Museo Michetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fondazione Michetti (MuMi)
2018MumiSaggioMusicalmente 04.jpg
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàFrancavilla al Mare
IndirizzoPiazza San Domenico
Caratteristiche
TipoMuseo di arte moderna e contemporanea
Apertura1997
Sito web

Il museo Michetti, abbreviato anche "MuMi", è dedicato al pittore Francesco Paolo Michetti ed è stato inaugurato nel 1997 nei locali dello storico Palazzo San Domenico, ex sede comunale della città alta[1].

Antico convento di San Domenico[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo deriva da un antico convento domenicano dedicato a Santa Maria delle Grazie, sconsacrato nell'800 e divenuta sede comunale di Francavilla fino al 1943. I danni bellici distrussero quasi tutto l'antico convento con la chiesa e la caratteristica cupola circolare, fotografata più volte da Francesco Paolo Michetti, e il palazzo fu rifatto in stile post classico.

Dopo la ricostruzione della città, è stata realizzata una nuova sede comunale moderna nel quartiere altodi Francavilla, negli anni '90, lasciando il palazzo "San Domenico " ad ospitare varie mostre, fino alla trasformazione in museo nel 1998. Tale palazzo è anche di importanza storica per la città, essendo una delle poche strutture sopravvissute alla guerra[1].

Il museo ospita anche, ogni anno, il Premio Michetti, un premio artistico istituito nel 1947 che è il più longevo in Italia dopo la Biennale di Venezia[2], vinto da alcuni dei più importanti artisti della storia dell'arte italiana del Novecento.

Il patrimonio artistico[modifica | modifica wikitesto]

Fanno parte del patrimonio artistico della Fondazione Michetti, e sono esposti nel museo, una selezione dei vincitori del premio e altri artisti.

Le Serpi di Michetti
Gli Storpi ovvero Pellegrinaggio a Casalbordino, di Michetti

Il museo[modifica | modifica wikitesto]

Adiacente al palazzo c'è anche la Biblioteca "A. Russo", la sede della Fondazione Michetti e il Centro studi Cicognini. Il museo è stato istituito nel 1997 su progetto di Mose Ricci e Filippo Spaini[1].

Esso è strutturato in due livelli, ai quali si accede mediante una scalinata dal chiostro interno[1]

  • La parte inferiore è dedicata a Michetti, ospitando due importanti tele di notevoli dimensioni (380x970 cm) dipinte a temper, ossia "Le serpi"[3] e "Gli storpi"[4] presentate alla Esposizione Universale di Parigi del 1900. Nella prima il pittore mostra delle donne con serpenti al collo, rievocando la tradizione del borgo abruzzese di Cocullo, in onore del l'abate Domenico di Sora, mentre il secondo quadro raffigura un pellegrinaggio al santuario di Casalbordino, descritto anche da Gabriele d'Annunzio in un suo romanzo, Il trionfo della morte.
  • La seconda sezione è dedicata a diversi artisti contemporanei, con sculture e tele.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Museo Michetti, su visitfrancavillaalmare.it. URL consultato il 17 giugno 2018.
  2. ^ *Filmato audio Fantasmi di Luce", inaugurata la mostra a Francavilla, su YouTube, 16 dicembre 2017. URL consultato il 17 giugno 2018.
  3. ^ Musei d'Italia, Le serpi, su culturaitalia.it. URL consultato il 16 giugno 2018.
  4. ^ Musei d'Italia, Gli storpi, su culturaitalia.it. URL consultato il 16 giugno 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]