Museo Paleolitico di Zagros

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Museo Paleolitico di Zagros
Kermanshah Paleolithic Museum.jpg
Interni della seconda sala del Museo Paleolitico di Zagros.
Ubicazione
Stato Iran Iran
Località Kermanshah
Indirizzo Modarres St.
Caratteristiche
Tipo archeologico
Fondatori Fereidoun Biglari e A. Moradi Bisetouni
Apertura 2008

Coordinate: 34°19′07″N 47°04′18.86″E / 34.318612°N 47.071905°E34.318612; 47.071905

Il Museo Paleolitico di Zagros (persiano: موزه پارینه‌سنگی زاگرس‎‎) è un museo a Kermanshah, Iran, aperto nel 2008.

Il museo contiene una vasta collezione di utensili in pietra e ossa di animali fossili provenienti dai vari siti del Paleolitico in Iran. In Iran, è l'unico nel suo genere.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il museo è stato fondato da Fereidoun Biglari e A. Moradi Bisetouni a Tekieh Biglar Baigi, Kermanshah nel 2007. Marjan Mashkour, un archeozoologo, era incaricato di identificare gli animali fossili per il museo.

Collezioni[modifica | modifica wikitesto]

Il Museo Paleolitico di Zagros occupa quattro camere dotate di oggetti provenienti dai vari siti paleolitici e neolitici dell'Iran, risalenti ca. da 1.000.000 di anni a circa 8.000 anni fa. La prima stanza è una sala audio dove i visitatori possono guardare un documentario sugli strumenti di pietra preistorici e come gli artigiani del Paleolitico li hanno creati. Vi è anche un modello completo a grandezza naturale di un uomo di Neanderthal.

Un modello di uomo di Neanderthal nella stanza audio

La seconda sala è dedicata alle ossa umane e animali dai siti sui Monti Zagros e alcune repliche di cranio umano da famosi siti del Paleolitico in Europa e nel Vicino Oriente. Tra i resti faunistici, la collezione di fossili dalla grotta di Wezmeh è di primaria importanza. La terza sala contiene strumenti di pietra del basso paleolitico provenienti da vari siti come Kashafrud, Ganj Par e Shiwatoo. La quarta sala ospita strumenti di pietra del tardo Paleolitico e Neolitico, ossa di animali, conchiglie e altri oggetti archeologici che provengono da siti sui monti Zagros.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Biglari, F., 2010 The Zagros Paleolithic Museum Guide, Iranian Cultural Heritage, Handicrafts and Tourism Organization, Kermanshah
  • Mashkour, M., H. Monchot, E. Trinkaus, J-L. Reyss, F. Biglari, S. Bailon, S. Heydari, K. Abdi 2009 Carnivores and their prey in the Wezmeh Cave (Kermanshah, Iran): A Late Pleistocene refuge in the Zagros, International Journal of Osteoarchaeology 19: 678-694.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]