Museo della capitale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
首都博物馆 (Museo della capitale)
Capital Museum in Beijing.jpg
Ubicazione
StatoCina Cina
LocalitàPechino
Indirizzo16 Fuxingmenwai
Caratteristiche
TipoArte
Apertura1981
Sito web

Coordinate: 39°54′18″N 116°20′09.6″E / 39.905°N 116.336°E39.905; 116.336

La Sala di Bronzo

Il museo della capitale (in mandarino : 首都博物馆) è un museo d'arte di Pechino in Cina. Inaugurato nel 1981, è stato spostato nel 2006 nell'attuale edificio progettato dagli architetti Jean-Marie Duthilleul e Cui Kai. Con una superficie di 63.000 m2, nel 2009, era il più grande museo di storia dell'arte cinese del paese[1]. La presentazione si situa bene nei suoi grandi spazi[2]. Le collezioni ben diversificate, sono divisi in due gruppi principali.

Nell'ala destra, entrando nel museo.
  • Primo piano: Centrata su Pechino, un percorso cronologico dal neolitico ai giorni nostri.
  • Secondo piano: Utilizzando plastici, modelli e piani della città viene indagato, passo dopo passo, l'ambiente, il quartiere e la casa che vengono studiati nelle loro strutture e nei materiali componenti.
Nell'ala sinistra.
  • Primo piano: sale circolari raccolgono oggetti dell'art chinois tipica prodotta a Péchino, insieme ai classici sanshui (Montagne ed acqua) dalla Dinastia Tang fino alla Dinastia Qing.
  • Secondo piano: Lo stesso tematica continua con notevoli esempi di calligrafie antiche.
  • Terzo piano : i bronzi Shang e Zhou, in particolare i magnifici pezzi del periodo Zhou occidentale e dei periodo dei regni combattenti.
  • Il quarto piano ha una superba collezione di giade lavorate.
  • Il quinto piano raccoglie i quattro tesori del letterato, i materiali che venivano usati dai calligrafi, spesso funzionari imperiali ed, a volte anche pittori.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lauwaert 2009, page de garde.
  2. ^ http://vimeo.com/53154501

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Françoise Lauwaert, Les trois rêves du mandarin, Bruxelles, Fonds Mercator, 2009, p. 232, ISBN 978-90-6153-896-7.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0004 0451 6768