NGC 1514

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
NGC 1514
Nebulosa planetaria
NGC1514.jpg
La nebulosa planetaria NGC 1514
Scoperta
ScopritoreWilliam Herschel
Data1790
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneToro
Ascensione retta04h 09m 16,984s
Declinazione+30° 46′ 33,47″
Distanza600 a.l.
(184 pc)
Magnitudine apparente (V)9,43
Dimensione apparente (V)2′,2
Caratteristiche fisiche
TipoNebulosa planetaria
Caratteristiche rilevantiLa stella centrale è binaria
Altre designazioni
PK 165-15.1
Mappa di localizzazione
NGC 1514
Taurus IAU.svg
Categoria di nebulose planetarie

Coordinate: Carta celeste 04h 09m 16.984s, +30° 46′ 33.47″

NGC 1514 (Liverpool Telescope, La Palma)

NGC 1514 è una nebulosa planetaria situata nella costellazione del Toro, scoperta il 13 novembre 1790 da William Herschel, che la descrisse come "un fenomeno assai singolare".[1] Infatti, l'astronomo inglese rimase stupefatto nel constatare come, a dispetto di altre nebulose, che sembravano essere costituite da un gran numero di stelle, difficili da risolvere con le strumentazioni dell'epoca, tale oggetto fosse costituito da una singola stella "corcondata da un'atmosfera debolmente luminosa".[1][2]

La stella posta al centro della nebulosa differisce da quelle che si trovano al centro di simili oggetti: molto brillante (magnitudine apparente +9,3), mostra uno spettro tipico delle stelle di classe O commisto con le caratteristiche dello spettro di una stella di tipo A0 III;[3] la particolare geometria della nebulosa induce a ritenere che si tratti di una stella binaria, il cui periodo di rivoluzione si aggira attorno ai 10 giorni.[3]

Le fotografie, scattate dall'astronomo Luboš Kohoutek nel 1968, mostravano, all'interno della nebulosa, delle concentrazioni luminose quasi simmetriche disposte secondo un asse nordovest-sudest; si ritiene che tali addensamenti siano dovuti a dei flussi molecolari in uscita presumibilmente dai poli della stella più massiccia del sistema, la quale possedeva una massa 4,5 volte quella del Sole.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b William Herschel, On Nebulous Stars, Properly So Called, in Philosophical Transactions of the Royal Society of London, 10 febbraio 1791, pp. 71-88.
  2. ^ Michael A. Hoskin, William Herschel and the Construction of the Heavens, Londra, Oldbourne History of Science Library, 1963.
  3. ^ a b C. Muthu, B. G. Anandarao, A Spatiokinematic Study of the Planetary Nebula NGC 1514, in Astronomical Journal, vol. 126, n. 6, dicembre 2003, pp. 2963-2970.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari