Museo delle palafitte di Fiavé

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Museo delle palafitte di Fiavè)
Jump to navigation Jump to search
Museo delle palafitte di Fiavé
Palafitte Biotopo di Fiavè 6.JPG
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàFiavé
IndirizzoVia 3 Novembre, 53
Caratteristiche
TipoArcheologia
Apertura14 aprile 2012
Sito web

Coordinate: 46°00′07.31″N 10°50′30.72″E / 46.002031°N 10.841867°E46.002031; 10.841867

Il Museo delle palafitte di Fiavé è un museo nel comune di Fiavé, in provincia autonoma di Trento, dedicato ai ritrovamenti archeologici avvenuti nel Biotopo Fiavé. Il museo è stato inaugurato il 14 aprile 2012[1].

La zona palafitticola[modifica | modifica wikitesto]

Il museo è dedicato all'area archeologica situata all'interno del Biotopo Fiavé, nella quale, in passato, sono sorti dei villaggi preistorici palafitticoli.

Essa si trova vicino a Fiavé, dove è presente una zona che un tempo era impiegata per l'estrazione della torba. Verso la metà del XIX secolo sono stati trovati i resti di un abitato preistorico, in particolare sono stati rinvenuti in ottimo stato di conservazione i pali che un tempo sostenevano le palafitte del villaggio. Solo nel 1969, grazie agli scavi intrapresi dall'archeologo Renato Perini, sono stati portati alla luce diversi abitati palafitticoli sia in acqua che all'asciutto appartenenti a varie epoche e con essi sono stati rinvenuti numerosi reperti archeologici in buona conservazione.

I resti dei pali che sostenevano le palafitte

Nel sito archeologico del Biotopo Fiavé si contano sette abitati situati in luoghi diversi e appartenenti a epoche differenti, essi sono tutti sorti sulle sponde di quello che un tempo era il lago Carera, prosciugatosi completamente con il passare degli anni.

Il primo insediamento è sorto sull'isoletta del lago e risale alla prima metà del IV millennio a.C. (tardo Neolitico), delle capanne si è conservata solo la sistemazione del piano pavimentale. Lungo la sponda sono state deposte grosse pietre, un reticolo di tronchi di larice e pino e un graticcio di rami, cortecce, ghiaia e terra in modo da prolungare artificialmente l'isola verso il lago e aumentare così la superficie a disposizione.

Il terzo, quarto e quinto insediamento risalgono al periodo che va dal XVIII al XVI secolo a.C. (età del Bronzo antico e medio). Dei tre insediamenti è stata trovata una fitta selva di pali di larice e abete rosso infissi nella creta lacustre.

Il sesto insediamento, come il primo, è sorto sull'isoletta e risale al periodo che va dal XV secolo a.C. (età del Bronzo medio) alla prima metà del XIV secolo a.C. Il villaggio era circondato da una palizzata, le capanne erano costruite sulla terra ferma oppure su piattaforme lungo la sponda del lago. I pali che sostenevano la parte di villaggio sull'acqua erano vincolati saldamente ad una struttura a reticolo di tronchi e travi posta sul fondo del lago e lungo la sponda. Il villaggio venne abbandonato a causa di un grande incendio che lo distrusse, si salvarono solo la parte sommersa e i reperti caduti in acqua.

Il settimo insediamento si trovava sul Dos dei Gustinaci[2], una piccola collina situata al margine meridionale della torbiera. È stato popolato dalla seconda metà del XIV secolo a.C. fino al XVI secolo a.C. (età del Bronzo recente). Le capanne erano disposte regolarmente su terrazzi artificiali ed erano di forma rettangolare. È stata inoltre trovata una massicciata con cassoni in tronchi di legno colmati da pietrame sull'isoletta del lago risalente allo stesso periodo del settimo insediamento, non vi sono però tracce di abitazioni e non è chiara la funzione di questo manufatto.

Il museo[modifica | modifica wikitesto]

Due asce con manico in legno e lama in metallo.

Il museo è disposto su due piani. Al primo piano vi sono tre stanze, nella prima stanza sono presenti dei monitor che mostrano con dei filmati gli eventi che hanno portato alla creazione del Biotopo Fiavé e all'insediamento dell'uomo, sono presenti inoltre dei cartelloni che introducono il Biotopo Fiavé e la zona palafitticola di Fiavé; la seconda stanza mostra le tecniche utilizzate per eseguire gli scavi e datare i vari reperti, sono presenti inoltre alcuni cartelloni didattici che danno una panoramica sulle sette fasi di insediamento dell'area; la terza stanza è caratterizzata da una lunga vetrina divisa in sette parti, ogni parte è dedicata ad una fase di insediamento e contiene i reperti archeologici che la caratterizzano. In questa stanza è inoltre contenuta una tazza chiamata appunto "Tazza di Fiavé" il cui simbolo è stato inserito nel gonfalone del comune.

Il secondo piano è composto da un'unica stanza all'interno della quale è stato costruito un percorso che tramite le vetrine contenenti i reperti, i cartelloni informativi e alcuni video didattici, mostra al visitatore il modo di vivere delle popolazioni delle palafitte. Appena entrati è presente un plastico che mostra un modello in scala di come avrebbe potuto essere il villaggio. E successivamente il percorso mostra i reperti archeologici divisi per categoria di utilizzo, quindi prima vi sono gli strumenti che un tempo venivano utilizzati per l'agricoltura, poi per la cucina, per la tessitura, per l'artigianato e infine per la caccia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]