NGC 2841

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
NGC 2841
Galassia a spirale
NGC 2841 ripresa dal Telescopio spaziale infrarosso Spitzer. L'immagine, in falsi colori, è la composizione di tre riprese nell'infrarosso alle lunghezze d'onda di 3,6 µm (corrispondente al blu nell'immagine), 5,8 µm (verde) e 8,0 µm (rosso).
NGC 2841 ripresa dal Telescopio spaziale infrarosso Spitzer. L'immagine, in falsi colori, è la composizione di tre riprese nell'infrarosso alle lunghezze d'onda di 3,6 µm (corrispondente al blu nell'immagine), 5,8 µm (verde) e 8,0 µm (rosso).
Scoperta
Scopritore William Herschel
Anno 1788
Dati osservativi
(epoca J2000.0)
Costellazione Orsa Maggiore
Ascensione retta 09h 22m 02,6s
Declinazione +50° 58′ 35″
Distanza 47.6 milioni[2] a.l.
(14,6 milioni pc)
Magnitudine apparente (V) 10,09[1]
Dimensione apparente (V) 8,1' × 3,5'[1]
Redshift 0,002128[3]
Angolo di posizione 147
Velocità radiale 638 ± 3[1] km/s
Caratteristiche fisiche
Tipo Galassia a spirale
Classe SA(r)b; LINER[1]
Dimensioni 112 100 × 48 400 a.l.
(34 300 × 14 800 pc)
Altre designazioni
UGC 4966, PGC 26512
Mappa di localizzazione
NGC 2841
Ursa Major IAU.svg
Categoria di galassie a spirale

Coordinate: Carta celeste 09h 22m 02.6s, +50° 58′ 35″

NGC 2841 è una galassia a spirale visibile nella costellazione dell'Orsa Maggiore. Fu scoperta da William Herschel nel 1788. Può essere intravista con un telescopio con apertura pari o superiore ai 150 mm.

Si riteneva che la galassia NGC 2841 si trovasse a circa 11,1 Mpc[1] (36 milioni di anni luce). Uno studio effettuato nel 2001 dal Telescopio spaziale Hubble sulle variabili Cefeidi della galassia ha permesso di ottenere una stima più accurata della distanza: 14,1 ± 1,5 Mpc (circa 46 milioni di anni luce)[4]. Una nuova stima della distanza, più precisa, è stata ottenuta nel 2013 utilizzando una supernova di tipo Ia esplosa nel 1999, portando il valore a 14,6 ± 0,07 Mpc [2]. Data la dimensione angolare apparente, la galassia ha un diametro di almeno 112.000 anni luce, leggermente superiore a quello della Via Lattea, ma le stime superiori (ottenute con diametri angolari meno restrittivi) la pongono a circa 150.000 anni luce, quindi più simile alla Galassia di Andromeda[5][1].

La galassia NGC 2841 è il prototipo delle cosiddette "galassie flocculenti", ossia galassie i cui bracci a spirale sono brevi e frammentati; in particolare quelli della galassia NGC 2841 ospitano molte stelle giovani e calde, con un basso tasso di formazione stellare[6].

È una galassia di 10a magnitudine classificata SA(r)b,[1] ovvero una galassia spirale (SA) con un anello centrale (r) in cui il contributo del nucleo e del disco si equivalgono (b). Inoltre NGC 2841 è classificata come galassia LINER, ovvero una galassia che presenta una bassa ionizzazione rispetto alle galassie "normali" nella regione nucleare.

In NGC 2841 sono state scoperte tre supernove: SN 1912A, SN 1957A e SN 1999by, queste ultime due classificate di tipo I.[7][1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h NASA/IPAC Extragalactic Database: risultato per NGC 2841, nedwww.ipac.caltech.edu. URL consultato il 16 marzo 2017.
  2. ^ a b R. Brent Tully, Hélène M. Courtois, Andrew E. Dolphin, J. Richard Fisher, Philippe Héraudeau, Bradley A. Jacobs, Igor D. Karachentsev, Dmitry Makarov, Lidia Makarova, Sofia Mitronova, COSMICFLOWS-2: THE DATA, in Astronomical Journal, vol. 146, nº 4, settembre 2013, DOI:10.1088/0004-6256/146/4/86.
  3. ^ De Vaucouleurs, G. H., De Vaucouleurs, A., Corwin, G. H., Buta, R. J., Patural, G., Fouque, P., collaboratore De Vaucouleurs G. H., Third Reference Catalogue of Bright Galaxies, Springer Verlag, 1991. ISBN 0-387-97551-9, ISBN 978-0-387-97551-1
  4. ^ Macri, L. M.; Stetson, P. B.; Bothun, G. D.; Freedman, W. L.; Garnavich, P. M.; Jha, S.; Madore, B. F.; Richmond, M. W., The Discovery of Cepheids and a New Distance to NGC 2841 Using the Hubble Space Telescope, in Astrophysical Journal, vol. 559, nº 1, University of Chicago Press, settembre 2001, pp. 243–259, Bibcode:2001ApJ...559..243M, DOI:10.1086/322395, ISSN 0004-637X.
  5. ^ Massive Nearby Spiral Galaxy NGC 2841, apod.nasa.gov. URL consultato il 16 marzo 2017.
  6. ^ Em(iliano) Ri(cci), «I bracci frammentati della galassia NGC 2841», Le Scienze n. 512 (aprile 2011), p. 37
  7. ^ R. Barbon, Cappellaro, E., Turatto, M., The Asiago Supernova Catalogue, in Astronomy and Astrophysics Supplement Series, vol. 81, 1989, pp. 421-443.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Orion Nebula - Hubble 2006 mosaic 18000.jpg    New General Catalogue:    NGC 2839  •  NGC 2840  •  NGC 2841  •  NGC 2842  •  NGC 2843   
Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari