL consultato il 28 novembre 2021.
  14. ^ a b La Pace Dannata, su Kinedimorae. URL consultato il 29 novembre 2021.
    «Miglior Attrice, Nadia Kibout – Lucania Film Festival 2018. Miglior Attrice, Nadia Kibout – Asti Film Festival».
  15. ^ Il Collettivo N, per un cinema inclusivo, su Avanguardie Migranti, 4 settembre 2018. URL consultato il 29 novembre 2021.
  16. ^ Maria Flaminia Zacchilli, Collettivo N, nuove prospettive nel linguaggio cinematografico, su TABLET, 30 ottobre 2019. URL consultato il 29 novembre 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]