My Funny Valentine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi My Funny Valentine (disambigua).
My Funny Valentine
ArtistaMitzi Green
Autore/iRichard Rodgers, Lorenz Hart
GenereMusical
Jazz
Esecuzioni notevoliMiles Davis, Chet Baker, Julie London, Ella Fitzgerald, Frank Sinatra
Data1937

My Funny Valentine è un brano musicale composto da Richard Rodgers e Lorenz Hart per il musical Babes in Arms del 1937.

Nella prima rappresentazione del musical a Broadway il brano fu interpretato dall'allora diciassettenne Mitzi Green. In seguito è diventato uno degli standard del jazz più eseguiti ed è stato proposto da molti celebri musicisti e interpreti. Tra le esecuzioni più note quelle di Miles Davis, Chet Baker, Billy Eckstine, Johnny Hartman, Gerry Mulligan, Sarah Vaughan, Chaka Khan, Julie London, Ella Fitzgerald e Frank Sinatra.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il musical Babes in Arms fu inaugurato allo Shubert Theatre di Broadway il 14 aprile 1937 e fu messo in scena 289 volte.[1] Nella sceneggiatura originale, un personaggio di nome Billie Smith (interpretato da Mitzi Green) dedica questa canzone a Valentine "Val" LaMar (Ray Heatherton),[2] scherzando su alcune sue caratteristiche. Ma, alla fine, afferma che Valentine riesce a farla ridere e che non vorrebbe che lui cambiasse mai. Il brano entrò per la prima volta in classifica nel 1945, interpretato da Hal McIntyre e Ruth Gaylor.[3] Restò in classifica una sola settimana in sedicesima posizione.[4]

Non si contano gli album nei quali My Funny Valentine è inclusa e il gran numero di artisti che l'hanno eseguita in tutto il mondo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ James Trager, The People's Chronology: A Year-by-Year Record of Human Events from Prehistory to the Present, 3ª ed., Detroit, Gale, 2005, ISBN 0-8050-3134-0.
  2. ^ Playbill from 1937 Babes in Arms theatrical performance
  3. ^ M. H. Orodenker, Popular Record Reviews, in Billboard, vol. 27, nº 4, 27 gennaio 1945, ISSN 0006-2510 (WC · ACNP).
  4. ^ Joel Whitburn, Joel Whitburn's Pop Memories 1890-1954: The History of American Popular Music, Record Research, Inc, 1992, ISBN 0-89820-083-0.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luca Bragalini, My Funny Valentine: The Disintegration of the Standard, Originally published in Musica Jazz, 1997.
  • Richard Cook, The Hart of the Matter, in New Statesman, vol. 128, nº 4423, 12 febbraio 1999, p. 45, ISSN 1364-7431 (WC · ACNP).
  • Dan Fox, World's Greatest Wedding Music: 50 of the Most Requested Wedding Pieces, Alfred Music Publishing, 2007, ISBN 0-7390-4674-8.
  • Will Friedwald, My Funny Valentine (1937), in Stardust Memories: The Biography of Twelve of America's Most Popular Songs, New York, Random House, Inc, 2002, pp. 348–373, ISBN 0-375-42089-4.
  • Krin Gabbard, Black Magic: White Hollywood and African American Culture, Rutgers University Press, 2004, ISBN 0-8135-3384-8.
  • Thomas S. Hischak, The Rodgers and Hammerstein Encyclopedia, Greenwood Press, 2007, p. 189, ISBN 0-313-34140-0.
  • Morris B. Holbrook, The Ambi-Diegesis of "My Funny Valentine", in Steve Lannin and Matthew Caley (a cura di), Pop fiction: The Song in Cinema, Portland, OR, Intellect Books, 2005, pp. 48–62, ISBN 1-84150-078-X.
  • Mark Steyn, My Funny Valentine: Steyn's Song of the Week Extra, Adapted from A Song For The Season, 2014 (archiviato dall'url originale il 15 febbraio 2014).
  • William Emmett Studwell, The Popular Song Reader: A Sampler of Well-Known Twentieth Century-Songs, Routledge, 1994, p. 127, ISBN 1-56024-369-4.
Jazz Portale Jazz: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di jazz