Nacer Khemir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nacer Khemir nel 2007.

Nacer Khemir (arabo: الناصر خمير) (Korba, 1º aprile 1948) è un regista, sceneggiatore, poeta, scrittore, pittore e scultore tunisino.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Fin da piccolo, Khemir è stato affascinato dalla cultura classica araba e dai racconti arabi, in particolare è stato influenzato da Le mille e una notte.[1] Ha iniziato la carriera come pittore, scultore e scrittore, proseguendo comunque questo percorso nel corso degli anni. Le sue opere sono state esposte al Centro Georges Pompidou e alla Fiera del Libro di Montreuil (Senna-Saint-Denis).[2]

Nel 1966 gli è stata rilasciata una borsa di studio dall'Unesco per studiare cinema a Parigi. Nel 1975 completa il suo primo film documentario L'Histoire du pays du Bon Dieu, girato nella sua città natale, utilizzando le tematiche del deserto e le sfumature spirituali che avrebbero poi avuto rilievo nelle sue opere successive.[3]

Nel 1982 e nel 1988 ha raccontato Le mille e una notte al Théâtre National de Chotaill.[2]

Nel 1984 uscì il suo primo film della cosiddetta Trilogia del Deserto, I figli delle mille e una notte, ricevendo riconoscimenti internazionali, come il premio Grand Prix al Festival des 3 Continents.[4] Il secondo film La collana perduta della colomba, uscì nel 1991 e ricevette, tra gli altri, il Premio speciale della giuria al Festival del film Locarno.[5] Nel 2005 uscì il terzo film della trilogia, Bab'Aziz, presentato fuori concorso al 23° Torino Film Festival.[6]

Ha pubblicato diversi libri, tra cui alcuni per bambini, e ha lavorato anche per le TV svizzere, francesi e tunisine.[7]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Conteur d'Orient, hebdo.ahram.org.eg. URL consultato il 12 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2011).
  2. ^ a b (FR) Nacer Khemir - Biografia, cinematunisien.com. URL consultato il 12 luglio 2013.
  3. ^ (FR) L'Histoire du pays du Bon Dieu, trigon-film.org. URL consultato il 12 luglio 2013.
  4. ^ (FR) Les baliseurs du désert, maghrebdesfilms.fr. URL consultato il 12 luglio 2013.
  5. ^ Bab'Aziz, Torino Film Festival. URL consultato il 12 luglio 2013.
  6. ^ 23° Torino Film Festival - Fuori Concorso, Torino Film Festival. URL consultato il 12 luglio 2013.
  7. ^ (FR) Nacer Khemir: Orphan of civilisation, weekly.ahram.org.eg. URL consultato il 12 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2011).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN86726925 · ISNI (EN0000 0001 1476 8617 · LCCN (ENn82222718 · BNF (FRcb119097030 (data) · WorldCat Identities (ENn82-222718