Mussola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Abito in mussola, 1855.

La mussola è un tessuto molto leggero in armatura tela e a trama molto rada (simile alla garza da medicazione).

Fu introdotta in Europa dall'Asia nel XVII secolo, Il suo nome deriva dalla città di Mossul sulle rive del Tigri dove gli europei la incontrarono la prima volta ma ha la sua origine nella città di Dacca in Bangladesh.

Originariamente era prodotto con cotone, poi con la lana e il lino. Viene utilizzato per l'arredamento nei tendaggi, nella biancheria da letto, nella biancheria intima e per l'abbigliamento femminile come le camicette. La mussola veniva anche utilizzata come fondo per le Thangka, pitture religiose su tela con provenienza da paesi Buddhisti come Tibet, Bhutan e Nepal.

La mussolina è la versione più leggera di un tessuto di mussola, da non confondere con la pelle d'uovo che è un altro tipo di tessuto liscio, finissimo e sottile, molto compatto proprio come la "pelle" dell'uovo dopo la cottura. Il tessuto che più si avvicina alla mussolina è invece il prezioso e ormai introvabile bisso, anche questo da non confondere con il prezioso bisso setoso e dorato proveniente dalla Pinna Nobilis, ma il bisso di cotone, anch'esso prezioso e raro.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]