Mwai Kibaki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mwai Kibaki
Mwai Kibaki-2.jpg

Presidente del Kenya
Durata mandato 30 dicembre 2002 –
25 marzo 2013
Predecessore Daniel arap Moi
Successore Uhuru Kenyatta

Dati generali
Partito politico Partito di Unità Nazionale

Mwai Kibaki (Gatuyaini, 15 novembre 1931) è un economista e politico keniota.

È stato il terzo Presidente del Kenya, rieletto il 30 dicembre 2007[1].

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Nato al villaggio di Gatuyaini, nella divisione di Othaya del distretto di Nyeri, era stato battezzato Emilio Stanley dai missionari italiani, anche se usa raramente quei nomi[2]. Kibaki appartiene al più grande gruppo etnico keniota, i kikuyu (22% della popolazione).

Da giovane frequenta le scuole missionarie in Kenya, poi passa in Uganda alle scuole economiche, risultato uno dei migliori studenti vince una borsa di studio nel Regno Unito.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1978 diventa vicepresidente del Kenia sino al 1988. Nel 2002 vince le elezioni presidenziali, scampando ad un incidente stradale che lo costrinse su una sedia a rotelle, succedendo al padre della patria Jomo Kenyatta e a 24 anni di regime del Presidente Daniel Arap Moi, ed avvia una serie di riforme economiche.

Cerca di far passare una proposta di nuova costituzione, ma viene bocciata in un Referendum, anche per il decisivo sostegno per il "No" dell'ancora popolarissimo Moi.

Il 25 luglio 2007 Kibaki designa Moi come inviato di pace nel Sudan (per la crisi del Darfur), considerata la sua grande esperienza e conoscenza degli affari africani, nonché la sua elevata statura di uomo di stato. Moi vuole aiutare il processo di pace nel Darfour, applicando l'accordo preliminare siglato nel 2005.

La stampa Keniota speculava che Moi e Kibaki pianificassero un'alleanza in vista delle elezioni di Dicembre 2007 [3] Il 28 agosto 2007, Moi annuncia il suo appoggio alla rielezione di Kibaki e critica aspramente le due opposizioni del cartello Arancione del Movimento Democratico Arancione (ODM) definendole di natura tribale.[4][5]

Viene rieletto il 30 dicembre 2007, dopo elezioni contestate per brogli dall'opposizione guidata dal candidato Raila Odinga, appartenente alla terza etnia del Paese, i Luo, suo avversario alla Presidenza. Anche gli organismi di controllo internazionali hanno segnalato irregolarità alle elezioni del 27 dicembre 2007, il cui esito è stato proclamato tre giorni dopo.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran maestro dell'Ordine del Cuore d'oro - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine del Cuore d'oro
Gran maestro dell'Ordine della Lancia ardente - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine della Lancia ardente

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kenya: Kibaki vince le elezioni, corriere.it, 30-12-2007. URL consultato il 02-01-2008.
  2. ^ (EN) Veteran who has struggled to live up to expectations, guardian.co.uk, 31-12-2007. URL consultato il 02-01-2008.
  3. ^ C. Bryson Hull, "Kenya names ex-leader special envoy to Sudan", Reuters (IOL), July 26, 2007.
  4. ^ "Moi supports Kibaki's re-election", The Standard (Kenya), August 28, 2007.
  5. ^ Lucas Barasa and Benjamin Muindi, "Kenya: Moi Endorses Kibaki for Second Term", The Nation (Nairobi), August 28, 2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN77383504 · LCCN: (ENn99907671 · GND: (DE129084581