Mychajlo Bondarenko

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mychajlo Bondarenko
Bondarenko M.jpg

Presidente del Consiglio dei Commissari del Popolo della Repubblica socialista sovietica ucraina
Durata mandato 30 agosto 1937 –
13 ottobre 1937
Predecessore Panas Ljubčenko
Successore Mykola Marčak

Dati generali
Partito politico Partito Comunista dell'Ucraina

Mychajlo Іllіč Bondarenko (in ucraino Михайло Ілліч Бондарено; Elisavetgrad, 27 agosto 1903Mosca, 10 febbraio 1938) è stato un politico sovietico, Primo ministro dell'Ucraina dall'agosto all'ottobre del 1937.

Nato a Elisavetgrad nella provincia di Cherson (ora Kirovograd ) da una famiglia di fabbri. Dal 1917 ha lavorato come apprendista fabbro, poi come tornitore. Alla fine del 1919 entra nel Komsomol e per quattro anni è capogruppo di fabbrica. Dal 1923 entra negli organismi del partito fino a diventare Segretario Comitato del Distretto e poi nel 1931 è a capo del dipartimento di propaganda culturale di Elisavetgrad. Nello stesso anno ha iniziato la fase "caucasica" della sua carriera, viene inviato a Tbilisi come vicedirettore e capo del Dipartimento Territori transcaucasici del PCUS. Nel 1933-34 Bondarenko è nel comitato distrettuale del Partito Comunista dell'Azerbaigian a Baku, l'anno dopo diviene segretario, e l'anno successivo è eletto membro candidato del Comitato Centrale di Azerbaigian. Bondarenko lavora perl'industria petrolifera, come manager e nel febbraio del 1936 li viene conferito l'Ordine della Bandiera Rossa del Lavoro. Nel 1936 torna in Ucraina con la carica di vicesegretario del Comitato della Città di Charkiv. Ben presto è diventato il vicesegretario del Comitato Regionale di Charkiv. L'anno seguente è nominato Segretario del Comitato dell'Oblast' di Vinnycja del Partito Comunista dell'Ucraina. Come segretario critica il presidente (primo ministro) Panas Ljubčenko secondo lui vicino ai nazionalisti. Quando Ljubčenko si suicidio in una riunione urgente del Politburo nomina Bondarenko nuovo Presidente del Consiglio dei Commissari del Popolo della Repubblica socialista sovietica ucraina.

Ma il 13 ottobre 1937 il vicedirettore degli Affari Interni dell'URSS Frinovskiy firma un mandato di arresto per Bondarenko. Lo stesso giorno viene arrestato, i capi d'imputazione sono una condotta anti-sovietica e trotskista . Secondo gli investigatori, il presidente dei Commissari del Popolo dell'URSS era dal 1931 ed era un membro dell'organizzazione trotskista di Baku, per la restaurazione del capitalismo in Urss[1]

L '8 febbraio in un'udienza a porte chiuse del Collegio Militare della Corte Suprema dell'URSS viene condannato a mortee il 10 febbraio viene giustiziato a Mosca.

Michael Bondarenko venne riabilitato dal Collegio militare della Corte Suprema dell'URSS il 14 aprile 1956[1].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ordine della Bandiera Rossa - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Bandiera Rossa
«Per l'efficace attuazione dei piani per il petrolio , nel 15° anniversario della Repubblica Socialista Sovietica Azera»
— febbraio 1936

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Урядовий портал :: Керівники урядів Української Радянської Соціалістичної Республіки
Predecessore Primo ministro dell'Ucraina Successore Flag of Ukrainian SSR.svg
Panas Ljubčenko 30 agosto — 13 ottobre 1937 Mykola Marčak
Controllo di autorità VIAF: (EN20087785 · LCCN: (ENn88018134