Muscolo supinatore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nuvola apps important.svg Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Muscolo supinatore
Gray420.png
Muscolo supinatore
Anatomia del Gray(EN) Pagina 454
Nome latinoMusculus supinator
SistemaSistema muscolare
Originelateral epicondyle of the humerus, radial collateral ligament of elbow joint e supinator crest
Inserzioneanterior border of diaphysis of radius e neck of radius
Antagonistamuscolo pronatore rotondo
Azionisupinatore dell'avambraccio
Arteriaarteria radiale ricorrente
Nervoradiale
Identificatori
TAA04.6.02.048
FMA38512

Il muscolo supinatore (detto anche muscolo breve supinatore) è un muscolo di forma triangolare, localizzato nella parte superiore del piano profondo dei muscoli posteriori dell'avambraccio. Non può essere palpato.

Origine, decorso e inserzione[modifica | modifica wikitesto]

Il muscolo supinatore ha un'origine molto vasta, esso infatti origina lateralmente tra ulna e omero, più precisamente dall'epicondilo laterale dell'omero, sulla superficie adiacente dell'ulna, cioè sulla cresta del muscolo supinatore, dalla capsula, dal legamento anulare dell'articolazione radio-ulnare, dal legamento collaterale radiale. Tra il capo ulnare e quello omerale passa il nervo interosseo.

Le fibre muscolari si dirigono obliquamente in basso, di lato ed in avanti, avvolgendo il terzo superiore del corpo del radio a spirale.

Si inserisce sulla superficie antero-laterale del terzo superiore del radio.

Innervazione e vascolarizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Viene innervato dal ramo profondo del nervo radiale(C5, C6 e C7).

Viene vascolarizzato da rami dell'arteria ricorrente radiale anteriore e da rami dell'arteria collaterale radiale esterna.

Funzione[modifica | modifica wikitesto]

Supina l'avambraccio e con esso la mano. È maggiormente efficace quando il gomito è in estensione.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Nigel Palastanga, Derek Field e Roger Soames, Anatomia del movimento umano. Struttura e funzione, Elsevier-Masson, 2007.
  • Mario Cannas, Anatomia umana funzionale e clinica, Padova, Piccin, 2004.
  • Gastone Lambertini, Anatomia umana, Padova, Piccin, 1978.
  • Felicia Farina, Anatomia dell'apparato locomotore, Edises, 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]