Museo diocesano di Fermo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Museo diocesano (Fermo))
Jump to navigation Jump to search
Museo diocesano di Fermo
Duomo di fermo.jpg
Duomo di Fermo (il museo si trova sulla parte sinistra guardando la facciata)
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàFermo
IndirizzoPiazza del Girfalco
Caratteristiche
TipoArte sacra
Sito web e Sito web

Coordinate: 43°09′40.59″N 13°42′59.68″E / 43.161276°N 13.716577°E43.161276; 13.716577

Il museo diocesano di Fermo è stato inaugurato il 16 aprile 2004. La sua sede si trova nella parte sinistra della cattedrale della città, nei locali che hanno accolto la Confraternita del suffragio prima e l'oratorio poi. Nasce su iniziativa dell'arcivescovo Cleto Bellucci.

La struttura contiene opere di arte sacra, che coprono un arco di tempo che va dal paleocristiano al XX secolo, tracciando le linee fondamentali sulla storia della chiesa cattolica, sul rapporto dell'arcidiocesi fermana con la Chiesa di Roma, sulla liturgia e sulla devozione della stessa comunità fermana.

Le sale[modifica | modifica wikitesto]

Le sale che compongono il museo sono quattro:

  • la prima conserva una notevole quantità di opere appartenenti al tesoro della cattedrale;
  • la seconda concentra opere di argenteria;
  • la terza e la quarta costituiscono la pinacoteca del museo.

Le opere[modifica | modifica wikitesto]

Il museo documenta il rilievo attribuito nel tempo al patrimonio artistico-culturale, attraverso le opere provenienti dal Tesoro della cattedrale e dell'episcopio fermano, oltre che da varie chiese dell'arcidiocesi.

In particolare sono presenti argenterie, suppellettili, e paramenti sacri, tra cui la casula di Tommaso Becket, di arte araba.

Tra le opere d'arte pittorica risaltano, nel compendio museale, lavori di Federico Barocci, Vittore Crivelli, Corrado Giaquinto, Francesco Hayez, Carlo Maratta, e del Pomarancio.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN241907327 · WorldCat Identities (EN241907327