Museo dei culti arborei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museo dei culti arborei
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàAccettura
IndirizzoVia del Maggio s.n.c.
Coordinate40°29′31.34″N 16°09′32.13″E / 40.49204°N 16.158926°E40.49204; 16.158926
Caratteristiche
Tipoetno-antropologico

Il museo dei culti arborei è un museo etno-antropologico che si trova nel comune di Accettura in provincia di Matera.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La festa del maggio di Accettura

Dei culti arborei che si svilupparono nell'antichità sono rimaste poche tracce, riti matrimoniali legati ad un mondo contadino e prevalentemente animistico. Il Museo dei culti arborei di Accettura tenta di ricostruire la storia e la tipologia dei culti arborei del territorio lucano. Tra i musei etno-antropologici il museo di Accettura è forse unico nel suo genere in Europa[1], e a rendere ancora più prezioso il lavoro di questo museo c'è il fatto che i culti arborei sono «tipici di pochissime altre località del Mediterraneo»[2]. Tra le località che celebrano i maggi e i culti arborei in Basilicata ci sono Accettura, Oliveto Lucano, Pietrapertosa e Castelmezzano, inoltre nella zona del massiccio del Pollino a cavallo tra Basilicata e Calabria vi sono Rotonda, Viggianello, Terranova di Pollino, Laino Borgo, Alessandria del Carretto e Castelsaraceno, ed infine nel resto d'Italia abbiamo altri esempi a Ponte Nossa, Fontanella Grazioli, Pastena, Vetralla, Castel Giorgio, Bajardo, Baiano, Terrasini[3].

Il Museo si trova all'interno del Parco naturale di Gallipoli Cognato - Piccole Dolomiti Lucane e svolge anche l'attività di centro visite.

Creata già diversi anni prima, la struttura è stata inaugurata nel 2005 dal sindaco Vincenzo Amoia[4], e raccoglie l'eredità del professore e ricercatore Giovanni Battista Bronzini e dell'antropologo Ferdinando Mirizzi.

Il Museo possiede anche una biblioteca fornita di testi sui culti arborei in Italia e in Europa e una videoteca con filmati sulle feste del Maggio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il quotidiano, 24 maggio 2005, dichiarazione del sindaco.[collegamento interrotto].
  2. ^ Fonte: www.altrabasilicata.com
  3. ^ Alcune località citate in Culti arborei in Basilicata
  4. ^ Il quotidiano, 24 maggio 2005[collegamento interrotto].

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Filardi, Culti arborei lucani: il maggio di San Giuliano: Accettura, Matera, BMG, 19..

Altri culti arborei[modifica | modifica wikitesto]

  • Rita Salvatore , Sante Marie degli alberi: culti mariani arborei in Abruzzo, Colledara, Andromeda, 2002
  • Giovanni De Vita e Simona Savone (a cura di), Pastena e i culti arborei, Pastena, Amministrazione comunale, 2004

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Il culto arboreo in varie culture[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]