Museo casa Enzo Ferrari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museo Enzo Ferrari
Museo Enzo Ferrari 02.jpg
Ingresso del MEF
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàModena
IndirizzoVia Paolo Ferrari, 85
Caratteristiche
Tipoautomobili, biografico
FondatoriFondazione casa di Enzo Ferrari-Museo
Apertura2012
ProprietàFerrari
DirettoreAntonio Ghini
Visitatori175 000 (2018)[1]
Sito web

Coordinate: 44°39′05″N 10°56′07.94″E / 44.65139°N 10.93554°E44.65139; 10.93554

Il museo casa Enzo Ferrari, noto anche con l'acronimo MEF, è un museo di Modena dedicato alla vita e al lavoro di Enzo Ferrari, il fondatore della casa automobilistica Ferrari.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il museo è stato inaugurato il 10 marzo 2012 a opera della Fondazione casa di Enzo Ferrari-Museo, ideatrice del progetto. Tale fondazione era nata nel 2003 per volontà di comune, provincia e camera di commercio di Modena, Automobile Club d'Italia e Ferrari, con la finalità di creare uno spazio dedicato alla promozione e al recupero della storia dell'automobilismo modenese.

Panoramica della struttura, con la casa natale di Enzo Ferrari (a sinistra) e il moderno museo (a destra).

Il progetto di ristrutturazione è stato ideato dall'architetto Jan Kaplicky, il quale a causa dell'improvvisa scomparsa non ha potuto assistere alla ultimazione dei lavori – portati a termine dal suo assistente Andrea Morgante, a cui si deve la firma degli interni. La realizzazione del progetto è costata circa 18 000 000 di euro.

I lavori per il progetto sono iniziati nel 2009 e compresero, oltre alla costruzione del museo, anche la ristrutturazione della casa-officina in cui nel 1898 nacque Enzo Ferrari e in cui lavorò successivamente, per un totale di 5 000 m², compresa l'area cortiliva; di questi, 3 000 m² comprendono una parte espositiva, una sala eventi, un'aula didattica, uno store e una caffetteria.

Il museo è stato costruito secondo criteri di sostenibilità ambientale: è dotato infatti di un impianto di riscaldamento geotermico e di un impianto di riciclo delle acque, mentre le enormi vetrate frontali consentono l'illuminazione naturale.

Particolare della copertura

Dopo una riorganizzazione degli spazi museali, che ha portato a una breve chiusura della struttura a cavallo tra il gennaio e il febbraio del 2014,[2] il MEF ha riaperto i battenti il 18 febbraio successivo – passando contestualmente sotto la gestione diretta della casa di Maranello,[3] che l'ha abbinato allo suo storico Museo Ferrari.[4]

Architettura e spazi museali[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio che ospita il museo, realizzato a forma di cofano, è giallo a richiamare il colore che scelse Enzo Ferrari come sfondo per il celebre marchio del Cavallino Rampante; è infatti il colore istituzionale della Città di Modena. Il logo scelto dalla fondazione per identificare il museo è un unico segno grafico, che unisce il tratto caratteristico della firma di Enzo Ferrari con il profilo della galleria espositiva.

L'interno del museo

La struttura interna presenta delle forme ondulate e dolci. Gli espositori contenenti notizie relative alla vita e alle opere di Enzo Ferrari sono morbidi. La particolarità della struttura interna è nell'utilizzo del colore bianco, che ha l'intento di far meglio risaltare le vetture presenti nel museo e rendere "neutro" lo spazio d'esposizione. Sono presenti delle scale unicamente nella parte destra del museo, mentre il resto della struttura è privo di barriere architettoniche. Le macchine sono poste su pedane mobili alte 50 cm dal suolo; queste, girevoli, permettono una migliore visibilità delle vetture al pubblico.

Mostre[modifica | modifica wikitesto]

Tra le mostre di maggior rilevanza allestite all'interno del museo – oltre all'esposizione permanente – c'è stata «Maserati 100 - A Century of Pure Italian Luxury Sports Cars», dedicata al centenario della casa modenese. Inaugurata nella prima metà del 2014 e durata quasi un anno, è stata la più importante e completa rassegna di vetture del Tridente mai organizzata al mondo.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Musei Ferrari, superata quota mezzo milione di visitatori, su modenatoday.it, 23 gennaio 2019.
  2. ^ Il MEF chiude per sorprendere alla riapertura, su museocasaenzoferrari.it.
  3. ^ Riapre domani il nuovo MEF, su museo.ferrari.com, 17 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2014).
  4. ^ I Musei Ferrari, su museo.ferrari.com (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2014).
  5. ^ Filmato audio Al museo Enzo Ferrari tributo alla Maserati, Corriere della Sera, 30 giugno 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (ENIT) AA.VV., Future Systems, Shiro Studio: Museo Casa Enzo Ferrari, Modena, Milano, Electa architettura, 2012, ISBN 978-88-370-9103-3.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]