Eolo (azienda)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da NGI (azienda))
Eolo
Logo
Stato Italia Italia
Forma societaria Società per azioni
Fondazione dicembre 1998 a Varese
Fondata da Luca Spada
Sede principale Busto Arsizio (VA)
Settore telecomunicazioni
Prodotti
Fatturato 43,7 mln euro (2015)
Dipendenti 192 (2015)
Slogan «Internet ultraveloce»
Sito web

Eolo SpA è un Internet Service Provider italiano.

La sua nascita (come NGI nel 1998) è legata al mondo dei videogiochi online. Attualmente il suo core business è il servizio di connettività wireless Eolo. Altri servizi offerti sono la connettività ADSL e HDSL (Formula) e i servizi di Virtual Machine (Virtuo).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

NGI nasce nel dicembre del 1998 a Varese, provincia in cui resta particolarmente attiva,[1] con l'obiettivo di diventare il principale portale italiano dedicato ai videogiochi.[2] In quegli anni, infatti, cominciava a diffondersi anche in Italia la cultura del giocare online, ovvero utilizzando una connessione ad internet. Oltre a favorire l'utilizzo dei videogiochi via internet, nel 2000 NGI porta in Italia anche i primi campionati italiani di gaming on line[senza fonte], denominati inizialmente ILP: Italian Lan Party e in seguito NGI.LAN.

Nel 2006 il fondatore dell'azienda, Luca Spada, crea un servizio di accesso a internet a banda larga wireless che, a partire dall'anno successivo, verrà commercializzato col brand Eolo. Il servizio, nel 2017, è disponibile in 13 regioni italiane: Abruzzo, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Umbria, Marche, Piemonte, Toscana, Trentino Alto Adige, Valle D'Aosta e Veneto[3] .

Nel 2016, NGI cambia nome in Eolo SpA[4][5], società a capitale interamente italiano. I suoi azionisti sono, infatti, il fondatore Luca Spada (per il 55%) e il Gruppo Elmec (per il restante 45%)[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il vento di Eolo fa decollare i giovani, laprovinciadivarese.it, 13 settembre 2015.
  2. ^ NGI propone la banda ultra larga via wireless con EOLO30 Plus, hwupgrade.it, 17 novembre 2014.
  3. ^ Copertura Eolo, eolo.it.
  4. ^ Dopo 17 anni Ngi diventa Eolo spa, varesenews.it, 01 aprile 2016.
  5. ^ corrierecomunicazioni.it, 2016, http://www.corrierecomunicazioni.it/tlc/41075_ngi-diventa-eolo-corporate-e-commerciale-un-unico-marchio.htm .
  6. ^ Chi Siamo | EOLO, su EOLO. URL consultato il 12 aprile 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]