NGC 5566

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
NGC 5566
Galassia a spirale barrata
Foto di NCG 5566 scattata dal telescopio Hubble (HST)
Foto di NCG 5566 scattata dal telescopio Hubble (HST)
Scoperta
ScopritoreWilliam Herschel
Anno1786
Dati osservativi
(epoca J2000.0)
CostellazioneVergine
Ascensione retta14h 20m 19,95s
Declinazione+03° 56′ 00,9″
Distanza65 milioni a.l.  
Caratteristiche fisiche
TipoGalassia a spirale barrata
Mappa di localizzazione
NGC 5566
Virgo IAU.svg
Categoria di galassie a spirale barrata

Coordinate: Carta celeste 14h 20m 19.95s, +03° 56′ 00.9″

NGC 5566 è una galassia a spirale barrata nella costellazione della Vergine. Si trova a circa 65 milioni di anni luce dalla Terra ed è la galassia più grande della costellazione della Vergine, con un diametro di circa 150 000 a.l..[1] La galassia NGC 5566 venne scoperta il 30 aprile 1786 dall'astronomo anglo-tedesco William Herschel.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) C. J. Lada, N. D. Kylafits, The Origin of Stars and Planetary Systems, Kluwer Academic Publishers, 1999, ISBN 0-7923-5909-7.
  • A. De Blasi, Le stelle: nascita, evoluzione e morte, Bologna, CLUEB, 2002, ISBN 88-491-1832-5.

Carte celesti[modifica | modifica wikitesto]

  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0 - Volume I & II, Richmond, Virginia, USA, Willmann-Bell, inc., 1987, ISBN 0-943396-15-8.
  • Tirion, Sinnott, Sky Atlas 2000.0 - Second Edition, Cambridge, USA, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-933346-90-5.
  • Tirion, The Cambridge Star Atlas 2000.0, 3ª ed., Cambridge, USA, Cambridge University Press, 2001, ISBN 0-521-80084-6.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Orion Nebula - Hubble 2006 mosaic 18000.jpg    New General Catalogue:    NGC 5564  •  NGC 5565  •  NGC 5566  •  NGC 5567  •  NGC 5568   
Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari