Muscolo flessore profondo delle dita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Muscolo flessore profondo delle dita
Flexor-digitorum-profundis.png
Visione ventrale dei muscoli profondi dell'avambraccio. Il muscolo flessore profondo delle dita è evidenziato in blu.
Anatomia del Gray(EN) Pagina 448
Nome latinoMusculus flexor digitorum profundus
Origine3/4 superiori anteriori e mediali della superficie del corpo dell'ulna, Membrana interossea dell'avambraccio e fascia profonda dell'avambraccio.
Inserzionebase della falange distale delle dita
Antagonistamuscolo estensore delle dita
AzioniFlessione della mano e delle articolazioni interfalangee
Arteriaarteria interossea anteriore
Nervonervo mediano (nervo interosseo anteriore), branche muscolari del nervo ulnare
Identificatori
TAA04.6.02.036
FMA38478

Il muscolo flessore profondo delle dita (chiamato anche muscolo perforante) è un muscolo dell'avambraccio degli esseri umani che agisce determinando la flessione delle dita. È considerato un muscolo estrinseco della mano perché agisce sulle dita della mano mentre il suo ventre muscolare si trova nell'avambraccio. Insieme, il muscolo flessore lungo del pollice, il muscolo pronatore quadrato e il muscolo flessore profondo delle dita formano lo strato profondo dei muscoli anteriori dell'avambraccio.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Il muscolo flessore profondo delle dita ha origine nei 3/4 superiori della superficie anteriore e mediale dell'ulna, della membrana interossea e della fascia profonda dell'avambraccio. Il muscolo si allarga in quattro tendini (uno per ciascun dito dal 2° al 5°) alla base palmare della falange distale.

Insieme al flessore superficiale delle dita, si caratterizza per i lunghi tendini che scorrono lungo il braccio, attraversano il tunnel carpale e si ancorano sul lato palmare delle falangi delle dita. Il muscolo flessore profondo delle dita giace in profondità, ma si ancora molto distalmente. Pertanto, i tendini del flessore profondo passano attraverso i tendini del flessore superficiale e finiscono per ancorarsi alle falangi distali. Per questo motivo il muscolo flessore profondo delle dita è anche chiamato muscolo perforante.[1]

I muscoli lombricali della mano nascono dal lato radiale dei suoi tendini.

Innervazione[modifica | modifica wikitesto]

Il muscolo flessore profondo delle dita è un muscolo innervato dal nervo interosseo anteriore e dai nervi ulnari.

  • La parte mediale del muscolo (che flette il quarto e quinto dito) è innervata dal nervo ulnare (C8, T1)[2]
  • La parte laterale del muscolo (che flette il secondo e terzo dito) è innervata dal nervo mediano, in particolare il ramo interosseo anteriore (C8, T1).

È uno dei due muscoli flessori che non è fornito esclusivamente dal nervo mediano (l'altro è il flessore ulnare del carpo).

Varianti anatomiche[modifica | modifica wikitesto]

Il tendine dell'indice spesso ha un ventre muscolare separato.

Funzione[modifica | modifica wikitesto]

Il muscolo flessore profondo delle dita è un flessore delle articolazioni del polso, metacarpo-falangee e interfalangee. I muscoli lombricali, i muscoli intrinseci della mano, si attaccano al tendine del flessore profondo delle dita. Pertanto, il muscolo flessore viene utilizzato per aiutare i muscoli lombricali nel loro ruolo di estensori delle articolazioni interfalangee. Dal momento che i muscoli lombricali hanno origine sul lato palmare della mano e si attaccano all'aponeurosi dorsale, la forza viene trasferita dal muscolo flessore profondo delle dita per estendere completamente le dita e anche flettere le articolazioni metacarpo-falangee.

La tensione generata dal flessore profondo delle dita nelle articolazioni più distali è determinata dalla posizione del polso. La flessione del polso provoca un accorciamento muscolare in quel punto, riducendo la tensione che può essere generata più distalmente. Le dita non possono essere completamente flesse se il polso è completamente flesso.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chepla KJ, Goitz RJ, Fowler JR, Anatomy of the flexor digitorum profundus insertion, in J Hand Surg Am, vol. 40, nº 2, February 2015, pp. 240–4, DOI:10.1016/j.jhsa.2014.11.004, PMID 25542438. URL consultato il 30 marzo 2018.
  2. ^ Lutsky KF, Giang EL, Matzon JL, Flexor tendon injury, repair and rehabilitation, in Orthop. Clin. North Am., vol. 46, nº 1, January 2015, pp. 67–76, DOI:10.1016/j.ocl.2014.09.004, PMID 25435036. URL consultato il 30 marzo 2018.
  3. ^ Levangie Pamela K, Norkin Cynthia C, Joint Structure and Function: A Comprehensive Analysis, 5ª edizione, F.A. Davis, 2011, p. 326, ISBN 0-8036-2634-7.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Anastasi, Giuseppe Balboni, Pietro Motta, Anatomia umana, Quarta edizione, Milano, Edi.Ermes, 2010, ISBN 978-88-7051-428-5.
  • Susan Standring, Anatomia del Gray. Le basi anatomiche per la pratica clinica, Quarta edizione, Elsevier, 2009, ISBN 88-214-3132-0.

Altre immagini[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]