Museo civico e d'arte sacra di Colle di Val d'Elsa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Museo Civico e Diocesano d'Arte Sacra
Palazzo del comune collevde.jpg
Il Museo è al primo piano
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Colle di Val d'Elsa
Indirizzo Colle Val d'Elsa, via del Castello
Caratteristiche
Tipo arte
Sito web

Il Museo Civico e Diocesano d'Arte Sacra ha sede nel Palazzo del Comune, o dei Priori di Colle di Val d'Elsa, risalente ai secoli XIII - XIV.

Il Museo così come è attualmente si è formato nel 1995 grazie alla fusione dei Musei Civico e Diocesano della città.

Il percorso espositivo[modifica | modifica wikitesto]

Il percorso espositivo occupa tre sale.

La prima sala[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima grande sala troviamo opere per la maggior parte appartenenti al Sei e Settecento tra cui spiccano i nomi di Alessandro Casolani, Ventura Salimbeni, Sebastiano Folli, Bernardino Mei, Pier Dandini, Mario Balassi (Santa Cecilia) e altri. Sempre nella prima sala è presente un crocifisso ligneo policromo, della fine del XIII secolo, opera di Marco Romano, attivo a Venezia, Cremona e Siena.

Cospicua anche la dotazione di opere ottocentesche e del primo novecento, con opere di Gennaro Landi e dei colligiani Vittorio Meoni, Antonio Salvetti e Ferruccio Manganelli.

La seconda sala[modifica | modifica wikitesto]

La seconda sala è una vera e propria piccola, preziosa raccolta di opere dei cosiddetti primitivi, su fondo oro: su tutti spicca la splendida Maestà dell'anonimo Maestro di Badia a Isola, così chiamato per la provenienza dell'opera, la Badia dei Santi Salvatore e Cirino, presso Monteriggioni; altre opere appartengono a Segna di Bonaventura (tavola raffigurante la Madonna col Bambino), Cennino Cennini, Pier Francesco Fiorentino (Madonna con Bambino con i santi Onofrio, Antonio abate, Bernardino, Stefano, Maria Maddalena, ottavo - nono decennio del XV secolo, proveniente dalla Ven. Arciconfraternita della Misericordia), Pseudo Ambrogio di Baldese (Lippo d'Andrea?) e altri.

Notevole anche un Compianto su Cristo morto di Ridolfo del Ghirlandaio.

La terza sala[modifica | modifica wikitesto]

L'opera più importante di questa sala, forse anche di tutta la collezione del Museo è il cosiddetto Tesoro di Galognano: si tratta di un rarissimo corredo eucaristico in argento, formato da quattro calici, una patena e un cucchiaio, che costituisce la testimonianza della esistenza di una comunità cristiana di etnia ostrogota, del VI secolo d.C. Il fortuito ritrovamento avvenne in località Pian dei Campi.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]