Mura di Pereta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tratto della cinta muraria esterna di Pereta

Le mura di Pereta costituiscono il sistema difensivo dell'omonimo borgo medievale situato nel territorio comunale di Magliano in Toscana.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Una prima cinta muraria fu realizzata dagli Aldobrandeschi a partire dal X secolo e completata nel corso del Duecento nell'area sommitale dell'attuale borgo di Pereta, dove andò ad incorporare la torre dell'Orologio che, all'epoca, svolgeva prevalenti funzioni difensive e di avvistamento.

Una seconda cinta muraria fu costruita in epoca tardomedievale dai Senesi nella parte bassa del borgo. I lavori si svolsero principalmente dalla metà del Trecento in poi e videro anche la costruzione lungo il perimetro della cortina muraria di due torri di avvistamento e il completo rifacimento della porta di accesso al borgo, nota come porta di Pereta.

Aspetto attuale[modifica | modifica wikitesto]

Le mura di Pereta presentano ancora oggi le due distinte cinte murarie, rivestite in conci di arenaria, risalenti alle due differenti fasi in cui vennero costruite.

La cinta muraria interna, più antica, si estende nella parte alta delimitando un'area a forma ellittica. I tratti ben visibili si alternano ad altri tratti incorporati nelle mura parimetrali esterne di alcuni edifici del centro storico; nell'area sommitale le mura giungono alla torre dell'Orologio che domina l'intero abitato.

La cinta muraria esterna, relativamente più moderna, si sviluppa nella parte bassa dove delimita la corrispondente area del borgo. Conserva due torri di avvistamento, una a sezione quadrangolare del periodo tardomedievale ed una a sezione circolare di epoca rinascimentale. Nella parte inferiore vi si apre la trecentesca porta di Pereta, in stile gotico con merlatura sommitale, il cui aspetto è dovuto a restauri in epoche recenti che si sono ben integrati con gli elementi stilistici tardomedievali.

Altre immagini[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Aldo Mazzolai. Guida della Maremma. Percorsi tra arte e natura. Firenze, Le Lettere, 1997.
  • Giuseppe Guerrini (a cura di). Torri e castelli della provincia di Grosseto (Amministrazione Provinciale di Grosseto). Siena, Nuova Immagine Editrice, 1999.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]


Cinte murarie della provincia di Grosseto
Porta di Ponente lato esterno Pereta (GR).jpg
Arcidosso | Batignano | Boccheggiano | Caldana | Campagnatico | Cana | Capalbio | Castel del Piano | Castiglione della Pescaia |
Civitella Marittima | Cosa | Gavorrano | Gerfalco | Giglio Castello | Giuncarico | Grosseto | Istia d'Ombrone | Magliano in Toscana |
Manciano | Massa Marittima | Montegiovi | Montelaterone | Montemassi | Montemerano | Montenero d'Orcia | Montepescali |
Monterotondo Marittimo | Montiano | Monticello Amiata | Montieri | Montorio | Montorsaio | Orbetello | Paganico | Pari | Pereta |
Pitigliano | Porrona | Porto Ercole | Roccalbegna | Roccastrada | Roccatederighi | Rocchette di Fazio | Roselle | Santa Fiora |
Saturnia | Scansano | Scarlino | Seggiano | Semproniano | Sorano | Sovana | Talamone | Tatti | Torniella | Travale | Vetulonia