Museo civico-parrocchiale Maria Crocefisso Satellico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museo civico-parrocchiale "Maria Crocefisso Satellico"
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàOstra Vetere
Indirizzopazza Satellico 3
Caratteristiche
TipoArte sacra, etnografico
Apertura26 gennaio 2008
Sito web

Coordinate: 43°36′14.54″N 13°03′30.56″E / 43.60404°N 13.058488°E43.60404; 13.058488

Il Museo civico-parrocchiale "Maria Crocefisso Satellico" ad Ostra Vetere (AN), è situato nei suggestivi ambienti dell'ex convento di Santa Lucia delle suore clarisse, un edificio monumentale di origine medievale, rinnovato alla fine del XVII secolo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1810 con le leggi di soppressione degli ordini religiosi, vigenti nel Regno d'Italia, il convento delle Clarisse divenne proprietà di una famiglia del luogo. Nel 2000 l'Amministrazione comunale di Ostra Vetere ha acquistato il complesso monumentale, e in seguito a restauro, ha destinato l'immobile a sede museale ed archivio e biblioteca comunale. Il museo, allestito in collaborazione con gli enti ecclesiastici locali, è stato inaugurato il 26 gennaio 2008[1].

Le sezioni espositive[modifica | modifica wikitesto]

Il percorso si articola su due piani: al pianterreno è situata un'esposizione di carattere etnografico, con gli attrezzi usati nel secolo scorso per la produzione e la lavorazione dei prodotti agricoli, in particolare dell'olio d'oliva, e una collezione di libri antichi di farmacopea, provenienti dalla biblioteca dei padri Cappuccini.

Al primo piano è collocata l'esposizione di opere d'arte. La prima sala ospita i reperti più antichi dell'arte sacra locale, con parti di affreschi staccati di Dionisio Nardini e Fabrizio Fabrizi. La seconda sala espone opere pittoriche di tema sacro, mentre nella terza sono presenti dipinti e sculture in legno che illustrano prevalentemente la devozione ai santi. Notevoli due tele cinquecentesche, del Pomarancio (Gesù che salva dalla tempesta san Pietro) e di Claudio Ridolfi (Gesù coronato di spine).

Nell'ultima sezione è collocata l'antica biblioteca dei Frati Minori Conventuali, parte dei beni ecclesiastici incamerati dal Comune nel 1869, che raccoglie volumi risalenti al Quattrocento.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Ostra Vetere - Sito turistico ufficiale - Notizie[collegamento interrotto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musei Portale Musei: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musei