Myricaceae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Myricaceae
Myrica-gale-hunlig.JPG
Myrica gale, pianta femminile con frutti acerbi
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Eudicotiledoni centrali
(clade) Superrosidi
(clade) Rosidi
Ordine Fagales
Famiglia Myricaceae
Rich. ex Kunth, 1817
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Myricales
Famiglia Myricaceae
Sinonimi

Galeaceae Bubani

Generi

Myricaceae Rich. ex Kunth, 1817 è una famiglia di angiosperme eudicotiledoni appartenenti all'ordine Fagales.[1] Questa famiglia comprende tre generi, per un totale di una cinquantina di specie.[2] Le specie di questa famiglia sono presenti in quasi tutto il mondo ad eccezione dell'Australia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Le Myricaceae sono piante legnose ad albero o a cespuglio,[2] con portamento solitamente a forma di scudo. Sono piante sempreverdi o caducifoglie. Sono aromatiche e spesso contengono resina. Sono monoiche o dioiche. Le radici hanno noduli fissatori dell'azoto.[2] Le foglie sono alternate, sempreverdi o decidue. Sono disposte a spirale e sono suddivise in picciolo e lamina fogliare. Le lamine fogliari sono per lo più semplici e intere o raramente irregolarmente seghettate a lobi (pennatifide); solo il genere monotipico Comptonia presenta lamine fogliari molto arcuate. Le stipole sono generalmente assenti. L'infiorescenza è a spighe panicolate, ascellari, con piccoli fiori unisessuali, privi di perianzio, solitari nell'ascella di una brattea, con o senza bratteole. I fiori maschili hanno da 2 a 30 stami, filamenti molto corti, liberi o uniti, antere a due teche e con deiscenza longitudinale, pistilodio generalmente assente. I fiori femminili hanno un pistillo solitario e l'ovario con un solo loculo e con un solo ovulo;[2] lo stilo è corto con 2-3 rami e 2-3 stigmi. L'impollinazione è anemogama.

Il frutto è una drupa con endocarpo duro ed esocarpo spesso, che produce cera[3]. I semi quasi non contengono endosperma e l'embrione ha due cotiledoni molto carnosi, piano-convessi.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa famiglia è una famiglia subcosmopolita, distribuita nelle zone temperate, subtropicali e, nelle tropicali, principalmente nelle aree montagnose. La cera dei frutti è impiegata nella fabbricazione di candele[3].

Ecologia[modifica | modifica wikitesto]

Myrica gale, Illustrazione: piante e fiori maschili e femminili.
Comptonia peregrina: aspetto in autunno, con foglie molto arcuate.

Esiste una simbiosi radicale con batteri azoto-fissatori del genere Frankia.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1817, la famiglia Myricaceae fu descritta da Louis Claude Marie Richard nell'opera di Karl Sigismund Kunth Nova Genera et Species Plantarum[4]. Il genere tipo è Myrica[3]. Nel sistema Cronquist, questa famiglia era classificata in un ordine a sé, Myricales Engler, 1897,[5] mentre la classificazione APG oggi inserisce questa famiglia in Fagales.[1] Un sinonimo per Myricaceae Rich. ex Kunth è Galeaceae Bubani[6].

Le specie che erano state spostate al genere Morella sulla base della struttura dei frutti e dell'amento[7] ora sono nuovamente classificate all'interno del genere Myrica. Alla famiglia Myricaceae sono quindi assegnati tre generi:[2][6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) The Angiosperm Phylogeny Group, An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the ordines and families of flowering plants: APG IV, in Botanical Journal of the Linnean Society, vol. 181, n. 1, 2016, pp. 1–20.
  2. ^ a b c d e (EN) Myricaceae Rich. ex Kunth, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 17 gennaio 2021.
  3. ^ a b c Myricaceae, in Tropicos.org. Missouri Botanical Garden: Flora de Nicaragua. URL consultato il 21 aprile 2015.
  4. ^ Nova Genera et Species Plantarum, 4. edizione, volume 2, pag. 16.
  5. ^ *(EN) Cronquist A., The evolution and classification of flowering plants, Bronx, NY, New York Botanical Garden, 1988.
  6. ^ a b Scheda sulle Myricaceae Archiviato il 23 settembre 2012 in Internet Archive. in GRIN.
  7. ^ Carlos Parra-O., New combinations in South American Myricaceae, in Brittonia, vol. 54, n. 4, New York, The New York Botanical Garden, 2002, pp. 322-326.
  8. ^ (EN) Canacomyrica Guillaumin, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 17 gennaio 2021.
  9. ^ (EN) Comptonia L'Hér., su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 17 gennaio 2021.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Allan J. Bornstein : Myricaceae in Flora of North America, Volume 3, 1997: Online. (Sezione Descrizione e Sistematica)
  • (EN) Anmin Lu & Allan J. Bornstein: Myricaceae in Flora of China, Volume 4, 1999, pag. 275: Online. (Sezione Descrizione e Sistematica)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica