Muro anastasiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Muro anastasiano
Lunghe mura della Tracia
TürkeiAnastasiusmauer2.jpg
Civiltà Impero romano d'oriente
Utilizzo mura di difesa
Epoca VI secolo
Localizzazione
Stato Turchia Turchia
Regione Regione di Marmara
Dimensioni
Altezza circa 5 m
Amministrazione
Ente Istambul
sito web

Il Muro anastasiano (greco: Αναστάσειο Τείχος; turco: Anastasius Suru), anche dette Lunghe mura della Tracia (greco: Μακρά Τείχη της Θράκης; turco: Uzun Duvar), è un complesso di fortificazioni eretto 64 km a occidente di Costantinopoli per difendere la città dalle incursioni dal lato europeo. Originariamente lungo 56 km, si estende da Evcik İskelesi sul Mar Nero, attraverso la penisola tracica fino a raggiungere il Mar di Marmara 6 km a ovest di Selimbria. Fu eretto dai Romani d'Oriente tra la fine del V e l'inizio del VI secolo; prende il suo nome dall'imperatore Anastasio I (491-518), ma esistono indizi che fosse già in uso nel 469, sotto l'imperatore Leone I (457-474) e poi nel 478 sotto il suo successore Zenone (476–491), per poi essere sottoposto a radicali lavori da Anastasio tra il 507 e il 512. Il Muro fu utilizzato almeno fino al VII secolo.

Costruito in pietra e terra, era spesso 3, 3 m e alto oltre 5 m; era provvisto di torri, accessi, forti, fossati e una strada militare, e fu usato per difendere Costantinopoli dalle invasioni da occidente di Unni, Slavi e Bulgari. Un castrum rettangolare di 250 per 300 metri era costruito nella sezione centrale del muro.

Come sistema difensivo il Muro ebbe un'efficacia limitata, tanto che i barbari l'oltrepassarono molte volte. La fortificazione era infatti molto lunga e dunque difficilmente difendibile con una guarnigione limitata; inoltre, essendo stato costruito in fretta, non era sufficientemente robusto.

Il muro fu abbandonato nel VII secolo, a causa della difficoltà di mantenerlo e di provvedere alla sua guarnigione, e cadde in rovina. Nei secoli, circa la metà delle pietre utilizzate per la sua costruzione fu riutilizzata per le costruzioni vicine. Il tratto meglio preservato è quello nei boschi settentrionali.

Il Muro anastasiano è una fortificazione lineare antica di complessità paragonabile a quella del Vallo Adriano, ma meno conosciuto di questo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) C. Schuchhardt, Die Anastasius-Mauer bei Constantinopel und die Dobrudcha-Wälle in Jahrbuch des Kaiserlich Deutschen Arhäologischen Instituts, XVI, 1901, pp. 107–127.
  • J.G. Crow, The Long Walls of Thrace in Cyril Mango e Gilbert Dagron (a cura di), Constantinople and its Hinterland: Papers from the Twenty-seventh Spring Symposium on Byzantine Studies, Oxford, April 1993, Variorum, 1995, pp. 109–124, ISBN 0-86078-487-8.
  • J.G. Crow e A. Ricci, Investigating the hinterland of Constantinople: interim report on the Anastasian Long Wall in Journal of Roman Archaeology, vol. 10, 1997, pp. 253–288.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]