Museo casa Enzo Ferrari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il museo dedicato alla casa automobilistica vera e propria, vedi Museo Ferrari.
Museo Enzo Ferrari
Museo Enzo Ferrari 02.jpg
Ingresso del MEF
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàModena
IndirizzoVia Paolo Ferrari, 85
Caratteristiche
Tipoautomobili, biografico
FondatoriFondazione casa di Enzo Ferrari-Museo
Apertura2012
ProprietàFerrari
DirettoreAntonio Ghini
Visitatori134 000[1] (2016)
Sito web

Coordinate: 44°39′07.52″N 10°56′10.79″E / 44.65209°N 10.93633°E44.65209; 10.93633

Il museo casa Enzo Ferrari, noto anche con l'acronimo MEF, è un museo di Modena dedicato alla vita e al lavoro di Enzo Ferrari, il fondatore della casa automobilistica Ferrari.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il museo è stato inaugurato il 10 marzo 2012 a opera della Fondazione casa di Enzo Ferrari-Museo, ideatrice del progetto. Tale fondazione era nata nel 2003 per volontà di comune, provincia e camera di commercio di Modena, Automobile Club d'Italia e Ferrari, con la finalità di creare uno spazio dedicato alla promozione e al recupero della storia dell'automobilismo modenese.

Panoramica della struttura, con la casa natale di Enzo Ferrari (a sinistra) e il moderno museo (a destra).

Il progetto di ristrutturazione è stato ideato dall'architetto Jan Kaplicky, il quale a causa dell'improvvisa scomparsa non ha potuto assistere alla ultimazione dei lavori – portati a termine dal suo assistente Andrea Morgante, a cui si deve la firma degli interni. La realizzazione del progetto è costata circa 18 000 000 di euro.

I lavori per il progetto sono iniziati nel 2009 e compresero, oltre alla costruzione del museo, anche la ristrutturazione della casa-officina in cui nel 1898 nacque Enzo Ferrari e in cui lavorò successivamente, per un totale di 5 000 m², compresa l'area cortiliva; di questi, 3 000 m² comprendono una parte espositiva, una sala eventi, un'aula didattica, uno store e una caffetteria.

Il museo è stato costruito secondo criteri di sostenibilità ambientale: è dotato infatti di un impianto di riscaldamento geotermico e di un impianto di riciclo delle acque, mentre le enormi vetrate frontali consentono l'illuminazione naturale.

Particolare della copertura

Dopo una riorganizzazione degli spazi museali, che ha portato a una breve chiusura della struttura a cavallo tra il gennaio e il febbraio del 2014,[2] il MEF ha riaperto i battenti il 18 febbraio successivo – passando contestualmente sotto la gestione diretta della casa di Maranello,[3] che l'ha abbinato allo suo storico Museo Ferrari.[4]

Architettura e spazi museali[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio che ospita il museo, realizzato a forma di cofano, è giallo a richiamare il colore che scelse Enzo Ferrari come sfondo per il celebre marchio del Cavallino Rampante; è infatti il colore istituzionale della Città di Modena. Il logo scelto dalla fondazione per identificare il museo è un unico segno grafico, che unisce il tratto caratteristico della firma di Enzo Ferrari con il profilo della galleria espositiva.

L'interno del museo

La struttura interna presenta delle forme ondulate e dolci. Gli espositori contenenti notizie relative alla vita e alle opere di Enzo Ferrari sono morbidi. La particolarità della struttura interna è nell'utilizzo del colore bianco, che ha l'intento di far meglio risaltare le vetture presenti nel museo e rendere "neutro" lo spazio d'esposizione. Sono presenti delle scale unicamente nella parte destra del museo, mentre il resto della struttura è privo di barriere architettoniche. Le macchine sono poste su pedane mobili alte 50 cm dal suolo; queste, girevoli, permettono una migliore visibilità delle vetture al pubblico.

Mostre[modifica | modifica wikitesto]

Tra le mostre di maggior rilevanza allestite all'interno del museo – oltre all'esposizione permanente – c'è stata «Maserati 100 - A Century of Pure Italian Luxury Sports Cars», dedicata al centenario della casa modenese. Inaugurata nella prima metà del 2014 e durata quasi un anno, è stata la più importante e completa rassegna di vetture del Tridente mai organizzata al mondo.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Museo Ferrari: inaugurate oggi due nuove mostre, su motorionline.com.
  2. ^ Il MEF chiude per sorprendere alla riapertura, su museocasaenzoferrari.it.
  3. ^ Riapre domani il nuovo MEF, su museo.ferrari.com, 17 febbraio 2014. (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2014).
  4. ^ I Musei Ferrari, su museo.ferrari.com. (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2014).
  5. ^ Filmato audio Al museo Enzo Ferrari tributo alla Maserati, Corriere della Sera, 30 giugno 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (ENIT) AA.VV., Future Systems, Shiro Studio: Museo Casa Enzo Ferrari, Modena, Milano, Electa architettura, 2012, ISBN 978-88-370-9103-3.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]